Stazione Termini

Stazione Termini


Descrizione: Vecchia Stazione Termini e il monumento ai caduti di Dogali
Anno: 1907
Fotografo:(?)
Fonte: cartolina
Aggiunta da Stefano Pozzi

1 Response

  1. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Daniela Massacci
    beh… se non ci si lascia andare a facili nostalgie è facile vedere che il timpano con i due archi ribassatti sono un accrocco senza proporzioni, una semplice decorazione senza grande valore. antico non vuol sempre dire bello incondizionatamente… :) ma certo, ognuno ha i suoi gusti

    Gianluca Flaminì
    la stazione vecchia è indubbiamente affascinante. Tuttavia l’elemento ad arco centrale è orribile, sembra un arco obeso.. :)

    Mariola Saliola
    tutte le cose vecchie hanno un fascino innato,ma non tutte sono eclatanti,in una città come roma ,secondo me il problema ,non è tanto quanto fascino avevano le cose distrutte,ma quanto poco ne hanno quelle che le hanno sostituite,mea culpa allla mia categoria ,a volte quello che non hanno fatto i barbari lo hanno fatto gli architetti…

    Giulio Rubeo
    Il monumento ai caduti di Dogali non è altro che il monumento ai 500 soldati caduti a Dogali (Etiopia) il 26/01/1887.Il monumento fu spostato successivamente tra le aiuole di Piazza dei 500 ed ancora oggi lo si può ammirare lì !

    Tommaso Benedetti
    Sarebbe bastato ricostruire la stazione rispettando l’architettura del quartiere e soprattutto cercando di non distruggere un’intera insula dell’antica Roma.

    Tommaso Benedetti
    ndubbiamente l’arco centrale non è granchè, ma nel complesso si inserisce bene nell’Esquilino mentre l’attuale con le sue dimensioni, il bianco del travertino e del marmo, sembra più adatta ad un quartiere come l’Eur.

    Claudio Montesano
    Sono d’accordo, ma il fatto è che durante il fascismo il senso estetico difettava e il gusto dell’armonia latitava. Sarebbe bastato, come dice Tommaso, ricostruire la stazione rispettando l’architettura del quartiere, che aveva un suo stile peculiare. Il razionalismo architettonico andava bene all’Eur, che è in effetti la materializzazione di una brillante idea architettonica.

    Alaide Silvaní Strzalkowski
    Laurentino Quante volte la hanno ricostruita fino oggi?

    Carlo Grossi
    Due con l’attuale, qui in foto si vede la seconda fase della prima fabbrica, la costruzione dei due corpi laterali.

    Paolo de Vecchi
    Tre volte l’hanno ricostruita perché il progetto di ricostruzione il cosidetto progetto manzoniano non andò a bun termine e furono costruite solo le ali di via Marsala e via Giolitti. Il fronte doveva essere profondamente diverso e fu ricostruito nel 1949 modificando profondamente e sostanzialmente la proettazione iniziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *