Trilussa Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Trilussa

Avarizia 0

Avarizzia

Ho conosciuto un vecchio
avaro, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda li quatrini ne lo specchio
pe’ vede raddoppiato er capitale.

Allora dice: quelli li do via
perché ce faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo pe’ prudenza…
E li ripone ne la scrivania.

Trilussa

L'evoluzione 3

L’omo e la scimmia

L’Omo disse a la Scimmia: – Sei brutta, dispettosa:
ma come sei ridicola! ma quanto sei curiosa!
Quann’io te vedo, rido: rido nun se sa quanto!…
La Scimmia disse: – Sfido! T’arissomijo tanto!
Trilussa

Cavallo e asino 1

Le bestie e er crumiro

Una volta un Cavallo strucchione
c’ogni tanto cascava pe’ strada
scioperò pe’ costringe er Padrone
a passaje più fieno e più biada:
ma er Padrone s’accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro.

Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
– Me dispiace, ma propio nun posso:
se Dio guardi je faccio ‘ste cose
li cavalli me sarteno addosso…-
Er Padrone, pe’ mette un riparo,
Fu costretto a ricorre ar Somaro.

– Nun po’ sta’ che tradisca un compagno –
dice er Ciuccio – so’ amico der Mulo –
e pur’io, come lui, se nun magno
tiro carci, m’impunto e rinculo…
Come vòi che nun sia solidale
Si ciavemo l’istesso ideale?

Chiama l’Omo, e sta’ certo che quello
fa er crumiro co’ vera passione
Per un sòrdo se venne er fratello,
Pe’ du’ sòrdi va dietro ar padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega.

Trilussa

Aurelio Luini (1659) 10

Er primo pescecane

Doppo avé fatto l’Arca
Noè disse a le Bestie: — Chi s’imbarca
forse se sarverà, ma chi nun monta
sì e no che l’aricconta.
Perché fra pochi giorni, er Padreterno,
che s’è pentito d’avé fatto er monno,
scatenerà un inferno
pe’ rimannacce a fonno.
Avremo da restà sei settimane
tutti sott’acqua: e, lì, tocca a chi tocca! —
Ogni bestia tremò. Ma un Pescecane
strillò: — Viva er Diluvio! — E aprì la bocca.

Trilussa

Trilussa 10

L’onestà de mi nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po’ se troveno l’amante…
Lei, in cinquant’anni, nu’ l’ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa’ lo spasimante
je disse: – V’arigalo ‘sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito. –

Un’antra, ar posto suo, come succede,
j’avrebbe detto subbito: – So’ pronta.
Ma nonna, ch’era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: – Stattene lontano… –
Tanto ch’adesso, quanno l’aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!

Trilussa

3

Er punto d’onore

Una lettera anonima, fra tante,
fu quella ch’aprì l’occhi ar Professore;
diceva: «Preggiatissimo Signore,
ci avviso che sua moglie cià l’amante.
Se volesse la prova ch’è un cornuto
torni a casa a le sette. La saluto».
— E qua bisogna aggì — disse er Marito. —
Stasera no, perché me sento male,
domani è martedì, ciò ‘na cambiale,
doppo domani a sera ciò un invito…

29

Adamo e er Gatto

ADAMO E ER GATTO
Trilussa

Appena Adamo vidde er primo Gatto
je propose un contratto.
— Senti: — je disse — se m’ubbidirai
in tutto quello che me pare e piace,
te garantisco subbito una pace
come nessuno l’ha goduta mai.
Però bisognerà che fin d’adesso
me tratti co’ li debbiti rispetti
e rimani fedele e sottomesso…
Accetti o nun accetti?

— Grazzie, ne faccio senza:
la pace nun se compra, — disse er Micio —
ma se guadagna co’ l’indipennenza
a costo de qualunque sacrificio.
A me nun m’ingarbuji come er Cane
che, per un po’ de pane,
s’accuccia e t’ubbidisce a la parola.
Vojo la pace mia senza controllo,
senza frustate, senza musarola,
senza catene ar collo!
Dar modo come parli ho già capito
che in fonno ciai l’istinto d’un tedesco… —
E ner di’ questo er Gatto, insospettito,
arzò la coda e lo guardò in cagnesco.

13

Trilussa

21 Dicembre 1950 – muore Trilussa pochi giorni dopo essere stato nominato Senatore … a morte, come diceva lui. Qui a casa sua nel 1933.

2

Er reggistratore de cassa

Parla un commesso

Anticamente, quarche sordarello
su quello che spenneva l’avventore
se poteva rubbà, senza er timore
ch’er padrone scoprisse er macchiavello.

2

La mosca invidiosa

La Mosca era gelosa Dio sa come
d’una Farfalla piena de colori.
— Tu — je diceva — te sei fatta un nome
perché te la svolazzi tra li fiori:
ma ogni vorta che vedo l’ale tue
co’ tutto quer velluto e quer ricamo
nun me posso scordà quann’eravamo
poveri verminetti tutt’e due…
— Già, — disse la Farfalla — ma bisogna
che t’aricordi pure un’antra cosa:
io nacqui tra le foje d’una rosa
e tu su ‘na carogna.

Trilussa