Visita guidata con Roma Sparita al Museo degli Strumenti Musicali

Il Museo degli Strumenti Musicali

60686_10152567074626527_3674603012068744319_n
Il Museo Nazionale degli Strumenti Musicali sorge in una zona della Capitale di grande importanza storica e archeologica.
A breve distanza dalla Basilica di San Giovanni in Laterano e dalla Stazione Termini, è pressoché adiacente alla Piazza Santa Croce in Gerusalemme. Circondato da un’area verde su cui si ergono i resti archeologici del Palazzo Imperiale (Sessorio), dell’ Anfiteatro Castrense e del Circo di Eliogabalo, rimane immerso in una atmosfera di silenzio e di pace.
Il Museo conserva al suo interno unaquantità enorme, forse unica al mondo, di strumenti musicali: circa 3000 pezzi, di cui ottocento esposti. La maggior parte degli strumenti qui conservati derivano dalla collezione privata di Evan Gorga, tenore italiano, nato nel 1865 e primo interprete di Rodolfo nella Bohème di Puccini al Teatro Regio Torino nel 1896, passato, dopo soli cinque anni di acclamatissima carriera teatrale, alla sua vera passione: il collezionismo. Possedeva circa trenta collezioni di oggetti più disparati, ma certamente la collezione di strumenti musicali era quella che rivestiva la maggiore importanza. Evan Gorga è morto nel 1957 a 92 anni e in condizioni di estrema povertà.
A lui la cultura italiana deve essere riconoscente per aver contribuito alla conservazione di un enorme patrimonio artistico e culturale che altrimenti sarebbe andato disperso.Vi si e’ aggiunta in seguito una incredibile serie di strumenti rari e preziosi, tanto che adesso vi sono piu’ di 3000 pezzi che vanno dall’antichita’ alla fine del ‘700. Sezioni di strumenti popolari di tutto il mondo e di strumenti-giocattolo.
Tra i gioielli della raccolta, segnaliamo: un modellino di clavicembalo in legno laccato e dorato con Tritoni e Nereidi, del XVII sec.; la celebre Arpa Barberini (coeva), alcuni strumenti appartenuti a Benedetto Marcello, una tromba del 1461, un cembalo tedesco del 1537, il primo pianoforte del padovano Bartolomeo Cristofori, inventore dello strumento (1722), una serie di organi positivi e due rarissimi pianoforti rettangolari del XVIII secolo.

dal sito: http://www.galleriaborghese.it/nuove/strumenti.htm


Al momento la visita non e' in programma, effettuabile a richiesta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *