Cesare Pascarella Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Cesare Pascarella

1

Le “Capanne” di Ripetta

Un testo un po’ lungo ma più Roma Sparita di così non si potrebbe: le Capanne (gli stabilimenti balneari) sul fiume Tevere, con i loro personaggi, le loro storie.
“Ma, se hai creduto bene di andartene, è inutile di starsi a rammaricare; tanto più che oramai, qui sulle due belle nostre rive del Tevere, noi ci siamo assuefatti e rassegnati da tempo a vedere che tutto se ne va. Tutto! Non soltanto i tuoi croccanti amaretti, le tue pagnottelle imbottite e le tue saponette rosse, gialle, verdi e turchine, caro e povero Spillman; ma le usanze e i costumi, gli abiti e le abitudini, i giuochi e le feste, i gesti e le parole, i giardini e le ville, le mura e i palazzi, le strade e le botteghe, gli alberi e le torri, le Porte ei monumenti. Tutto! E fra non molto, ahimè!, dovranno andarsene anche le «Capanne»; scacciate dai muraglioni, bianchi, monotoni e uggiosi dei Lungo Tevere, i quali tra poco si metteranno a sedere sulle sponde boscose e pittoresche del nostro bel fiume biondo ed antico, per non rialzarsi mai più, dovranno andarsene anch’esse.
E poichè tutto se ne va, poso la penna e, per non restar solo, me ne vado anch’io.”

4

Er trasporto funebre

Sicuro, fu cusì. Lui ritornava
Dar facocchietto dove sta a garzone;
Quanno stiede davanti a la Stazione,
Vedde un legno scoperto che scappava.

Para!… Para!… Gnisuno lo parava.
C’erano drento cinque o sei persone,
Lui agnede pe’ fermallo; ma er timone
Punf! je sbatté in petto… E ce restava.

E mo je fanno l’accompagnamento.
Senti la banda? Quante Società!…
Guarda che carro!… Pare un monumento!

Madonna! quanta gente… Che sfilata!…
Annamo pure noi. — Poco me va. —
E annamo che sentimo ‘na sonata.

Cesare Pascarella

5

Er cortello

Ar mio, sopra la lama ch’è rintorta
C’è stampata ‘na lettra cór un fiore;
Me lo diede Ninetta che m’è morta
Quanno che me ce méssi a fa’ l’amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: — Si m’avrai da da’ er dolore
De dimme che de me nun te n’importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. —

E da quer dì che j’arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
Si be’ che ci abbi tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.

1

Li giornalisti

Ma l’arte, amore mio, so’ tutte eguale
E quanno le vòi fa’ senza talento,
Tu hai voja a faticà’, ne pòi fa’ cento,
Che all’urtimo so’ tutte tale e quale.

Io che fo? Venno er fojo der giornale:
Me capo er più ber fatto che c’è drento,
Je do fiato a la voce, sentimento,
E ce ricavo sempre la morale.

Guarda jeri: che c’era? Roba andante!
Er solo morto de quer fruttarolo
Che scoperse la moje co’ l’amante.

E che antro? Gnent’antro, t’aricordi?
Eppure, vedi, co’ quer morto solo
Ci ho guadambiato venticinque sòrdi.

Cesare Pascarella

3

Li princìpi

Diceva bene Checco a l’osteria:
«Ogni omo deve avécce er suo pensiero».
Pensi bianco? Si un antro pensa nero
Rispetteje er pensiero e cusì sia.

Vor di’, si te ce trovi in compagnia,
Je pôi di’: — Tu te sbaji… Nun è vero… —
Ma, sempre semo lì, vacce leggero,
Perché ar monno ce vo’ filosofia.

E scrìvetelo drento a la ragione,
Che fra l’omo e er principio cambia aspetto.
Io defatti, si in quarche discussione

Trovo che dì’ co’ quarche giovenotto,
Quello che sia principio lo rispetto,
Ma quello che sia omo lo scazzotto.

0

La tragedia

Fanno ar Quirino ‘na tragedia in prosa
Che si la vedi, fio, te fa terrore.
Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
Ma er fatto proprio, è tutta un’antra cosa.

0

Er maestro de noto

Ma, caro lei, bisogna intenne’ questa,
che er noto è come un’antra professione.
Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
è indificile assai che j’entri in testa.

Er fisico ce l’ha che je si presta;
ma si nun viè’ co’ me ner capannone,
si Dio guardi si stacca da un passone,

0

L’allustrascarpe filosofo

So’ trentanni che fo sta professione,
E ancora, graziaddio! nun so’ mai morto;
So’ vecchio, ar camminà’ cammino storto,
Eppure, sarv’ognuno, sto benone.

La notte me rintano in d’un portone;
E la matina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mècume porto
E me rimetto qui su sto cantone.

0

Io… e l’asino mio

‘Na vorta ‘no scurtore de cartello,
Dopo fatto un Mosè ch’era un portento,
Je disse: «Parla!» e lì co’ lo scarpello
Scorticò sur ginocchio er monumento.

Io pure mo ch’ho fatto st’asinello
Provo quasi l’istesso sentimento;
Ma invece d’acciaccallo cór martello
Lo licenzio co’ sto ragionamento:

2

‘Na predica de mamma

L’amichi? Te spalancheno le braccia
fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
nu’ la conoschi; ma quanno sarai
più granne, allora te n’accorgerai
si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia.