Roma Sparita | Storia e Cultura - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey) Roma Sparita | Storia e Cultura - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

0

Sora Lella

“Fa quello che te fa’ felice perché tu sei er quadro no a cornice”
Sora Lella (Elena Fabrizi) 17 giugno 1915-9 agosto 1993

0

Te c’hanno mai mannato a quer paese…

Me sarò chiesto cento, mille volte
Io che nun so né re né imperatore
Che ho fatto pe’ trovamme stà reggina
Ner letto, fra le braccia, in fonno ar còre
E datosi che sei così prezziosa
Stasera io te vojo dì ‘na cosa
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Er primo cittadino è amico mio
Tu dije che te c’ho mannato io
E và, e và
Va avanti tu che adesso c’ho da fa’
Sarai la mia metà ma si nun parti
Diventi n’artro pò la mia tre quarti
E và, e và
Nun pòi sapè er piacere che me fa
Magari qualche amico te consola
Così tu fai la scarpa e lui te sòla
Io te ce manno sola
Io te ce manno sola
Sola senza de me
Già che ce so’ me levo st’artro peso
Cò te che fai er capoccia e stai più su
Te sei allegrato troppo, senti, a coso
Mica t’offendi si te dò der tu
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
A te te danno la medaja doro
E noi te ce mannamo tutti in coro
E và, e và
Chi và co’ la corente è ‘n baccalà
Io so’ sarmone e nun me frega gnente
A me me piace annà contro corente
E và, e và
Che più sei grosso e più ce devi annà
E t’aritroverai ner posto ggiusto
E prima o poi vedrai che provi gusto
Solo scherzanno gusto
Solo cantanno gusto
Solo a scherzà pardon
Ma quanno la matina sto allo specchio
C’è ‘n fatto che me butta giù er morale
Io m’aritrovo sempre ar gabinetto
E m’aricanto addosso stò finale
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Così che m’encoraggio e me consolo
Cor fatto de mannammece da solo
E và, e và
Che si ce devi annà, ce devi annà
Tanto si t’annisconni dietro a ‘n vetro
‘Na mano c’hai davanti e n’artra dietro
E và, e và
È inutile che stamo a litigà
Tenemose abbracciati stretti stretti
Che tanto prima o poi c’annamo tutti
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
Ma tu che fai nun venghi
Chi è ahò? E come nun vengo
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese là

0

La ninna nanna della guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna,
dormi dormi, cocco bello,
se no chiamo Farfarello,
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone
Gujermone e Cecco Peppe
che s’aregge co’ le zeppe:

co’ le zeppe de un impero
mezzo giallo e mezzo nero;
ninna nanna, pija sonno,
che se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno,
fra le spade e li fucili
de li popoli civili.

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che comanna,
che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza,
o a vantaggio de una fede,
per un Dio che nun se vede,

ma che serve da riparo
ar sovrano macellaro;
che quer covo d’assassini
che c’insanguina la tera
sa benone che la guera
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe li ladri de le borse.

Fa la ninna, cocco bello,
finché dura ‘sto macello,
fa la ninna, che domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima,
boni amichi come prima;

so’ cuggini, e fra parenti
nun se fanno complimenti!
Torneranno più cordiali
li rapporti personali
e, riuniti infra de loro,
senza l’ombra de un rimorso,

ce faranno un ber discorso
su la pace e sur lavoro
pe’ quer popolo cojone
risparmiato dar cannone.

0

Venticello de Roma

Venticello, venticello de Roma
venticello profumato de sole e d’amor
se la sera, l’Aventino te chiama
je’ risponni dar Giannicolo in fior.
mentre in cielo mille stelle brilleno,
diecimila bocche gia’ se cercheno
tu le sfiori e ja’ rigali’n brivido
e nell’oscurita’
tu sfarfalli pe’ le strade de Roma,
venticello che ci aiuti a sogna’.
venticello de Roma.
mentre in cielo mille stelle brilleno
diecimila bocche gia’ se cercheno
tu le sfiori e ja’ rigali’n brivido
e nell’oscurita’
tu sfarfalli pe’ le strade de Roma,
venticello che ci aiuti a sogna’
chi te po’ mai scordà
venticello de Roma…

0

Roma capoccia

Quanto sei bella Roma
quann’è sera,
quando la luna se specchia
dentro ar fontanone
e le coppiette
se ne vanno via,
quanto sei bella Roma
quando piove.

Quanto sei bella Roma
quann’è er tramonto,
quando l’arancia rosseggia ancora
sui sette colli
e le finestre
so’ tanti occhi
che te sembrano dì:
quanto sei bella!
Ah, quanto sei bella.

Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui.
Vedo la maestà der Colosseo,
vedo la santità der Cuppolone,
e so’ più vivo,
e so’ più bono,
no, nun te lasso mai,
Roma capoccia
der monno infame.

Na carrozzella va
co’ du’ stranieri,
un robivecchi te chiede
un po’ de stracci,
li passeracci
so’ usignoli,
io ce so’ nato, Roma,
io t’ho scoperta, stamattina.

Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui.
Vedo la maestà der Colosseo,
vedo la santità der Cuppolone,
e so’ più vivo,
e so’ più bono,
no, nun te lasso mai,
Roma capoccia
der monno infame.
Roma capoccia
der monno infame.

0

Piazza Scossacavalli

PIAZZA SCOSSACAVALLI

Piazza Scossacavalli è una di quelle tante piazze che sono scomparse a seguito dei lavori urbanistici che hanno interessato Roma ai primi del 900. In particolare la sua distruzione si deve alla realizzazione di Via della Conciliazione, tra il 1937 e il 1941.
La Piazza si trovava all’incirca a metà di quella che era denominata la Spina di Borgo, tra Borgo Vecchio (la strada che collegava Ponte Sant’Angelo con San Pietro) e la via Alessandrina (aperta nel 1499 da Alessandro VI), detta anche Borgo Nuovo, parallela a Borgo Vecchio. La Piazza esisteva già nell’altomedioevo ma ebbe la sua forma definitiva nei primi anni del ‘500, a seguito della realizzazione dei vari palazzi e chiese che vi si affacciarono. Partendo dal lato verso Castel Sant’Angelo, ad Est, avremmo trovato la Chiesa di San Giacomo a Scossacavalli (abbattuta nel 1937) progettata da Antonio da Sangallo il Giovane e portata a compimento solo all’inizio del 1600. Di fronte alla Chiesa si trovava il palazzo di Alessandro Caprini, conte di Viterbo, realizzato all’inizio del ‘500 su progetto del Bramante. Nel 1517 in questo palazzo lavorò e abitò Raffaello. In seguito il palazzo ebbe complesse vicende: alla fine del 1500 passò a Camilla Peretti, sorella di Sisto V, nel 1620 appartenne agli Spinola e infine nel 1676 fu acquistato dal cardinale Girolamo Gastaldi che alla sua morte lo lasciò all’Ospizio dei Conversi. Il palazzo fu demolito nel 1940 ma venne ricostruito in forme simili in Via della Conciliazione 34/37, ovvero tra la Chiesa di Santa Maria in Traspontina e Palazzo Torlonia, il palazzo che chiudeva la piazza a N. Nato come palazzo Castellesi, edificato tra il 1513 e il 1517 su progetto, forse, di Bramante ebbe vari proprietari tra cui i Borghese, i Colonna, la Camera Apostolica, il Conte Giraud e la Reverenda Fabbrica di San Pietro che lo vendette, nel 1820 ai principi Torlonia. Sull’altro lato della piazza, a S, di fronte a palazzo Torlonia si ergeva il Palazzo della Rovere, realizzato tra il 1480 e il 1490. Il Palazzo è proprietà dal 1655 del Collegio dei penitenzieri, interpreti ufficiali durante le confessioni dei pellegrini stranieri che non parlavano italiano. Dal 1943 il Palazzo appartiene all’Ordine Equestre del Santo Sepolcro. Il Palazzo conserva al suo interno lo splendido soffitto opera del Pinturicchio, il soffitto dei semidei.
Al centro della Piazza si trovava una fontana, smontata poi in occasione di lavori del 1940 relativi alla realizzazione di Via della Conciliazione e rimontata nel 1958 davanti alla Chiesa di Sant’Andrea della Valle.
La Piazza ha avuto nel corso del tempo molti nomi: piazza Trento, San Clemente, d’Aragona e Salviati. Secondo una tradizione il nome di scossacavalli deriverebbe da un evento capitato quando Elena, la madre di Costantino, fece portare a San Pietro, dalla Terra Santa, due sante reliquie, due pietre (una quando Gesù fu presentato al tempio di Salomone, una del sacrificioo di Isacoo). Nel luogo in cui poi sarebbe sorta la chiesa di San Giacomo i cavalli si rifiutarono di proseguire, nonostante venissero scossi più volte. Da qui Scossacavalli. In realtà è molto probabile che il toponimo Scossacavalli le sia arrivato dal ritrovamento di un frammento di una statua equestre nel luogo in cui fu edificata la Chiesa di San Giacomo in Scossacavalli (coxa (= coscia) caballi, diventa scossacavalli). Un’altra ipotesi fa risalire tradizionalmente il nome all’atto dei pellegrini di smontare dai cavalli prima di avviarsi verso San Pietro.

0

M’è nata all’improvviso una canzone

Ma in fonno a che te serve ‘na canzone
te serve la matina pe’ comincià a campà
e come quanno metti er rosmarino
sopra l’abbacchio ar forno pe’ fattelo aggustà
te pare gnente ma a cantà d’amore
tutta la vita pija più sapore

E nasce all’improvviso ‘na canzone
fiorisce sulla bocca come un fiore
te senti un pò tenore e un pò poeta
e nun te accorgi quanto sei stonato

So’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti è gia finita
è tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
e allora è mejo a mettese a cantà

Lasciate che ve nasca ‘na canzone
fiorita sulla bocca come un fiore
tutti tenori, e tutti gran poeti
e che ve ‘mporta d’esse ‘n pò stonati

So’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti e è gia finita
E’ tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
E allora, su, mettemese a cantà

Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa
Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa

Tutti tenori, tutti gran poeti
ma che ve ‘mporta d’esse ‘n pò stonati
so’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti e è gia finita

E’ tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
e allora, su, mettemese a cantà

Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa
Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa…

0

Me ‘nnamoro de te

Aoh, che c’e, nessuno te conosce come me…
Ho già capito tutto, da quanno t’hanno detto che so’ matto
C’hai paura de qualche mia pazzia, magari che de botto vada via
Ma all’età mia, ‘ndo vado?
Io so’ ‘n guerriero che sta riposanno
Dopo che ha rivortato mezzo monno
Ma ormai c’ho er doppio petto e la cravatta
‘Ndo voi che vada viè, nun fa la matta.
Tu ormai pe’ me sei l’ultima occasione
Sei giovane; sei bella e me stai bene
Te pare poco dì, te pare poco, nun devi ave’paura io nun gioco
Io qui sto rilassato e chi se move
Fori fa pure freddo e come piove…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
Come sta solo ‘n omo nella nebbia
Perché nun po’ parla’ manco cor cielo…
Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
Me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
‘Sta vorta ce la vojo mette’ tutta
Me devo ‘nnammora’ vado de fretta…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
Senza sforzamme già te vojo bene
Spero che duri ‘n po’ de settimane…
Io qui sto rilassato e chi se move
Fori fa’ pure freddo e come piove…

0

E’ riposo festivo – Gioacchino Brutti

E’ RIPOSO FESTIVO
Gioacchino Brutti

Nun è ancora arivato in Parlamento
’Sto progetto de legge disgrazziato
Che già senti li lagni e er marcontento
De quarche bottegaro sfaccennato.

Quarc’antro invece dice che è contento
E nun j’importa si sarà approvato;
Si chiuderà er negozzio pe’ un momento
Nu’ resterà pe’ questo ruvinato.

Ma er bello sai qual è? ’Sti deputati
Coll’istate che incarza e je da in testa
Nun passa er mese che se so’ squajati.

E a la fine vedremo ’sto lavoro:
Che pe’ insegnacce a rispettà la festa
Cuminceranno intanto a falla loro!

Giugno 1902