Poeti der Trullo Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Poeti der Trullo

3

Gabriella

La voce tua è ‘n incanto
Che lascia senza fiato
Spezzata come ‘r pianto
De ‘n còre appena nato

La voce tua me sfiora
Me porta fòri porta
E Roma se ‘nnamora
Come fosse ‘a prima vorta

La voce tua romana
È ‘n brivido che ariva
Ner fondo se rintana
E bacia questa riva…

1

Rime di rapa ripassate in padella

Poeti der Trullo:
A Roma è la cucina a falla da padrona
Quella culinaria è un’arte bella e bòna
Però pe’ magna’ bene ce vòle ‘a compagnia
Noi, tra ‘n piatto e ‘n artro, ve dimo ‘sta poesia

0

Cassandra

Er destino ha voluto che fossi capace
A legge l’anima pe’ quanto fugace
Cojevo ogni nota staccata e sfuggente
‘Na smorfia mai nata, ‘n occhiata pungente

Che fosse paura o desiderio latente
Mettevo a nudo ogni tipo de gente
In loro scoprivo la voce nascosta
Che segna la strada verso la fossa

0

Dicono che

Dicono che quanno se mòre
diventa silenzio ogni rumore.
Arriva la pace tanto agognata.
Avevi sperato. L’avevi sognata.

11

Luna Park

Quando ero ‘n pischelletto
Me ricordo er pomeriggio
La scodella cor giacchetto
In sella a un Sh grigio

Imboccavamo lo stradone
Co’ la comitiva appresso
Era l’Eur la direzione
E non succedeva spesso

Eravamo spensierati
Se divertivamo un mondo
Pe’ ‘na giostra fomentati
L’amicizia come sfondo

De sabato l’uscita
L’aspettavamo ar varco
Gioventù ribelle e unita
Che se sfoga dentro a ’n parco

Me viè ‘n mente: er più viziato
Co’ lo zucchero filato
Invece ‘n altro grande e grosso
Vò fa centro ar pesce rosso

Er più duro che se impanica
Sulla ruota panoramica
Mentre quelle più discusse
Eran le montagne russe

Ogni tanto flash-back lenti
De episodi che ho rimosso
Se ripenso a quei momenti
C’ho la pelle d’ oca addosso

Er Pinto, 2012

Componimento originale de Er Pinto dei Poeti der Trullo: un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metro-romantica, con una forte componente urbana.

0

‘Na vorta

‘Na vorta a Roma mia
Se campava co’ du’ spicci
Se cantava in ogni via
Pe’ da’ sfogo a li capricci

‘Na vorta a ‘sta città
Nun mancava mai er fiato
Je serviva pe’ canta’
Storie e amori der passato

0

Er Tevere

Mi nonno racconta che da ragazzino
Ner fiume più antico der monno latino
Quanno coceva l’afa ar mattino
Er ponte de Sisto era ‘n trampolino.

Piccoli e grossi, donne e vecchietti
Tutti giù ar fiume dar cielo protetti
Dalle borgate venivan gruppetti
Felici i più piccoli come uccelletti.

3

Roma Sparita

Che t’hanno fatto? Dimme chi è stato
A fatte spari’ dar giorno alla notte!
Er volto che avevi te s’è deturpato
Come se er tempo t’ha dato le botte…