Roma Sparita | Storia e Cultura - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

L’ORTOLANO E ER DIAVOLO

C’era ‘na vorta un povero Ortolano
che, se j’annava un pelo a l’incontrario,
dava de piccio a tutto er calennario,
metteva in ballo er paradiso sano;
Dio guardi! cominciava a biastimà:
— Corpo de…! sangue de…! mannaggia la…! —
Un giorno, mentre stava a tajà un cavolo
e che pe’ sbajo tajò invece un broccolo,
come faceva sempre attaccò un moccolo:
però, ‘sta vorta, scappò fòra er Diavolo
che l’agguantò da dove l’impiegati
cianno li pantaloni più lograti.
Ner sentisse per aria, straportato,
l’Ortolano diceva l’orazzione,
pregava le medesime persone
che poco prima aveva biastimato:
— Dio! Cristo santo! Vergine Maria!
M’ariccommanno a voi! Madonna mia! —
Er Diavolo, a sti’ nomi, è naturale
che aprì la mano e lo lassò de botto:
l’Ortolano cascò, come un fagotto,
sopra un pajone senza fasse male.
— L’ho avuta bona! — disse ner cascà —
Corpo de…! sangue de…! mannaggia la…!

0

Quanto sei bella Roma

Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera,
Er Tevere te serve, er Tevere te serve da cintura.
San Pietro e er Campidojo da lettiera.
Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t’ho lasciato,
c’avevo in petto er core, c’avevo in petto er core e l’ho perduto.
Dimmelo bello si l’hai ritrovato,
Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t’ho lasciato.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c’e’ ‘na stella,
E tu non poi guardalla, e tu non poi guardalla tanto brilla.
E questa è Roma mia, Roma mia bella,
De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c’e’ ‘na stella.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina,
Te gira intorno er fiume, te gira intorno er fiume e te incorona,
E tutta ‘n’arberata te se inchina,
Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Roma che la piu’ bella, Roma che la piu’ bella sei der monno,
Io penso sto’ stornello, io penso sto’ stornello e te lo manno.
Tu me parli d’amore io t’arrisponno,
Roma che la piu’ bella, Roma che la piu’ bella sei der monno.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

0

Quante n’avemo viste

Quante n’avemo viste
E chissà quante ancora ne vedremo
Ma pe fortuna noi se ne fregamo
Ma pe fortuna noi se ne fregamo

A noi c’hanno insegnato
Che chi s’empiccia vo’ restà impicciato
Capace puro che, more ammazzato
Capace puro che, more ammazzato

Da quando esiste la tera
L’omo va avanti a singhiozzi
Quanno non po fa na guera
Cerca de fa er monno a tozzi

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

L’aria de Roma nostra
è un misto de scirocco e ponentino
Che t’accarezza er core piano piano
Che t’accarezza er core piano piano

Quanno l’accarezzato
Er core te diventa indiferente
E allora non te frega più de niente
E allora non te frega più de niente

Da quando esiste la tera
L’omo va avanti a singhiozzi
Quanno non po fa na guera
Cerca de fa er monno a tozzi

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

0

Pifferai e zampognari

Pifferai e zampognari
Arrivavano a Roma il 25 novembre, giorno di Santa Caterina, era in uso ospitarli nelle case, dove venivano offerti cibo vino e denari (“il cartoccio della padrona”). Spesso erano detti anche “orsanti”, perché portavano con loro degli animali che danzavano, come orsi, scimmiette, cani, uccelli ecc.
La novena si articolava con una introduzione, la cantata, la pastorale ed infine il saltarello…

0

La callarostara

La callarostara

E mo ch’er freddo incarza e la staggione
se porta appresso l’acqua, er gelo, er vento,
te vedo n’artravorta sur cantone
co tutto quanto er solito armamento.
Quanto lavori, accosto a quer focone
tu nun te fermi manco pe’ un momento
sventoli, attasti, smovi er padellone
che coce le castagne a foco lento.
Povera vecchia Sei così aggrazziata,
che quanno che te passo da vicino,
me fermo pe’compranne ‘na manciata.
E tu me capi sempre le più belle.
Io imbocco l’osteria,
me fo un quartino,
tramezzo a tante cocce scrocchiarelle.

0

Pangiallo romano

Pangiallo romano
Da quasi duemila anni, pur se cannibalizzato da panettoni e pandori, la tradizionale miscela di farina d’orzo, miele e frutta secca tipica dell’epoca romana si trova ancora in alcune pasticcerie della Capitale mentre non manca mai nel resto del Lazio.
Una pagnotta gialla come l’oro e tonda come il sole, da donare con l’auspicio che i lunghi mesi d’inverno si esauriscano in fretta. Ha il fascino della leggenda e la sacralità del rito propiziatorio la miscela di miele, frutta secca e cedro candito che anima la ricetta tradizionale del Pangiallo romano: un dolce che per quasi duemila anni è stato nel Lazio il piatto tipico delle feste natalizie, ma che oggi purtroppo risulta quasi completamente estinto dalle tavole e dai banconi di bar, pasticcerie e fornai della Capitale.
La sua storia è antica quasi quanto Roma. Si tramanda che già nell’età imperiale fosse usanza, in occasione del solstizio d’inverno, preparare e regalare un dolce che per forma e colore ricordasse il sole. Perché la sua parte esterna, di un giallo acceso, avrebbe portato in casa la luce intensa che richiamava il ritorno della bella stagione. In un capitolo dedicato ai dolci del «De re coquinaria» di Apicio, noto «chef» dell’antichità, si trova traccia della ricetta del Pangiallo. Il cuoco consigliava: «mescola nel miele pepato del vino puro, uva passita e della ruta. Unisci a questi ingredienti pinoli, noci e farina d’orzo. Aggiungi le noci raccolte nella città di Avella, tostate e sminuzzate, poi servi in tavola». Col tempo, nei secoli, divenne la specialità dei fornai della città e della regione, nonché il vanto della produzione domestica di dolciumi natalizi

0

L’amore

L’amore è sempre bello: da vicino,
da lontano, in finestra, pe’ le scale,
a casa (e si c’è mamma, poco male,
abbasta che je tocchi un po’ er piedino).

L’amore d’anniscosto è tal’e quale:
pôi fa’ l’amore drent’un portoncino…
(si puro c’è davanti un regazzino,
che je fa? È un impiccio che nun vale).

L’amore è sempre bello, in ogno posto!
Però, pe’ parte mia, io v’assicuro
che scejerebbe sempre, a ogni costo,

de fa’ l’amore pe’ li vicoletti:
armeno, se non antro, stai all’oscuro
e so’ più scrocchiarelli li bacetti

0

‘A garganella

Àrza la boccia setta ne la mano
mànnela avanti e indietro e cor movélla
fa che pisciali er vino piano piano
come dar becco d’una funtanella
Trattiè’ el respiro pe’un minuto sano,
piega la lingua in forma de scudella, poi succhia
questo, ner parlà’ romano, noi lo chiamamo béve a garganella

Antonio Mun0z
Dipinto: La bevuta a garganella di Édouard Manet (1862/72)

0

Mi’ sôcera

È mejo cento vorte avè’ er colera,
la migragna, la febbre scarlattina;
è mejo cento vorte avè’ la guera
che d’avecce la sôcera vicina.

IO che ciò ‘sta disgrazia, sôra Nina,
che me l’ho da cibbà matina e sera,
imptatiribbirmente ogni matina,
fo a Gesù benedetto ‘sta preghiera:

– O caro Gesù mio, pè quell’amore
che portate a’ la Vergine Maria,
libberateme Voi da ‘st’anticore.

E un giorno che viè giù a trovà la fìa,
senza faje provà’ tanto dolore,
fateje roppe’ er collo e … così sia!-

0

Quell’occhi

Anima , bella, rosa ricamata
sopra ‘na tela d’oro sopraffina,
come te posso di’ che sei carina
si nun m’abbasta manco er nome “fata”?

Sotto la fronte bianca e scorniciata
da ‘n ammasso de seta fina fina,
tu ciài ‘na rarità proprio divina:
ciài l’occhi de madonna immacolata.

Du’ occhi rilucenti com’er sole,
pieni de vita e pieni de dorcezza,
che parleno e nu’ spiegheno parole!

Occhi affatati! Si v’avessi qui,
fra un bacio appassionato e ‘na carezza,
vorrebbe campà un’ora e poi morì!