Roma Sparita | Storia e Cultura - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey) Roma Sparita | Storia e Cultura - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

L’Arte

Gran bell’arte è er pittore, lo scoparo, Er giudisce, er norcino , er rigattiere, Er beccamorto, er medico, er cucchiere, Lo stroligo, er poveta e ‘r braghieraro . Piú mmejj’arte è er cerusico, er...

0

Piazza dell’Alberone

Nel 1943, durante la guerra, due famiglie vennero all’Alberone, nell’ex palazzo delle ferrovie, abitavano al nono piano una di fianco all’altra, avevano molti figli ma tra due, Egidio e Giuseppina, sbocciò un grande amore, lei era bellissima, con due occhi azzurri come il cielo, veniva da Cassino, dove aveva perso tutto…e quella casa, quel quartiere, per lei furono come un grembo materno, a cui affidare la sua esistenza.
Lì, tra il Liceo Augusto e il cinema Maestoso, loro concentrarono infatti tutta la loro vita, tre figli, io sono una di loro, e tutto quello che la vita passa…
Il mercato per lei era casa, papà dopo il lavoro passava un’oretta con gli amici dal Bersagliere o da Ciarla o in una bettola vicino al deposito Stefer, e c’erano la Novena di Natale, il Mese Mariano, i pomeriggi a Villa Lazzaroni, la domenica a Villa Celimontana, le lumache a San Giovanni, e c’era la solidarietà, nel palazzo chi sapeva faceva, punture, cucito, prendere o portare i bimbi a scuola, assistere nella malattia, un pensierino per battesimi cresime e matrimoni, cucinare per le famiglie dei defunti…
Egidio nel 1995 purtroppo se n’e’ andato, lei e’ rimasta sola e noi avremmo voluto che venisse ad abitare magari vicino a me, questa e’ sempre stata la sua risposta:
“Vostro padre qui mi ha lasciato e qui mi deve ritrovare, all’Alberone”
Amava così tanto quel posto che persino su google maps fino allo scorso anno si vedeva la sua testolina bianca sul balcone, dove ha passato i suoi ultimi anni.
Ma l’età ha portato l’alzheimer e nel 2012 ho dovuto portarla via, le feci quel giorno qualche foto sul balcone, in una le ho detto, col cuore gonfio, “mamma saluta l’Alberone”
lei, che non capiva che stava andando via per sempre, guardò l’Albero e disse “Ciao amore”…

Ricordo scritto da Loredana Diana per Roma Sparita

8

Pasqualino cocco bello

Mi ricordo le estati da bambina, a Fiumicino, nei primi anni ’60. Allora c’era una spiaggia immensa, ferrosa, la mattina era tutta una buca, per i bambini che giocavano, i “fagottari” che mettevano cocomeri e vino in fresco, anziani che, nelle ore più calde, facevano le “sabbiature” per i dolori alle ossa.
Ogni mattina passava un pescatore, originario di Minturno, vendeva cartocci di telline, io e papà ne eravamo ghiotti, così le comprava e si fermava a chiacchierare col pescatore. Con lui c’era suo figlio, un bambino con gli occhi del colore del mare, aveva anche lui un secchiello con le telline e fiero seguiva il suo papà…
Dopo molti anni tutto cambiò, le maree avevano mangiato la spiaggia, il ferro non si vedeva più, così come i fagottari e le loro buche, c’era però un giovane dagli occhi colore del mare, non più con il secchiello ma con una carriola, non più telline ma cocco olive e noccioline…
Oggi non c’è più nulla di tutto quello che era, nessuno si sdraia in terra con l’asciugamano, nessuno mette in fresco nulla nelle buche ma ancora adesso… sdraiati nel comodo lettino con gli occhi chiusi, da lontano si sente una voce che ti riporta indietro nel tempo, ritrovando odori colori ricordi…ed eccolo lì, con carriola e cappello di paglia a gridare…
“Cocco belloooo
A regazzì ma nun piagnete???
E’ arrivato Pasqualino cocco bello”

0

Roma parlaje tu

Tu me giri attorno
Come l’ape ar fiore
Pure si nun voi capire
Roma me regge er gioco
Pe rubatte er core

Roma, parlaje tu
Io so sortanto che je vojo bene
Notte, parlaje tu
Col gorgoglio de tutte le fontane
Con quell’aria che brucia tra i rami
Come un respiro
Daje un brivido dolce
Come vorrei far’io

Roma, parlaje tu
Perché tu ce lo sai
Che l’ho ner core
Roma, parlaje tu
Ma scegli ad una ad una le parole
Lei me capirà
Che nel mentre che gliè rubo er primo bacio
Se stringerà più forte
E si je piacio me lo dirà stanotte

0

Porta Portese

Porta Portese

Fiore de sale
l’amore fa penà ma nun se more…
d’amore nun se more me se sta male…

Claudio Baglioni
tratta da Questo Piccolo Grande Amore 1972

0

Tutti ar mare

Tutti ar mare,
tutti ar mare
a mostra’ le chiappe chiare,
co’ li pesci,
in mezzo all’onne,
noi s’annamo a diverti’.

Tutti ar mare,
tutti ar mare
a mostra’ le chiappe chiare,
co’ li pesci,
in mezzo all’onne,
noi s’annamo a diverti’…..

Scritta e cantata da Gabriella Ferri – 1973

0

Sora Lella

“Fa quello che te fa’ felice perché tu sei er quadro no a cornice”
Sora Lella (Elena Fabrizi) 17 giugno 1915-9 agosto 1993

0

Te c’hanno mai mannato a quer paese…

Me sarò chiesto cento, mille volte
Io che nun so né re né imperatore
Che ho fatto pe’ trovamme stà reggina
Ner letto, fra le braccia, in fonno ar còre
E datosi che sei così prezziosa
Stasera io te vojo dì ‘na cosa
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Er primo cittadino è amico mio
Tu dije che te c’ho mannato io
E và, e và
Va avanti tu che adesso c’ho da fa’
Sarai la mia metà ma si nun parti
Diventi n’artro pò la mia tre quarti
E và, e và
Nun pòi sapè er piacere che me fa
Magari qualche amico te consola
Così tu fai la scarpa e lui te sòla
Io te ce manno sola
Io te ce manno sola
Sola senza de me
Già che ce so’ me levo st’artro peso
Cò te che fai er capoccia e stai più su
Te sei allegrato troppo, senti, a coso
Mica t’offendi si te dò der tu
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
A te te danno la medaja doro
E noi te ce mannamo tutti in coro
E và, e và
Chi và co’ la corente è ‘n baccalà
Io so’ sarmone e nun me frega gnente
A me me piace annà contro corente
E và, e và
Che più sei grosso e più ce devi annà
E t’aritroverai ner posto ggiusto
E prima o poi vedrai che provi gusto
Solo scherzanno gusto
Solo cantanno gusto
Solo a scherzà pardon
Ma quanno la matina sto allo specchio
C’è ‘n fatto che me butta giù er morale
Io m’aritrovo sempre ar gabinetto
E m’aricanto addosso stò finale
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Così che m’encoraggio e me consolo
Cor fatto de mannammece da solo
E và, e và
Che si ce devi annà, ce devi annà
Tanto si t’annisconni dietro a ‘n vetro
‘Na mano c’hai davanti e n’artra dietro
E và, e và
È inutile che stamo a litigà
Tenemose abbracciati stretti stretti
Che tanto prima o poi c’annamo tutti
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
Ma tu che fai nun venghi
Chi è ahò? E come nun vengo
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese là

0

La ninna nanna della guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna,
dormi dormi, cocco bello,
se no chiamo Farfarello,
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone
Gujermone e Cecco Peppe
che s’aregge co’ le zeppe:

co’ le zeppe de un impero
mezzo giallo e mezzo nero;
ninna nanna, pija sonno,
che se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno,
fra le spade e li fucili
de li popoli civili.

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che comanna,
che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza,
o a vantaggio de una fede,
per un Dio che nun se vede,

ma che serve da riparo
ar sovrano macellaro;
che quer covo d’assassini
che c’insanguina la tera
sa benone che la guera
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe li ladri de le borse.

Fa la ninna, cocco bello,
finché dura ‘sto macello,
fa la ninna, che domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima,
boni amichi come prima;

so’ cuggini, e fra parenti
nun se fanno complimenti!
Torneranno più cordiali
li rapporti personali
e, riuniti infra de loro,
senza l’ombra de un rimorso,

ce faranno un ber discorso
su la pace e sur lavoro
pe’ quer popolo cojone
risparmiato dar cannone.

0

Venticello de Roma

Venticello, venticello de Roma
venticello profumato de sole e d’amor
se la sera, l’Aventino te chiama
je’ risponni dar Giannicolo in fior.
mentre in cielo mille stelle brilleno,
diecimila bocche gia’ se cercheno
tu le sfiori e ja’ rigali’n brivido
e nell’oscurita’
tu sfarfalli pe’ le strade de Roma,
venticello che ci aiuti a sogna’.
venticello de Roma.
mentre in cielo mille stelle brilleno
diecimila bocche gia’ se cercheno
tu le sfiori e ja’ rigali’n brivido
e nell’oscurita’
tu sfarfalli pe’ le strade de Roma,
venticello che ci aiuti a sogna’
chi te po’ mai scordà
venticello de Roma…