Roma Sparita - Ciumachella de Trastevere

Ciumachella de Trastevere

Ciumachella, ciumachella de Trastevere
Sei l’ottava meravija de Roma mia
Se ‘n pittore te volesse pitturà
Nun saprebbe da che parte incomincià

Ciumachella, ciumachella de Trastevere
Che miracolo che ha fatto mamma tua
A creà stò nonplusurtra de armonia
Ciumachella, ciumachella de Roma mia
Sei ‘na rosa, sei ‘n biggiù ‘na sciccheria
Ciumachella tu sei nata pe’ ‘ncantà

Sei ‘na rosa, sei ‘n biggiù ‘na sciccheria
Ciumachella, ciumachella de Roma mia
Se ‘n pittore te volesse pitturà
Butta tutti li pennelli e stà a guardà

Canzone di Garinei-Giovannini
1963
Da Rugantino

Ciumachella è il vezzeggiativo con cui Rugantino si rivolge a Rosetta.

9 Responses

  1. Manco a farlo apposta,
    l’ho lasciata in bacheca qualche sera fa….:)

  2. resa in musica da Trovajoli, non dimentichiamolo

  3. cmq errore IMPERDONABILE;
    si dice TrEstevere……con la “E”,
    NON con la “A”……sigh, nun mé cascate su sté cose! :/

  4. Il termine ‘ciumachella’ è uno degli esempi di come il dialetto romano sia in evoluzione (se ne parlava qualche settimana fa, a proposito dello sceneggiato televisivo su Trilussa).
    In origine aveva un significato ben diverso da quello di vezzeggiativo affettuoso: è uno dei sinonimi elencati nel sonetto di Belli “La madre de le sante”… e credo ciò dica tutto, senza scendere in ulteriori dettagli. Ma dalla fine dell’800, per traslato, è passato ad indicare una giovane di bell’aspetto, al punto da venire usato anche al maschile (‘ciumaco’), perdendo qualsiasi accezione sconcia. Essendo Rugantino ambientato verso la metà dell’800 – lo si può ricostruire dalla figura di Mastro Titta, che passò a miglior vita nel 1869 – il suo uso come vezzeggiativo è un po’ un anacronismo.
    Oggi è decisamente un termine obsoleto.

  5. Matilde ha detto:

    Potrei sapere se questo quadretto è suo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *