Giggi Zanazzo Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Giggi Zanazzo

7

Fiori d’acanto

Perdoneme, ciumaca de sto core,
si la sera, p’er gusto de vedette,
te faccio sta in finestra l’ore e l’ore,
sbattenno Dio sa quanto le brocchette.

Ma uno quanno è ceco da l’amore,
lo sai, Teresa mia, che nun connette;
e a costo de pijàccese un malore,
hai voja a dì! nun je n’mporta un ette.

Cusì so io, Terè. Si nun ce sei,
dico: “Madonna, fatela affaccià!”
E smagno, e me la pìo co te e co Lei.

Ma appena vedo su la finestrella
quel’occhiuccetti tui sbrilluccicà,
te chiamo santa, benedetta, bella.

Giggi Zanazzo

1

In omminibùsse

Le difficoltà di salire sull’omnibus secondo Zannazzo:

Pss, sor coso! fermatev’ un momento.
Sbrigamese, commare; fate lesta.
Già so’ tre curse che perdemo: e sento
che finimo cor perde’ puro questa.

Sete curiosa voi? Vedete er vento
si che robba me fa? m’arza la vesta.
Nun sia mai detto me la manna in testa,
me vienit’ a fà voi da paravento?

Ah, che cuscini morbidi che cià!
Co’ tre sordi ‘sta bella spassiggiata!
Davero bella! Insino indove va?

A li Monti?! – Com’è nun va a San Pietro?!!
Pss, fermo! – Avemo fatta la frittata.
Commà, scegnete; aritomam’indietro.

Giggi Zannazzo 1883

5

Er gioco detto de lo “SCALINO„

È un giôco che, come la Passatella, se fa ccor vino.
Èccheve in che mmodo.
Se paga tanto peròmo tutt’er vino che ss’ordina: e sse metteno sur tavolino tanti bbicchieri, pe’
quanti so’ li ggiocatori.
’Sti bbicchieri se metteno in fila. Ar primo ce se mette una góccia de vino, ar siconno un filo, ar
quarto un déto, ar quinto un déto e mmezzo, e accusì vvia discurenno, infinènta ar bicchiere de
mezzo che ss’empie tutto, e a quelli che vvièngheno appresso se cala er vino a mmano a mmano,
in modo che fformino come ttante canne d’orgheno o scalini, apposta er giôco se chiama accusì.
Fatto questo, se fà la conta.
Ar giocatore che je va la conta, se bbeve er bicchiere de mezzo, e ll’antri, siconno l’ordine de la
conta, bbeveno appresso a llui a mmano a mmano.
In modo che cc’è cchi bbeve tanto, chi ccusì ccusì, cchi guasi gnente, e cchi gnente der tutto.

Giggi Zanazzo

0

11 novembre

Li undici de novembre, guasi tutti li cornuti contenti
de Roma, se trovàveno le porte de la casa de loro
infiorate de mortella, de fiori, de nastri, de corna,
de sonetti, e dde ‘réna ggialla sparsa per tera.

‘Sto regalo je lo faceva in de la nottata quarche
amico aifìfezzionato, che si ppoi er cornuto lo vieniva
a scropi’, spesso spesso ce scappava l’ammazzato.

Come saperete tutti. San Martino è er protettore
de li sordati e dde li cornuti.

De li sordati, perchè ppuro quer santo è stato sor-
dato ; de li cornuti poi nun ve lo so a ddì’ : armeno
che anche lui nun ciavessi avuto moje !

Giggi Zanazzo

2

La verità

‘Na gavetta de granci giornalisti
che rajeno carote a chi li paga;
‘na voja da fregasse che s’allaga;
ingiustizie e spettacoli mai visti,

deputati magnoni e pagnottisti,
fregnacce d’agguantasse co’ la draga,
ministri framassoni e camorristi
che nun fann’antro ch’ingrossà la piaga.

Conocchie, preti, gente che s’addanna,
strozzini, tasse, giudici vennuti…
e in fonno er Vaticano che commanna.

Er merito che more su la paja
e la grolia che ghigna a li cornuti:
Ecco le condizioni de l’Itaja!…

(Giggi Zanazzo, 30 marzo 1893)

2

Er Culiseo

Tutte quele bbuche che sse védeno su li muri e ll’archi der Culiseo ce furno fatte da li bbarberi quanno preseno Roma.
Ce féceno tutte quele bbuche e ddice che ddrento a ognuna ce messeno la porvere co’ l’idea de fallo zompà’ per aria. Ma quanno je diedeno fôco, feceno fiasco perchè er Culiseo manco se mosse d’un capéllo.
A ppreposito der Culiseo ve vojo dí’ quello che mme diceva sempre er mi’ bbisnonno bbon’anima : «Fino ch’er Culiseo durerà
Puro Roma su starà ; Quanno er Culiseo cascherà
Puro Roma ha da cascà, Quanno Roma finirà
Tutt’er monno s’ha dda scapicollà’».

(Giggi Zanazzo)

12

E’ Romano de Roma

Er vero romano de Roma, è strafottentissimo e sse ne… sgrulla artissimamente fino (e ppuro un
po’ ppiù ssu), de li sette cèli!
Nun pô ssofrì’ la lègge: tutto quello che je sa d’ubbidienza, nu’ lo pò ignòtte.
Chi jé la fa jé la scónta: quanno ariceve quarch’affronto, sé vô aripagà’ dda sé: nun vô
impiccioni dé mezzo: ni cherubbigneri, ni tribbunali: a la ggiustizia (e ha millanta raggione!) nun
ce crede.
Er vero romano de Roma, nun sa ffa’ er ciarlatano. Si è ômo de talento, nun se sa apprezzà’; sse ne
stà aritirato come una lumaca in de la su’ côccia.
Vorebbe avécceli io tanti scudi pe’ quanti artistoni èstri e nnostrali, passeno pe’ gran talentoni, e
nun valerebbeno una cica, si in de li loro studi nun ciavéssino tamanti de veri artisti romaneschi
che a vvedélli nu’ li pagheréssivo un sôrdo, e cche ffanno statuve, quadri e ccose prezziose da
strasecolà’, llavoranno a ggiornata a sei o a ssette scudi ar giorno.
Finita ch’hanno la statuva o er quadro, ariva l’artistone magno, conosciuto in culibusmunni, ce
mette la su’ firma e ttócca la viòla!
E quello che ha ffatto la statuva, er vero ’utore, la sera, lo troverete in d’un osteria a ggiócà’ a
ccarte e a imbriacasse, sgrullànnosene artissimanlente de la grolia e dde’ tutti: è vvero però che
mmôre ne la miseria.

1

Quanno s’incoronava un Papa

Er giorno e ttutti l’inniversari de l’incoronazione der papa, er guverno passava un grosso de limòsina a quarsesia poverello sii omo o sii donna, che sse fussi presentata in der cortilone der Bervedé ar palazzo der papa a Ssan Pietro.

Le donne gravide o cco’ li fiji, invece d’un grosso, pijaveno un pavolo

2

Contro er malocchio

Contro er malocchio o occhiaticcio che sii, bbisogna portà’ addosso la mollica der pane, er sale, er pelo der tasso, l’acqua de le sette Bbasiliche e’ llumencristi, o li cornétti de corallo, speciarmente de quelli trovati pe’ strada o cche vve so’ stati arigalati.

E quanno quarchiduno ve fa er malocchio bbisogna dije: «Malocchio nun ce possi, e ttaràntola t’entri in cu…», — e in der medemo tempo faje tanto de corna.

Bbisogna puro fa’ li consuveti scongiuri quanno quarcuno ve dice: «Come ve séte rimésso bbene! Come state bbianco e rosso che Ddio ve bbenedichi! Come state in salute e eccetra eccetra», perchè ppó èsse’ che vve lo dichi per invidia.

9

L’arma d’un papa barbiere

Sopre la porta Pia, sur frontone in arto che sta dde faccia a la via Venti Settembre, si cce fate caso, c’è un scherzo de pietra fatto da ll’architetto che ha frabbicato quela porta.

Siccome dice ch’er papa che l’ha ffatta fa’ ne vieniva de discennenza da la famija d’un barbiere, l’architetto pe’ ffallo sapè’ a ttutto er monno, cià fatto scorpì’ quela gran cunculina, co’ ddrento in mezzo un ppezzo de sapone e intorno a la cunculina er su’ sciuttamano co’ la su’ bbrava frangia de qua e dde llà.

Scherzo che ddar medemo architetto è stato messo puro de qua e dde llà de la porta médéma.