Roma Sparita - Spina di Borgo

Spina di Borgo


Descrizione: Spina di Borgo, due gemelli Palazzi Poletti a Piazza Pia, quello di sinistra (visibile)tra Borgo S. Spirito e Borgo Vecchio e quello di destra (non inquadrato) tra Borgo Nuovo e vicolo del Villano. La sistemazione della Piazza, curata dal Municipio di Roma, fu inaugurata il 21 giugno 1861. All’architetto di Pio IX Luigi Poletti sono da attribuire i due prospetti. Si vede a destra la Fontana dei Delfini che orna il prospetto del palazzo Sauve verso piazza Pia, che divide Borgo Vecchio da Borgo Nuovo, in pratica l’inizio dell’asse ideale della “spina di Borgo”. Sostituì l’antica fontana del “mascherone” eretta da Carlo Maderno al tempo di Paolo V andata in rovina e dispersa Ne fu autore Filippo Martinucci che realizzò una profonda nicchia inserita tra due colonne. Fu inaugurata il 7 dicembre 1861 quando ancora non era completamente ristrutturato l’edificio al quale era addossata. Accuratamente scomposta e conservata, nei magazzini vaticani, è stata rimontata al completamento dello sventramento di Via della Conciliazione, nel 1958, addossata ad un edificio lungo la via del Belvedere, dove purtroppo è secca e praticamente invisibile.
Anno: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Roma Sparita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *