Roma Sparita - Fiumicino

Fiumicino

Fiumicino
Descrizione: Fiumicino. Via del Serbatoio. Fontana delle Cinque Lune, si trova attualmente alla base del serbatoio per l’acqua, ma in origine era collocata a Roma, vicino Piazza Navona. Nel Maggio del 1928 fu indetto un concorso per la realizzazione di 10 fontane artistiche in travertino, la tipica pietra romana, in sostituzione di altrettante realizzate in ghisa. Il concorso stabiliva il materiale da utilizzare, la collocazione e le dimensioni, che dovevano rispondere anche ad una funzione pratica molto importante: quella di attingervi acqua. Per la fontana destinata a Piazza Madama si aggiudicò l’incarico il professor Salvatore Amato. Lo spunto per il disegno della fontana fu dato dalla forma della via e dal palazzo a cui era addossata, appartenente alla famiglia Piccolomini, nel cui stemma compare la croce sormontata da cinque lune. Nel 1936 però l’edificio venne demolito per la realizzazione del Corso del Rinascimento, e la fontana rimase a lungo nei magazzini comunali fino al dopoguerra, quando trovò l’attuale sistemazione a Fiumicino
La cartolina riporta erroneamente la Via Traiano (dal sito della pro loco di Fiumicino)
Anno: (?)
Fotografo: (?)
Fonte: Cartolina collezione personale
Aggiunta da Stefano Pozzi

3 Responses

  1. Sull’ispirazione del motivo decorativo di questa fontanella ne discutevo con Fabrizio Antonelli qualche settimana fa.
    È vero che nei pressi della sua collocazione originaria esisteva un palazzo dei Piccolomini, ma nello stemma di questa famiglia le lune sono cinque falci, tutte disposte orizzontalmente. Sul prospetto della fontana, invece, si trovano due falci orientate a destra, due a sinistra e alla sommità una luna piena con un volto sorridente (cfr. l’immagine allegata).
    Nel suo “Dizionario etimologico-storico delle strade, piazze, borghi e vicoli della città di Roma” (1847), Alessandro Rufini scrive a proposito della via delle Cinque Lune, oggi scomparsa, dove si trovava la fontanella: «La denominazione della strada presente deriva dall’antichissima trattoria quivi posta, e detta delle cinque lune, dall’insegna sopraposta all’ingresso, che porta la figura di questo pianeta in cinque fasi.» Sia Fabrizio che io, quindi, riteniamo che le lune sul prospetto della fontanella riproducano proprio quelle cinque fasi lunari, anziché le semilune dello stemma Piccolomini. Esiste comunque la possibilità che l’insegna della locanda sia a sua volta stata liberamente ispirata dalle semilune piccolominee.

    http://img7.imageshack.us/img7/4184/3ghb.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *