Poesie Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

3

Er punto d’onore

Una lettera anonima, fra tante,
fu quella ch’aprì l’occhi ar Professore;
diceva: «Preggiatissimo Signore,
ci avviso che sua moglie cià l’amante.
Se volesse la prova ch’è un cornuto
torni a casa a le sette. La saluto».
— E qua bisogna aggì — disse er Marito. —
Stasera no, perché me sento male,
domani è martedì, ciò ‘na cambiale,
doppo domani a sera ciò un invito…

29

Adamo e er Gatto

ADAMO E ER GATTO
Trilussa

Appena Adamo vidde er primo Gatto
je propose un contratto.
— Senti: — je disse — se m’ubbidirai
in tutto quello che me pare e piace,
te garantisco subbito una pace
come nessuno l’ha goduta mai.
Però bisognerà che fin d’adesso
me tratti co’ li debbiti rispetti
e rimani fedele e sottomesso…
Accetti o nun accetti?

— Grazzie, ne faccio senza:
la pace nun se compra, — disse er Micio —
ma se guadagna co’ l’indipennenza
a costo de qualunque sacrificio.
A me nun m’ingarbuji come er Cane
che, per un po’ de pane,
s’accuccia e t’ubbidisce a la parola.
Vojo la pace mia senza controllo,
senza frustate, senza musarola,
senza catene ar collo!
Dar modo come parli ho già capito
che in fonno ciai l’istinto d’un tedesco… —
E ner di’ questo er Gatto, insospettito,
arzò la coda e lo guardò in cagnesco.

5

La befana

Guardi – dice er commesso – che carina
‘sta bamboletta qua:
move la testa quanno che cammina,
dice papà e mammà,
chiude I’occhietti si la mette a letto,
ciò er vestito de seta cor merletto…
La pupa s’è convinta: – Mamma, è bella!
Dì a la Befana che me porti quella,
e che me porti puro la cucina,
la cammera da letto, er salottino…
Ma qui s’azzitta; dietro a la vetrina
ha visto ‘na pupetta cor nasino
appiccicato, sfranto sur cristallo,
che j’ha fatto impressione ner guardallo.

[continua…]

Checco Durante

3

E’ ritornata la Befana

Oggi, ch’è aritornata la Befana,
ripenso a quanno ch’ero regazzino:
vedo Piazza Navona, la buriana,
rìsento er concertino fatto co’ le trombette
dentro l’orecchio de le regazzette
che a forza de risate e de strilletti
e facenno vedé de scappa via,
pareveno ‘no stormo d’ucelletti.
Quanta semplicità! Quanta allegria.
E me rivedo puro que la sera
che nonna me se mise accosto al letto
e, doppo detta assieme la prejera,
me fece un discorsetto.
Dice: – Stanotte ariva la Befana…
Va in giro pe’ li tetti
ìnfagottata in una palandrana,
e cià un sacco co’ tanti regaletti
pe’ le creature bone
pe’ vedelle contente,
e un antro co’ la cenere e er carbone
pe’ quelle più cattive e impertinente.
E gira… gira sempre, poverettal
Se ferma solamente a ‘gni cammino
pe’ poté mette dentro a la carzetta
quello che ha meritato er regazzìno.
Però, cocco mio bello, t’ho da dì
che la Befana nun finisce qui,
che la Befana nun è mai finita
ma t’accompagnerà tutta la vita,
pronta a premiatte si fai |’azzione bone…
si fai der male pronta gastigatte
portannote la cenere e er carbone.
Senti tu’ nonna che te dice questo:
Mantiette sempre onesto…
ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male.
So passati tant’anni…
N’ho fatto de cammino su ‘sto monno…
da la vita ciò avuto gioie e affanni…
er nipotino è diventato nonno.
Ma la voce de nonna, pora vecchia,
ancora me risona nell’orecchia:
– Ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male. –
E mo, come quann’ero regazzino,
me domanno co’ un po’ de commozione:
– Si metto la carzetta ner cammino
ce trovo più regali… o più carbone?

Checco Durante

10

Er Bacio

Nina, nu’ je da retta ar confessore,
lui se sbaja, perché, si m’hai baciato.
sta’ puro certa che nun hai peccato
e nun ciài perso un cinico d’onore.

Ninè, fatte capace, che l’amore
senza baci è ‘n amore sfortunato;
perché er bacio, p’un òmo innammorato
èun gran tesoro, è un barzimo der còre.

Di’ ar confessore che nun se confonna
e che, Ninetta bella, io t’ho baciato
perché tu arissomij a ‘na madonna.

Te bacerò ‘gnisempre in sempiterno,
a costo puro, vedi, l’ho giurato
d’annammene a scallà er coso giù all’inferno

Aquilante Ernesto (1884-1966)

Gli amanti 0

Le corna so’ permesse

Ho letto propio jeri sur giornale
che l’adurterio nun è più un reato,
nun c’è più pena p’er concubinato,
lui te tradisce e tu fa’ tale e quale.

Mo co’ sta nova legge de lo Stato
che regola le corna cognugale
si scivola la moje pe le… scale,
come pe’ l’omo, lei nun fa peccato.
[…]

4

Er pane e’ bono co’…

Senza cita’ Bruschetta e Panzanella,
e’ bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia’ dar classico crostino
fatto co’ buro, alice e mozzarella.

E’ bono cor guanciale a Panontella,(1)
co’ le noce, co’ l’uva, intinto ar vino,
cor miele, co’ la fava e ‘r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

13

L’elezzioni pe’ le reggioni

Pe’ via dell’elezzioni
che se devono fa pe’ le Reggioni
li candidati in massa hanno da annà
tutti a la Bocca de la Verità

indove a uno a uno, poi je tocca
de metteje la mano ne la bocca,
ch’er mascherone, peggio de ‘na cagna,
si dicheno bucie je se le magna.

59

L’acqua cotta

L’ACQUA COTTA
Aldo Fabrizi

Un piatto che non costa quasi gnente,
e c’è un proverbio c’è, su l’acqua cotta,
che dice: “Pane sprega e trippa abbotta”,
ecco la cena de la pòra gente!

Fette de pane e acqua solamente:
‘sta zuppa nun s’abbrucia e nun viè scotta,
e si ce sta appetito è più che jotta
perchè la fame è ‘r massimo ingrediente.

Eccheve la ricetta: “Fate bolle
nell’acqua, co’ l’odori de stagione,
carote, ajo, sellero e cipolle.

Poi, sopr’ar pane già ne la scudella,
versate “l’acqua”, l’ojo in proporzione,
e ve suffumigate le budella”.

2

Er reggistratore de cassa

Parla un commesso

Anticamente, quarche sordarello
su quello che spenneva l’avventore
se poteva rubbà, senza er timore
ch’er padrone scoprisse er macchiavello.