Via dell'acqua Bullicante

Via dell’Acqua Bullicante


Descrizione: Via dell’Acqua Bullicante. Sullo sfondo Largo Preneste
Anno: 1987
Fotografo:(?)
Fonte: Archivio personale Flamini
Aggiunta da Gianluca Flamini

9 Responses

  1. Avatar Mario Elia ha detto:

    La foto è stata scattata presumibilmente dalla palazzinetta situata all’angolo tra Via Teano e via di Acqua Bullicante. Sulla sinistra si nota il negozio di barbiere di Tonino (ora di Peppe) e il negozio di arredamenti all’angolo di Nello Gaggioli,oltre al negozio di pizza a taglio di Mafalda (“ce l’ha sempre calda” ) e adesso di Antonio e Mirella.Più avanti c’era l’oreficeria di mio compare Renato Rossi, il bar Pasticceria di Gerardo,affiancato al Bar America. Dal tipo di autobua,escluderei che la foto risalga al 1987: credo risalga perlomeno a dieci anni prima.

    Via di Acqua Bullicante prende il nome da una piccola sorgente di acqua contenente idrogeno solforato,una volta situata vicino all’ex stabilimento della Viscosa,dove negli anni della II° guerra si costriva la stoffa per i paracaduti. Il gorgoglio dell’acqua era tale che gli misero i nomi Vullicantem,Bolicante,Bulicante. Il fiumiciattolo partiva dalla Tuscolana e si scaricava nell’Aniene, verso Pietralata. Nel 1930,alla destra di Via Teano,all’interno,venne costruita una serie di casupole assegnate a 184 famiglie di baraccati,chiamata poi “Villaggio Ilari” (dai fratelli costruttori).

    • Avatar Enrica ha detto:

      Sai x caso che ne e della famiglia Rossi della gioielleria non riesco più a rintracciare neanche ke figlie

  2. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Erasmo Nuccitelli
    Io abitavo lì in Via A.Bullicante 405… confermo Gaggioli era il negozio e sopra c’era l’INA Assicurazioni… su quel piano la famiglia Banelli, Fittipaldi, Boccia e un’altra famiglia… sopra Famiglia Proietti, noi (Nuccitelli), Di Natale e Tuveri….quello è l’incrocio tra Via Acqua Bullicante e Via Sampiero di Bastelica… ho abitato al primo piano di
    quell’angolo dal 1971 al 1983 :-)

    Fabio Migliano
    Ancora adesso c’è la pizzeria di Mirella e il barbiere a via san piero di bastelica

    Paola Dore
    la via si chiama via Sampiero Di Bastelica era un condottiero e non un santo, mia nonna ci ha abitato dagli anni 50 e l’unica cosa che c’era il palazzaccio e santa Caterina che all’inizio era un colleggio adesso ci stanno gli ambulatori della asl

    • Avatar Mauro Spinelli ha detto:

      Santa Caterina della rosa negli anni ’70 ’80 era una scuola elementare, l’ultima dove ha insegnato mia nonna prima di andare in pensione

    • Avatar Mario ELIA ha detto:

      Paola Dore,sei una parente di Mario Dore,detto “er Pasucchia” ? che abitava ar palazzone . Semmai,digli “ti saluta Mario er Banana “. Saranno trentanni che non vedo.

  3. Avatar Mauro Spinelli ha detto:

    Vista la forma del 409 era sicuramente molto prima del 1987. Visto che l’ho preso dal 1972 al 1977 per andare a scuola all’Augusto direi che gli anni erano quelli.

  4. Avatar Gianluca Flamini ha detto:

    La foto è del 1987. Estate 1987 per la precisione.

  5. Avatar Lino ha detto:

    Il problema che certe vetture ATAC a Roma hanno continuato a girare per 15/20 anni, quindi l’autobus è sicuramente una vettura metà anni 70 che però a continuato il suo lavoro fino alla fine degli anni 80. Se pensiamo che oggi a Roma girano vetture dei primi anni 2000

  6. Avatar Andrea Civitani ha detto:

    Se è l’autore della foto che ci conferma che si tratta dell’estate 1987, e la sua memoria non lo inganna (e non sia stato fatto un errore nel datare la foto se lo si era fatto) allora alzo le mani! Ma anche io come gli altri avrei detto fosse uno scatto precedente, se non tanto per l’autobus (che anch’io ritengo poco diffuso negli anni 80, almeno per la mia memoria di quando cominciai ad andare spesso in giro a piedi), ma per i modelli delle automobili che si vedono; non ne riconosco una attribuibile alla seconda metà degli anni 80! Se comunque è così, davvero singolare non aver ripreso nella foto un modello “recente” per il 1987!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *