Ponte Nomentano


Descrizione: Ponte Nomentano
Anno: ante 1920
Fonte: “Montesacro in fotografia, Giovanni Sozi
Aggiunta da Romano Paolini

1 Response

  1. Loredana Diana ha detto:

    Claudio Montesano
     Non c’era ancora la pineta dove giocavo d’estate da bambino.

    Massimiliano Onori
     Che ricordi….io da piccolino giocavo nei giardinetti…e nella pinetina..ove un tempo vi era la casetta che gli anziani usavano per ritrovarsi e giocare a carte e bocce!!!

    Carla Barducci 
    anche iooooooo. E qualcuno ricorda quando ci venivano le giostre? E quando lo incendiavano, mi pare ad agosto, per non so quale ricorrenza?

    Mamo’s Mario Nardi 
    Ebbene si io c’ero….Mio Nonno partiva da porta Pia per tuffarcisi…..e da bambino passeggiando mi raccontava come si tuffava…….Bei ricordi!!!

    Stefano Toria 
    Le giostre me le ricordo io da ragazzino, fine anni ’60, mi ci portava mio nonno. Una volta vinsi al tiro a segno una bottiglietta di marsala, era microscopica (ce n’era dentro meno di una tazzina da caffè) ma mi sentivo grande, la mia prima bottiglia di liquore.

    Marco Vincenti
     io da lì ci passavo avanti e indietro col mitico 36 barrato. Ora non c’è più neanche quello! Ah, anche col 137, che facevo prima!

    Giuseppe Valle 
    al palazzo subito dopo il ponte io ci lavoravo.. in una faleganameria sotto al palazzo …dal 72/ 73 al 83/84

    Alfredo Petrone
     e io andavo nella scuola prefabbricata che stava nella pinetina,parliamo del ’68…….scuola media

    Claudio Montesano
     In quella pinetina ci abbiamo giocato in tanti. D’estate era affollata dai bambini della zona che restavano in città. E’ vero, spesso c’era un Luna Park piuttosto scalcagnato che a noi però sembrava il massimo del divertimento.

    Adriano Candali 
    Ma ve li ricordate gli zingari che ogni anno si accampavano sulla salitella?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.