San Pietro

San Pietro – Spina di Borgo


Descrizione: San Pietro – Spina di Borgo
Anno: 1908
Fonte:(?)
Aggiunta da Franco Spicciariello

6 Responses

  1. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Il luogo “sparito”che più mi ferisce il cuore…..
    Forse il posto più bello della Roma che non c’e’ più…

  2. Avatar Carlo Galeazzi ha detto:

    Spesso si parla della demolizione della “Spina dei Borghi”. In realtà le distruzioni del 1936 hanno interessato circa la metà del tessuto storico di Borgo. 
    Per comprendere meglio è sufficiente ricordare i nomi delle strade e delle piazze che si sono perdute per sempre:

    Piazza Armellina
    Vicolo dell’Armellino
    Vicolo del Boia
    Borgo Nuovo
    Piazza Rusticucci
    Piazza Scossacavalli
    Vicolo della Traspontina
    Borgo Vecchio

  3. Avatar Marco Valerio ha detto:

    L’anno della foto coincide con l’anno di fondazione della società sportiva Fortitudo di Borgo.
    Concordo con Loredana per la ferita.
    Da notare il viadotto delle fornaci in mezzo alle …fornaci e la città che si fermava alla fine di via Candia.
    Bellissima Immagine

  4. Avatar Roma Sparita ha detto:

    Avevo quattro anni quando vidi per la prima volta San Pietro e fu proprio per il Giubileo del 1925. Ero in compagnia di mio padre, venivamo da Trastevere, dove ero nato in via San Cosimato e dove vivevo con la mia famiglia. Arrivammo percorrendo i vicoli, che poi furono distrutti, di Borgo Pio: un ammasso di casupole, piazzette, stradine. Poi, dietro l’ultimo muro di una casa che si aprì come un sipario, vidi questa immensa piazza. Il colonnato del Bernini, la cupola. Un colpo di scena da rimanere a bocca aperta. Ecco, quello che ricordo di più di quel Giubileo fu questa sorpresa. (Alberto Sordi)

  5. Avatar Marco112 ha detto:

    Tanti anni fa conobbi un vecchio muratore che aveva lavorato alla demolizione della Spina. Lui raccoglieva i tubi di piombo per recuperare quel  materiale prezioso. Anche lui raccontava l’effetto di meraviglia e stupore che si provava arrivando in piazza S. Pietro avendo percorso una lunga teoria di strade strette e vicoli. Provate adesso ad arrivare in piazza S. Pietro percorrendo via del Corridore de’ Borgo. L’effetto un po’ si rievoca! Ma la spina non c’è più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *