Mario dell'Arco Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Mario dell’Arco

4

L’Angeli

A cavalluccio ar timpano, o a cavallo dell’occhialone,
o sopra ar piedistallo,
de guardia all’ape ar drago a la colomba,
o arampicato in pizzo a la cornice
cor mandolino er ciùfolo la tromba…
ogni angiolo e’ felice.
Ogni angiolo fa er bagno co’ la guazza,
s’asciutta ar primo sole,
se spupazza appresso a li rondoni,
e a giorno pieno guarda er cielo
e s’abbuffa de sereno

Mario Dell’Arco, 1946

0

Taja ch’è rosso!

Piazza Colonna, e un celo paro paro
come un coperchio messo sur callaro.
Appena sente un soffio da ponente,
esce er cocommeraro;
e in fila, a fianco a fianco, sopra ar banco
tante lune scarlatte, a spicchi o tonne,
in un letto de fronne.
«Taja, ch’è rosso!». Piomba
er ganimede in bomba,
er greve e la minente:
lui in fongo e faraiolo,
lei in polacca e scioccaje cor pennente;
e in coda er pretazzolo.

[Continua…]

0

Castel Sant’Angiolo

Hanno voja le nuvole
a calà come farchi su Castello:
c’è l’Angiolo de guardia: un mulinello
a grugno duro in mezzo a la masnada,
e come vede azzuro
aripone ner fodero la spada.

Mario dell’Arco, 1946

1

Sogni

Sogni
di Mario dell’Arco

Er salice piangente
sogna la permanente. Er girasole
sogna de fa er paino
co l’occhiai da sole.
Er merlo sogna che se trova addosso
la spilla cor rubbino
che ha visto da lontano ar pettirosso.
E le ranocchie a mollo ner pantano
sogneno mosce mosce
un paro de calosce

4

Io, gatto

Una crosta de rogna
e uno stormo de purce in mezzo ar pelo:
nessuno me s’accosta.
Sia a galla all’erba, sia
sdraiato sur serciato,
m’imbriaco de sole.
A tempo perso dormo
e in sogno, verso a verso,
sgnàvolo una poesia

0

Ponte dell’Angioli

È cascato pe’ sbajo sopra ar Tevere.
L’angioli, boni boni,
se so’ appollati su li murajoni;
e de guardia a l’imbocco
ce stanno li capoccia de la nave:
san Pietro co’ la chiave,
san Paolo co’ lo stocco.

0

Via dell’Orso

Legata a un filo, arta
sopra a li tetti – e come arubba un’accia
ar gnommero, più arta –
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Ho corso via de Monte
Brianzo – uno sperduto su la traccia
d’un filo teso – ho corso
vicolo der Leùto
e sbocco finarmente a via dell’Orso.

0

Cuppole

La cuppola è un pallone
ancorato sur tetto.
Chi è che l’ha gonfiato? L’architetto,
e lo fa seccardino o buraccione
secondo er fiato che se trova in petto.
Abbotta le ganasse Boromini:
soffia, e sorteno tanti cuppolini;
ce mette, drento, un’ala de pormone
Micchelangiolo, e nasce er Cuppolone