Roma Sparita - Piazza del Campidoglio

Piazza del Campidoglio

Campidoglio
Descrizione: Piazza del Campidoglio – Presentazione di una nuova vettura Fiat al Sindaco
Anno: Dicembre 1972
Fotografo: (?)
Fonte: Roma in movimento nelle fotografie dell’ archivio Atac di Grazia Pagnotta Editori Riuniti 2002
Aggiunta da Roma Sparita

1 Response

  1. Avatar Stefano Tassone ha detto:

    L’autobus della foto era uno dei primi FIAT 421 dell’ATAC, veicolo che, all’epoca, appariva abbastanza innovativo, principalmente perchè aveva solo due gradini per salire in luogo dei classici tre (una sorta di “pianale ribassato” ante litteram); ciò fu realizzato posizionando il motore anteriormente, sotto il posto di guida, posizione però poco felice per i conducenti, costretti a lavorare a contatto con il caldo ed il rumore del motore stesso. Quest’ultimo era del tipo FIAT 8210.12, di grossa cilindrata e potenza (13798 cm3 e 220 CV, 225 nella versione a quattro porte), che era buono come rendimenti e prestazioni ma si rivelò presto poco economico, cosa che, stante la crisi petrolifera degli anni settanta, rese questo modello di autobus poco consigliabile; tuttavia, a causa delle buone prestazioni e delle innovazioni dianzi citate, l’ATAC ne ordinò un consistente lotto, ripartito principalmente in due serie: una da 11 metri (FIAT 421A, numerati 5000-5319), di cui in parte carrozzati dalla stessa FIAT (5000-5219) ed in parte dalla Menarini (5220-5319); l’altra serie fu consegnata nel 1975, ed era una versione più lunga (FIAT 421 AL, 12 metri, numerati 6000-6119) che disponeva, per la prima volta, di una carrozzeria a quattro porte anzichè tre, cosa che accelerava fortemente la salita e la discesa dei viaggiatori alle fermate, riducendo il tempo di sosta alle stesse e migliorando, conseguentemente, la velocità commerciale; quest’ultima versione fu acquistata anche a Torino. Purtroppo questi autobus ben presto mostrarono di avere anche altri difetti, quali le sospensioni eccessivamente morbide e, anche a causa delle ruote posteriori singole anzichè gemellari come di norma e del motore anteriore, talvolta erano soggetti a sbandamenti nei giorni di pioggia. Inoltre, specialmente nell’ultimo periodo di esercizio, nei mesi estivi venivano fermati a causa, come detto dianzi, della posizione infelice del motore, che avrebbe creato ai conducenti una situazione lavorativa intollerabile a causa del caldo. In conclusione, fu un modello molto meno riuscito, ad esempio, del FIAT 418, che invece fu un autobus molto affidabile ed economico, seppure meno innovativo. I FIAT 421 furono tutti radiati dal parco ATAC intorno agli anni novanta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *