Poesie Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

2

PURE E’ DESERTO FIUME

Pure è deserto fiume.
Sotterrato.
E vola arta a fir de murajone
l’artra fiumara.
Lemme
-lemme va fiume acqua
-passata
che nun move più ala de giornello.
Tempo fanello.
Lingua che batte er dente der passato.
Schiuma de rabbia fiume
finché slarga le braccia a mare rifiata
se sgabbia.
Gabbiani neri da la valle ar monte.
Panni stesi in un vicolo ‘sti versi
Ner ghetto der dialetto.

8

Romolo e Remo

Seconno er fatto storico romano,
come ce riccontava la maestra,
Romolo e Remo, dentro a ‘na canestra,
vennero giù pe’r fiume, da lontano.
Er vento poi li spinze su in ripiano,
in mezzo a quattro piante de ginestra,
e lì successe er sarvataggio extra,
rimasto pe li secoli un arcano.
‘Na lupa li sarvò, così li pupi,
succhiorno er latte suo come a ‘na balia
e crebbero co l’indole de lupi.
De fatti da li tempi ormai lontani
li discennenti succhieno l’Italia
e quer ch’è buffo è che nun sò romani.

(Trilussa)

Foglie d'autunno 4

Autunno

Indove ve n’annate,
povere foje gialle,
come tante farfalle spensierate?
Venite da lontano o da vicino?
da un bosco o da un giardino?
E nun sentite la malinconia
der vento stesso che ve porta via?
Io v’ho rivisto spesso
su la piazzetta avanti a casa mia,
quanno giocate e ve correte appresso
fra l’antra porcheria de la città,
e ballate er rondò co’ la monnezza
com’usa ne la bona società

Jeri, presempio, quanti mulinelli
ch’avete fatto in termine d’un’ora
assieme a un rotoletto de capelli!
Èreno forse quelli
ch’ogni matina butta una signora…
Je cascheno, così, come le foje,
e, come a voi, nessuno l’ariccoje
manco in memoria de li tempi belli!

Forse quarche matina,
fra l’antre cose che ve porta er vento,
troverete le lettere amorose
che me scriveva quela signorina,
quela che m’ha mancato ar giuramento.
L’ho rilette e baciate infìno a jeri:
oggi, però, le straccio volentieri
e ve le butto… Bon divertimento!

Trilussa

Cortile con panni stesi 5

Cortile

Li panni stesi giocano cór vento
tutti felici d’asciugasse ar sole:
zinali, sottoveste, bavarole,
fasce, tovaje… Che sbandieramento!
Su, da la loggia, una camicia bianca
s’abbotta d’aria e ne l’abbottamento
arza le braccia ar celo e le spalanca.
Pare che dica: — Tutt’er monno è mio! —
Ma, appena er vento cambia direzzione,
gira, se sgonfia, resta appennolone…
E un fazzoletto sventola l’addio.

Trilussa

Stella cadente 14

Stella cadente

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d’agosto tanto belle
ch’er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
a ognuna che ne casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Perché la gente immaggina sur serio
che chi se sbriga a chiede quarche cosa
finché la striscia resta luminosa,
la stella je soddisfa er desiderio;
ma, se se smorza prima, bonanotte:
la speranzella se ne va a fa’ fotte.

Jersera, ar Pincio, in via d’esperimento,
guardai la stella e chiesi: — Bramerei
de ritrovamme a tuppertù co’ lei
come trent’anni fa: per un momento.
Come starà Lullù? dov’è finita
la donna ch’ho più amato ne la vita? —

Allora chiusi l’occhi e ripensai
a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
ar primo giorno quanno ce discorsi,
a quela sera che ce liticai…
E rivedevo tutto a mano a mano,
in un nebbione piucchemmai lontano.

Ma ner ricordo debbole e confuso
ecco che m’è riapparsa la biondina
quanno venne da me quela matina,
giovene, bella, dritta come un fuso,
che me diceva sottovoce: — È tanto
che sospiravo de tornatte accanto! —

Er fatto me pareva così vero
che feci fra de me: — Questa è la prova
che la gioja passata se ritrova
solo nel labirinto der pensiero.
Qualunquesia speranza è un brutto tiro
de l’illusione che ce pija in giro. —

Però ce fu la mano der Destino:
perché, doppo nemmanco un quarto d’ora,
giro la testa e vedo una signora
ch’annava a spasso con un cagnolino.
Una de quele bionde ossiggenate
che perloppiù ricicceno d’ estate.

— Chissà — pensai — che pure ‘sta grassona
co’ quer po’ po’ de robba che je balla
nun sia stata carina? — E ner guardalla
trovai ch’assommava a ‘na persona…
Speciarmente er nasino pe’ l’insù
me ricordava quello de Lullù…

Era lei? Nu’ lo so. Da certe mosse,
da la maniera de guarda la gente,
avrei detto: — È Lullù, sicuramente… —
Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
richiusi l’occhi e ritornai da quella
ch’avevo combinato co’ la stella.

Trilussa (1938)

Santi 21

Li santi che cce protèggheno da li malanni

Er Santo che cce protègge contro li dolori de la vessica de l’urina è Ssan Libborio.
Contro la tigna e la rógna San Galicano.
Contro li dolori rumatichi San Mavuro abbate.
Contro la podagra San Tomasso.
San Biacio ce protègge da li mali de la góla.
Sant’Erasmo da li dolori spasmôdichi.
Sant’Antonio de Padova protègge tutte le bbestie da qualunque siesi malanno; e ll’ómmini da le cascate.
Santa ‘Pollonia ce guarda dar male de li denti.
Sant’Irena e Ssanta ‘Lisabbetta contro li furmini e ll’antre porcherie.
Santa Bónósa contro er vajòlo.
Santa Lucia contro tutti li malanni all’occhi.
Sant’Anna protègge le donne partorènte.
San Ghetano li collerosi.
San Rocco l’appestati.
Santa Marta ce sarva da le mmalatie ‘pidèmiche.
Sant’Agusto ce sarva dar dolor de testa.
Sant’Andrea Avellino ce sarva (sarvognuno!) da l’accidenti.
San Nicola e Sant’Emidio ce protèggheno da li taramoti.
San Maturino e Sant’Aventino ce sarveno da la pazzìa.
San Zaccaria fa pparlà’ li muti.
Sant’Utropio guarisce li stroppi.
Santo Toto (Teodoro) protègge li malanni de le crature e dde le bbalie o dde le donne che allèveno…
E accusì via discurènno.

Giggi Zanazzo

Leone 7

Un giorno da leone

Quanno la cinquantina è superata,
s’ammonisce la massima attenzione,
leggero a cena, niente a colazione
e l’ottantina è quasi assicurata.

Ma oggi che se campa a la giornata,
chi la rispetta più st’ammonizione?
E’ mejo a vive un giorno da leone
che trent’anni da pecora affamata.

Chi conta li bocconi e le bevute
e se controlla da matina a sera,
finisce pe’ fregasse la salute.

E poi je po’ succede, sarvognuno,
che, nun sia mai, rischioppa n’antra guera,
arischia pure de morì a digiuno.

Aldo Fabrizi

Avarizia 1

Avarizzia

Ho conosciuto un vecchio
avaro, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda li quatrini ne lo specchio
pe’ vede raddoppiato er capitale.

Allora dice: quelli li do via
perché ce faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo pe’ prudenza…
E li ripone ne la scrivania.

Trilussa

L'evoluzione 3

L’omo e la scimmia

L’Omo disse a la Scimmia: – Sei brutta, dispettosa:
ma come sei ridicola! ma quanto sei curiosa!
Quann’io te vedo, rido: rido nun se sa quanto!…
La Scimmia disse: – Sfido! T’arissomijo tanto!
Trilussa

Cavallo e asino 1

Le bestie e er crumiro

Una volta un Cavallo strucchione
c’ogni tanto cascava pe’ strada
scioperò pe’ costringe er Padrone
a passaje più fieno e più biada:
ma er Padrone s’accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro.

Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
– Me dispiace, ma propio nun posso:
se Dio guardi je faccio ‘ste cose
li cavalli me sarteno addosso…-
Er Padrone, pe’ mette un riparo,
Fu costretto a ricorre ar Somaro.

– Nun po’ sta’ che tradisca un compagno –
dice er Ciuccio – so’ amico der Mulo –
e pur’io, come lui, se nun magno
tiro carci, m’impunto e rinculo…
Come vòi che nun sia solidale
Si ciavemo l’istesso ideale?

Chiama l’Omo, e sta’ certo che quello
fa er crumiro co’ vera passione
Per un sòrdo se venne er fratello,
Pe’ du’ sòrdi va dietro ar padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega.

Trilussa