Roma Sparita | Storia e Cultura - Pagina 2 di 31 - «Un popolo che non conosce il proprio passato, origine e cultura è come un albero senza radici» (Marcus Garvey)

Roma Sparita | Storia e Cultura

Avarizia 0

Avarizzia

Ho conosciuto un vecchio
avaro, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda li quatrini ne lo specchio
pe’ vede raddoppiato er capitale.

Allora dice: quelli li do via
perché ce faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo pe’ prudenza…
E li ripone ne la scrivania.

Trilussa

L'evoluzione 3

L’omo e la scimmia

L’Omo disse a la Scimmia: – Sei brutta, dispettosa:
ma come sei ridicola! ma quanto sei curiosa!
Quann’io te vedo, rido: rido nun se sa quanto!…
La Scimmia disse: – Sfido! T’arissomijo tanto!
Trilussa

Cavallo e asino 1

Le bestie e er crumiro

Una volta un Cavallo strucchione
c’ogni tanto cascava pe’ strada
scioperò pe’ costringe er Padrone
a passaje più fieno e più biada:
ma er Padrone s’accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro.

Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
– Me dispiace, ma propio nun posso:
se Dio guardi je faccio ‘ste cose
li cavalli me sarteno addosso…-
Er Padrone, pe’ mette un riparo,
Fu costretto a ricorre ar Somaro.

– Nun po’ sta’ che tradisca un compagno –
dice er Ciuccio – so’ amico der Mulo –
e pur’io, come lui, se nun magno
tiro carci, m’impunto e rinculo…
Come vòi che nun sia solidale
Si ciavemo l’istesso ideale?

Chiama l’Omo, e sta’ certo che quello
fa er crumiro co’ vera passione
Per un sòrdo se venne er fratello,
Pe’ du’ sòrdi va dietro ar padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega.

Trilussa

H.G. Hosmer: Beatrice Cenci 8

Beatrice Cenci

“Questa mattina poi finalmente hanno fatto morire in Ponte quelle donne de’ Cenci; et la morte della giovane, ch’era assai bella et di bellissima vita ha commosso tutta Roma a compassione” (lettera dell’11 settembre 1599 con cui Baldassarre Paolucci, agente del duca d’Este, comunica al suo signore l’esecuzione di Beatrice Cenci)

Ettore Petrolini 60

Le città

La città più piena: Sto…colma
La città più luminosa: Lucerna
La città più rumorosa: Chiasso
La città più potente: Potenza
La città più dolce: Crema
La città più ghiotta: Lecco
La città più religiosa: Monaco
La città più verde: Prato

Ettore Petrolini

Aurelio Luini (1659) 10

Er primo pescecane

Doppo avé fatto l’Arca
Noè disse a le Bestie: — Chi s’imbarca
forse se sarverà, ma chi nun monta
sì e no che l’aricconta.
Perché fra pochi giorni, er Padreterno,
che s’è pentito d’avé fatto er monno,
scatenerà un inferno
pe’ rimannacce a fonno.
Avremo da restà sei settimane
tutti sott’acqua: e, lì, tocca a chi tocca! —
Ogni bestia tremò. Ma un Pescecane
strillò: — Viva er Diluvio! — E aprì la bocca.

Trilussa

Le regioni d'Italia 9

Le Regioni

In Toscana ce so’ le Pappardelle,
ner Veneto – Polenta co’ l’uccelli,
in Campania e Lucania – Vermicelli,
in Emilia e Romagna – Tajatelle.

Ne le Puglie – Fusilli e Recchietelle,
In Abbruzzo – Crespelle e Gamberelli,
in Lombardia – Risotto (poverelli)1
in Liguria – Trenette e Reginelle.

Gireno le forchette a tutta bira
pe’ vince la battaja Nazionale
contro lo sbragamento de la lira.

Perfino ne le zone poverette,
doppo la spartizione Regionale
è tutto quanto un giro de forchette.


1 – Si fa per dire – ma non è mica vero, anzi…

Aldo Fabrizi

Il basolato dell'appia 4

Il basolato dell’Appia

…quando si giunge al lucido basolato dell’Appia, un’improvvisa, necessitata lentezza, un silenzio misterioso e misterico ci circonda estraniandoci, facendoci entrare in una dimensione lontanissima rispetto ai tempi di velocità concitata, esagerata in cui siamo sforzati a vivere….

Vittorio Emiliani

Veduta di Roma 2

Roma, vecchia di oltre duemila anni

Quando si considera un’esistenza come quella di Roma, vecchia di oltre duemila anni e più, e si pensa che è pur sempre lo stesso suolo, lo stesso colle, sovente perfino le stesse colonne e mura, e si scorgono nel popolo tracce dell’antico carattere, ci si sente compenetrati dei grandi decreti del destino.

Johann Wolfgang Goethe