Visita guidata con Roma Sparita ai Sotterranei di San Crisogono

Sotterranei di San Crisogono

Fonte: Wikimedia Commons

Fonte: Wikimedia Commons

La chiesa dedicata a San Crisogono sorge proprio all’inizio di viale Trastevere, con la sua secentesca facciata a timpano e il massiccio campanile romanico del XII sedolo, sormontato da una cuspide. L’interno, con un magnifico pavimento cosmatesco, è diviso da tre navate da ventidue antiche colonne di granito.

Non tutti, però, sanno che si tratta di una delle più antiche chiese di Roma, innalzata nel IV secolo, sotto papa Silvestro I (314 -335), su edifici romani di epoca tardo repubblicana, poi ricostruita nel XII secolo e radicalmente restaurata nel 1626, per ordine del cardinale Scipione Borghese, su progetto di Giovan Battista Soria.

E’ dedicata al martire Crisogono, vescovo di Aquileia, giustiziato sotto l’imperatore Diocleziano tra il 304 e il 305. Secondo una tradizione piuttosto tarda (VI secolo), Crisogono sarebbe stato un romano, vicarius Urbis e maestro di Sant’Anastasia. Catturato durante una persecuzione, sarebbe stato condotto ad Aquileia alla presenza di Diocleziano, che ne avrebbe ordinato lamorte per decapitazione. Il corpo di Crisogono fu gettato in mare e ritrovato sulla spiaggia dal sacerdote Zoilo, che gli diede sepoltura.

Questa chiesa costantiniana fu citata per la prima volta nel 499, in occasione del Concilio indetto da papa Simmaco e dovette essere abbandonata nel XII secolo, quando il cardinale Giovanni da Crema fece costruire la nuova basilica a un livello superiore. Del primitivo edificio sacro per secoli si persero le tracce, fino alla seconda metà dell’Ottocento, quando alcuni reperti che riaffioravano sotto la sacrestia, tra cui un capitello, fecero ipotizzare la presenza della chiesa sottostante.

Fonte: Wikipedia

Fonte: Wikipedia

Il 4 giugno del 1907 si diede l’avvio agli scavi per conto del Ministero delle Belle Arti. Vennero alla luce la schola cantorum, il recinto del presbiterio, la confessione e la cripta semianulare. Le esplorazioni continuarono nell’aula basilicale e in due ambienti posti ai lati dell’abside, incontrando notevoli difficoltà a causa delle fondamenta della chiesa superiore, che occupano purtroppo buona parte della grande aula sotterranea.

La visita agli scavi è veramente suggestiva e interessante.

Si scende attraverso una scala moderna che conduce al fondo della basilica, dove si riconosce l’antica abside. Seguendone la curva, si percorre la cripta semianulare che dà sul corridoio rettilineo che portava i fedeli il più vicino possibile alle reliquie di San Crisogono. La cripta fu fatta costruire da papa Gregorio III a partire dal 731 e conserva ancora tracce di pitture raffiguranti Sant’Anastasia e San Crisogono che converte San Rufo. Ancora dell’VIII secolo sono gli affreschi della parte superiore dell’abside con dischi e losanghe intrecciati, a imitazione dei pannelli marmorei.

Dei due ambienti a fianco dell’abside, uno era probabilmente adibito al rito battesimale e occupava il posto di una antica “fullonica”, ossia una tintoria. Al centro c’è la vasca battesimale. Come si capisce dai resti di una porta sulla parete di fondo, vi si poteva accedere indipendentemente dall’attuale via di San Gallicano. L’altro ambiente doveva essere un “secretarium” e conserva il pavimento in tessere marmoree con disegno a fioroni. Qui gli scavi hanno permesso il ritrovamento del bel sarcofago marmoreo di II secolo con motivi marini, ancora in situ. Al centro è il busto del defunto, in una grande valva di conchiglia sorretta da due tritoni. Ai lati si svolge un corteggio di Nereidi con strumenti musicali e altre figure acquatiche.

Procedendo nell’aula basilicale, a un’unica navata, si incontra sul lato sinistro uno splendido altare a blocco dell’XI secolo, affrescato con decorazioni a cerchi concentrici e motivi vegetali che hanno conservato una straordinaria vivacità di colori, che vanno dal blu, al rosso, al giallo. In questa parte della chiesa si possono ammirare affreschi di santi sulle pareti, oltre a due sarcofagi in marmo e qualche resto di materiale liturgico. Sul lato opposto si osservano alcuni sarcofagi in terracotta, oltre agli affreschi meglio conservati, con storie di San Benedetto che guarisce il lebbroso, il salvataggio di San Placido, San Pantaleone che guarisce il cieco, papa Silvestro che cattura il drago. Da qui, una scala moderna porta all’originario vano d’ingresso della basilica paleocristiana.

Fonte: Antonio Venditti e Cinzia Dal Maso per Specchio Romano


Al momento la visita non e' in programma, effettuabile a richiesta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *