Roma Sparita - Ballata di Rugantino

Ballata di Rugantino


Ma pensa che bellezza
nun c’ho niente da fa’
porcaccia la miseria
nientissimo da fa’
e rompo li stivali a tutta quanta la città
perché… ‘n c’ho niente da fa’

Rugantinì… Rugantinà… nemmeno è giorno e già vòi ruga’
Rugantinì… Rugantinà… tranquillo e bono non ce poi sta’

Sto proprio come un Papa
anzi mejo, Santità
perché Lei, gira, gira,
quarche vorta ha da sgobba’
io, viceversa, sgobbo solamente si me va
perché… ‘n c’ho niente da fa’

Rugantinì… Rugantinà… c’hai sempre voglia de sta’ a scherza’
Rugantinì… Rugantinà… ma non c’hai voja de lavora’

Voja de lavora’ sarteme addosso
ma famme lavora’ meno che posso
Non posso perde tempo
nun c’ho niente da fa’
levateve de mezzo
fate largo a Sua Maestà
ariva Rugantino che c’ha voja de ruga’
perché… ‘n c’ha niente da fa’

Rugantinà… Rugantiné… che vai cercando, se po’ sapé?
Rugantinì… Rugantinà… ‘sta smania in corpo chi te la dà?

Nino Manfredi (1 edizione del 1962)

1 Response

  1. Dennis McTaggart But ha detto:

    Splendido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *