Roma Sparita - Via Satrico

Via Satrico

Via Satrico
Descrizione: Via Satrico angolo Via Acaia
Anno: Anni ’50
Fotografo: (?)
Fonte: Cartolina
Aggiunte da Antonio Perrone

6 Responses

  1. Avatar Giancarlo ha detto:

    Sono nato in via Vetulonia ora abito in via Caulonia e vi assicuro che via Satrico sarebbe un sogno averla come nella foto visto che e’ sempre trafficata, pero’ io sono nato qui e non cambio il mio quartiere con nessun’altro a Roma.

  2. Avatar Gianfranco ha detto:

    Via Satrico e Via Acaia quasi deserte.. ora è un’autostrada da quando è aperta via Cilicia+Via marco Polo (fino al ’90 isolate) come collegamento con la tangenziale est. Su uno dei palazzi c’era la sirena tipo allarme aereo che suonava alle ore 12,00. Di lì passava i, bus linea 90 che negli anni 50-60 era esercitato dai bus lunghi a 3 assi.

  3. Avatar CHIODI GIANFRANCO ha detto:

    gianfranco.Abitavo Via Licia, andavamo a giocare a pallone nello spazio ora occupato da una scuola magistrale,mi pare.Ricordo Ciccolini Gilberto che abitava vicino all’edicola ……ora e’ in cielo.Si giocava anche nel
    campo dell’ ALMAS ,pieno di sassolini……….E la prima fidanzatina ?? Non ve lo diro’ mai,ma abitava in via Acaia !

  4. Avatar valentino ha detto:

    io ho abbitato.in via satrico mia madre facceva la portiera.al 65..sono stato li 22.anni.era roma nostra..adesso ne rimane poca..ho forse niente…..anni 60..e 70..non tornanano piu

  5. Avatar Francca ha detto:

    Io sono nata a via Acaia n.50; tanti tanti anni fa.Ho sempre avuto una grande nostalgia della mia casa, ma pur essendoci passata davanti un sacco di volte non ho mai avuto il coraggio di suonare il campanello al mio interno e cosi rivedere la mia casetta. poi ogigi con i tempi che corrono davvero non mi aprerebbero!…. mi ricordo tutto della mia zona. Ho fatto le elemetari al Manzoni. Andavo a comprare i libri e dei pentolini di terracotta dal tabbaccaio d’angolo con via Satrico, quanti ricordi e quanta nostalgia!…A Napoli si direbbe  « tempi belli e na vota.’’.

  6. Avatar Marcella ha detto:

    SONO Marcella sono nata a via Satrico al numero 3 ho vissuto i miei primi trent’anni di vita dalla mia finestra vede l allora campo Almas e i giochi che facevo con le mie coetane erano.le scalette dell’entrata del campo Almas dove cerano due terrazze ed erano le nostre casette e giocavamo con le bambole e un ricordo ricorrente è quando passarono per quella strada gli Americani e ci buttavano caramelle e gomme americane su quelle famose scalette il GIORNALAI O I MIEI genitori sono vissuti altri dieci anni fino alla fine dei loro giorni potete immaginare in Via Satrico ho lasciato il cuore grazie per avermi fatto rivivere quel periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *