Aldo Fabrizi Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Aldo Fabrizi

4

Er pane e’ bono co’…

Senza cita’ Bruschetta e Panzanella,
e’ bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia’ dar classico crostino
fatto co’ buro, alice e mozzarella.

E’ bono cor guanciale a Panontella,(1)
co’ le noce, co’ l’uva, intinto ar vino,
cor miele, co’ la fava e ‘r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

59

L’acqua cotta

L’ACQUA COTTA
Aldo Fabrizi

Un piatto che non costa quasi gnente,
e c’è un proverbio c’è, su l’acqua cotta,
che dice: “Pane sprega e trippa abbotta”,
ecco la cena de la pòra gente!

Fette de pane e acqua solamente:
‘sta zuppa nun s’abbrucia e nun viè scotta,
e si ce sta appetito è più che jotta
perchè la fame è ‘r massimo ingrediente.

Eccheve la ricetta: “Fate bolle
nell’acqua, co’ l’odori de stagione,
carote, ajo, sellero e cipolle.

Poi, sopr’ar pane già ne la scudella,
versate “l’acqua”, l’ojo in proporzione,
e ve suffumigate le budella”.

0

Sur portone der Paradiso

Un tale viè fermato da San Pietro.
“A giovenò, ando’ vai? Quanno se mòre
se riconsegna l’anima ar Signore,
sinnò me tocca romanatte indietro”

“Scusi San Piè, ma Lei è rimasto addietro:
laggiù nun c’è più anima nè core,
gireno gnudi e offenneno er pudore,
senza più mano avanti e l’antra dietro.”

“E allora dico, puro a te te manca”
“No io ce l’ho, perchè er mestiere mio
fu onorato da Cristo. E’ larte bianca! (l’arte di fare il pane)

Defatti ho sempre inteso dì che un giorno
mortipricò li pani….” “E allora fìo,
che aspetti? Passa! Vamm’ accenn’ er forno!”

Aldo Fabrizi
da Nonno Pane, ricette e considerazioni in versi, Mondadori editore

23

La Panzanella

LA PANZANELLA
Aldo Fabrizi

E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori.

12

Rigatoni a buro e parmigiano co’ l’asparaci

RIGATONI A BURO E PARMIGIANO CO’ L’ASPARACI
Aldo Fabrizi

Co’ tutti l’alimenti adurterati
lo stommico oramai nun cià più scampo
e pe’ chi soffre d’acido cor crampo,
‘sti Rigatoni so’ li più indicati.

L’asparaci, sia quelli cortivati
che quelli communissimi de campo,
se sciacqueno e s’allesseno in un lampo
pe’ nu’ scolalli mezzi sderenati.

Le punte magnarecce, quelle molle,
infarinate e all’ovo, le friggete
durante er tempo che la Pasta bolle.

E poi, si l’acqua pe’ li Rigatoni
se sala co’ du’ dadi, sentirete
si quanto ve riescheno più bòni

0

Er medico m’ha detto

ER MEDICO M’HA DETTO
Aldo Fabrizi

Commenda caro, è duopo che lo dica
ma l’italiano, escluso il proletario,
pappa tre volte più del necessario,
sottoponendo il cuore a ‘na fatica.

4

Lasagne ar biondo Tevere

LASAGNE AR BIONDO TEVERE
Aldo Fabrizi

‘Sto piatto è proprio ‘na consolazione;
‘gni gracioletto rissomja a ‘na fravola
che appena messo in bocca ve se sfravola
come si fusse panna ar zabbaione.

8

Li Giochi

Li Giochi
Aldo Fabrizi

Li giochi de l’infanzia popolana
ereno: Spaccapicchio, Bottonella,
Morè, Tre-Tre-Giù-Giù, Nisconnarella,
Quattro cantoni, Buzzico, Campana,…….

2

Chi sarà stato?

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

Credevo fosse una creazione latina,
invece poi, m’ha detto l’orzarolo,
che l’ha portata a Roma Marco Polo
un giorno che tornava dalla Cina.

Pe’ me st’affare de la Cina è strano,
chissà se fu inventata da un cinese
o la venneva là un napoletano.

Sapessimo chi è, sia pure tardi,
bisognerebbe faje… a ‘gni paese
più monumenti a lui che a Garibardi.

Aldo Fabrizi

12

La dieta

Doppo che ho rinnegato Pasta e pane,
so’ dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure…
me pare un anno e so’ du’ settimane.

Nemmanco dormo più, le notti sane,
pe’ damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immaginà le svojature
co’ la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da ‘na tavola e ‘na sedia
pensanno che se deve da morì?

Nun è pe’ fà er fanatico romano;
però de fronte a ‘sto campà d’inedia,
mejo morì co’ la forchetta in mano!

Aldo Fabrizi