Porta Pinciana - Installazione dell'artista Christo

Porta Pinciana


Descrizione: L’impacchettamento di Porta Pinciana ad opera dell’artista Christo Javacheff
Anno: 1975
Fotografo: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Roma Sparita

1 Response

  1. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Renzo Manfè
    L’impacchettamento che vediamo nella foto è opera di Christo Javacheff che nasce nel 1935 in Bulgaria a Gabrovo, da una famiglia di industriali. Espone in vari musei europei e in America, a Roma impacchetta un muro: “The Wall”, a Newport Rhode Island “Ocean Front”:13940 metri quadri di tessuto di polypropilene galleggiano sul mare. Progetto per il Pont Neuf: “The Pont Neuf Wrapped -Project for Paris”, diversi progetti d’imballaggi non realizzati a Ginevra in particolare quello dei getti d’acqua, lungolago Gustave Ador e a Washington il centro J.F.Kennedy. Numerose esposizioni personali negli Stati Uniti e in Svizzera al Musée Rath a Ginevra. Progetto d’impaccaggio della monumentale statua di Cristoforo Colombo a Barcellona: “Wrapped Monument to Cristobal Colon”.
    Il concetto di memoria come prodotto di un’operazione sottrattiva è tema ricorrente nelle opere del bulgaro Christo Javacheff, che pur non occupandosi specificamente di architettura, compie, con i suoi celebri impacchettamenti, operazioni ambientali di grande incidenza sul piano essenzialmente architettonico.
    Pierre Restany, teorico del Nouveau Réalisme, ne mette in risalto, al di là del significato sottilmente concettuale, proprio l’aspetto progettuale, perché di vero e proprio progetto si può parlare nel caso delle “sparizioni” di Christo: “[ … ].in un momento in cui l’architettura conta troppi ingegneri o uomini d’affari e non abbastanza poeti, Christo fa parte di questi artisti che assumono il rilancio immaginativo di questo campo”.

    Enrico Ricci ‎…
    sono completamente daccordo; in poche parole per Christò la finalità di questa azione sta nel momento della riapertura dei teli: è come se ripercependo l’oggetto (in questo caso architettura) fino a quel momento coperto, l’attenzione viene di nuovo catturata e restituendo visibilità si risvegliano, sensazioni ed emozioni.

    Matteo Rapisarda
    posso dire che non mi piace per niente? porta pinciana impacchettata è uno sfregio secondo me anche per un giorno

    Annalisa Silvestri
    Me lo ricordo bene quel momento. Ci passavo davanti tutti i giorni con l’autobus e tutti i giorni mi si rivoltavano le viscere ! Altro che attenzione nuovamente catturata e risveglio delle sensazioni e delle emozioni ! Anzi no, le sensazioni c’erano seppur negative e le emozioni pure…. se lo avessimo potuto avere sotto le mani per cinque
    minuti…..

    Morcillo Ramirez
    Io credo che il sig. Christò avrebbe fatto un’opera veramente meritoria se avesse rivestito e impacchettato…sé stesso, senza rompere…ai monumenti storici.

    Carlo Grossi
    I Romani restarono totalmte indifferenti.

    Massimo Dafano
    ma che anno era?

    Giuseppe Utano
    primi anni 80?

    Giuseppe Utano
    comunque le opere di questo “artista” si basano sul sensazionalismo…qualche cosa che può scuotere l’opinione pubblica anche negativamente,il cui fine e il dibattito. a quel punto è la gente che diventa interprete dell'”opera”…chissà probabilmente queste imprese servono….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *