Roma Sparita - Borghetto Prenestino

Borghetto Prenestino

Borghetto Prenestino
Descrizione: Borghetto Prenestino
Anno: Anni ’50
Fotografo: (?)
Fonte: Archivio personale
Aggiunta da Elisabetta Malta

24 Responses

  1. Stefano ha detto:

    Francamente non capisco il commento, sparisse tutta Roma???

  2. roberto ha detto:

    Sono nato nel borghetto nel 1952 e ci sono stato fino al 1960 dopo ci hanno dato casa popolare a Torre spaccata ero piccolo ma sono stato bene e ho dei bei ricordi grazie ai miei genitori.

  3. rosy ha detto:

    anche io ci sono nata nel 1953 e ci sono rimasta fino al 1969, ho passato un’infanzia felice nonostante la poverta’ grazie al sacrificio dei miei genitori

  4. mario ha detto:

    Sono andato ad abitare in via Prenestina 307 (palazzo tranvieri) nel 1957 e il borghetto prenestino andava da largo preneste a via attilio hortis,ricordo con nostalgia le sassaiole (innocue) tra noi ragazzini dei “palazzoni” e i ragazzini del borghetto per una non ben definita supremazia territoriale.Comunque che tempi e che ricordi !!!!

  5. lorenzo ha detto:

    caro marano io abito da circa 20 anni in inghilterra . qui hanno una discreto rispetto per l’italia , ma quando dico che io sono di roma (san giovanni) si tolgono tanto di cappello e provano una profonda invidia per la mia provenienza. mi dicono apertamente che vorrebbero tanto essere romani.non sto esagerando. qui si effetuano moltissimi scavi alla ricerca di resti romani che si trovano in abbondanza , e che poi vengono restaurati e aperti al pubblico. l’epoca romana in inghilterra viene considerata come parte della loro storia e viene raccontata con orgoglio. c’e’ una cittadina di cui non vi dico il nome che ha al suo interno alcuni resti romani, bene ogni anno fanno la festa romana tutti si vestono da antichi romani .alcuni hanno la divisa militare romana e marciano agli ordini di un comandante che impartisce gli ordini in latino. cara marano penso che sei proprio geloso perche’tu mi dispiace ma non puoi dire di essere romano . io invece si’. tanti saluti , mi auguro che tu possa un giorno amare roma e convincerti che roma (non l’italia) ha un posto di assuluta eccellenza nel mondo.

  6. Riccardo ha detto:

    Io sono nato in BORGATA nel 1952(chiaramente al BORGHETTO PRENESTINO ) orgoglioso di averci vissuto fiono a 14 anni, i miei migliori amici( che come me hanno vissuto in BORGATA ) sono sempre gli stessi Mia Moglie l’ho conosciuta in BORGATA . la mia infanzia povera ma ricca di vita vissuta tra quelle casette ( dette baracche )

    • Giusy ha detto:

      Ciao Riccardo , anche io sono cresciuta in una di quelle casette della borgata Prenestina, se tu sapessi che bei ricordi che ho… ancora sento nostalgia di quell’epoca ,comunque come dici tu , eravamo poveri… ma belli dentro !

  7. Giorgio ha detto:

    Io in viale della stazione Prenestina ci sono cresciuto ed ho visto scomparire il borghetto prenestino dove abitavano molti miei più cari amici. Io ero un fortunato perchè ero un palazzinaro e dall’alto vedevo le baracche piene di vita, dalla nonnina con la capretta che la mattina mungeva il latte ai miei compagni di scuola.
    Quel tizio che dice “sparisse tutta” sicuramente non ha un passato di bei ricordi. Io ne sono fiero di essere cresciuto in un quartiere dove tutti ci conoscevamo pieno di cultura.
    Quando sento dire oggi che qualcuno caduto in un giraccio di droga o altro perchè cresciuto in un quariere degradato mi si ribolle il sangue, in quel borghetto volendo c’era di tutto ma se la base era sana non ci cadevi, nel borghetto la droga non esisteva esisteva solo la povertà di chi si era trasferito magari da un altra città per sopravvivere ma che tirava avanti onestamente a denti stretti.
    Un saluto a tutti li borgatari e i palazzinari del prenestino.

  8. PATACCHIOLA VALTER ha detto:

    Sono nato al Borghetto nel 56 ho fatto l’asilo nel 59 e 60 dalle suore ,io vivevo se non sbaglio il nome via dei quintili? Mio nonno veniva dai sventramenti di via dei Fori Imperiali e se non ricordo male noi non vivevamo nelle baracche .Abitava vicino alla sora Checchina ,dietro alla fontanella e c’era anche il fornaio . Il pronto soccorso c’èsempre stato,io ci sono andato parecchie volte con ferite per sassaiole ,che bei tempi

  9. Tonino Daddato ha detto:

    Via della stazione del borghetto prenestino 90/a dal 1975 sino al 1980 ho fatto le scuole elementari ed ho sempre nel cuore dei bei ricordi siamo state una delle ultime famiglie ad andare via, ci diedero casa a Tor vergata. Bei tempi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *