Piazza dei Re di Roma

Piazza dei Re di Roma
Descrizione: Piazza dei Re di Roma e via Appia Nuova
Anno: (?)
Fotografo: (?)
Fonte: Tratta da ebay archivio sconosciuto
Aggiunta da Remia Marcello

29 Risposte

  1. Mamma mia quanto verde, quanti alberi… Mica come ora…

  2. Io andavo a giocare ai giardinetti di piazza Re di Roma!?

  3. la frequento dagli anni 60 – ma non ricordo tutti questi alberi

  4. Magari fosse così anche ora!

  5. Rivederla come era “all’origine” e pensare come tutti quei alberi siano spariti!!!!!!!!!!!

  6. Giorgio Franceschetti ha detto:

    La foto è databile al dopoguerra, max primi anni 50.

  7. Roma bellezza unica al mondo per me specialmente negli anni 70 tutta un’altra storia bellissimi ricordi tutta la gente eravamo più felici ma non perchè eravam giovani e perchè ci si accontentava più facile .buona serata a tutti

  8. Fabrizio Barbabella ha detto:

    Mi ricordo che, da bambino, mio padre talvolta mi conduceva nei giardinetti di questa splendida piazza (almeno fino alla fine degli anni ’50) perché c’era una piccola giostra (Sapete, i soliti cavalli, le macchinine, le biciclettine)
    che, per poche lire dell’epoca, ti faceva girare in tondo in tondo. Il bello di quella giostra, mi ricordo, è che non era alimentata dalla corrente elettrica, bensì dai genitori che la facevano girare su se stessa, dando degli impulsi ai bastoni che andavano dal pavimento della giostrina alla sua piccola cupola. Chissà se qualcuno di voi si ricorda, così come me, di questa giostrina! Diamine, come una foto possa farti rivivere la tua infanzia!

  9. All’epoca erano gli alberi ad essere in doppia fila…

  10. Mi ricordo anche quella giostrina che bei ricordi grazie che li hai ricordati

  11. Sotto a quella doppia fila di alberi passava il tranvetto…o sbaglio?

  12. Quanti ricordi….il nostro bel quartiere…..

  13. bella ,io abitavo proprio li ,è vero passava il tranvetto

  14. Alla fine anni 80 mi ricordo che ci stava anche un muretto,al centro la scritta Eagles supporters.

  15. Io ci andavo con mio Padre a giocare la schedina

  16. quante volte mi sono seduta su quelle panchine e mio padre andava al bar “Ferruccio” a giocare la schedina

  17. Hai ragione Antonietta. Ti ricordi quando ci sedevamo insieme a parlare e ridere???’Che tristezza !!! Noi ci divertiranno con poco! !!

  18. Marco Pittalis ha detto:

    Io ci sono nato e cresciuto ma tutti questi alberi non li ricordo….comunque quanti ricordi…tempi andati…complimenti per il sito,saluti a tutti voi,
    Marco.

  19. LUCIANO ha detto:

    IL BAR FERRUCCIO QUANDO VINCEVA O PAREGGIAVA LA ROMA ESPONEVA LA BANDIERA DI FUORI.

    • Donatella ha detto:

      Bar FERRUCCI senza “O” finale… e comunque quando VINCEVA la bandiera sventolava aperta, quando PAREGGIAVA era arrotolata e quando PERDEVA non veniva messa… così anche da lontano i tifosi sapevano!!!!!!

  20. Maurizio Petrone ha detto:

    Quante volte andavamo con mio padre a comprare il biglietto per vedere la Roma che perdeva regolarmente con le squadre del nord!!!!!!!

  21. fulvio martin ha detto:

    ricordo che la piazza, allora attraversata diametralmente dalla via Appia nuova, (dopo la nascita della circoscrizione 9°, 1974) a causa del continuo ingorgo di traffico, fu trasformata in rotatoria con la costruzione della pavimentazione centrale. Ricordo pure che le alberature erano talmente fitte che i raggi del sole faticavano a penetrare.

  22. Giorgio 44 ha detto:

    Quanti ricordi, ragazzi io abitavo all’alberone e piazza dei re di roma era meta delle mie passeggiate con il mio amico Roberto.Ovviamente non c’erano cellulari e la domenica quando non sapevamo i risultati della Roma,andavamo al bar Ferrucci e da lontano cercavamo di vedere se avevano messo la bandiera. Frequentavo la scuola Duca D’Aosta e quindi ci passavo spesso.A proposito esiste ancora il bar Ferrucci?

    • Donatella ha detto:

      Era di mio nonno e poi padre… il bar fu chiuso e rimase la ricevitoria… da ormai un pó di anni è stata chiusa… e si… quando la Roma VINCEVA c’era la bandiera della Roma sventolante… quando pareggiava era arrotolata e se perdeva non veniva messa…. ??? non c’erano i cellulari e alcuni nei primi tempi non avevano neanche la radio… dunque era un modo per informare i TIFOSI…. ???

  23. MANLIO GIUPPI ha detto:

    sono nato a via pomezia 36 nel 1945 e ho tanti ricordi : d’estate il cocomeraro all’inizio di via cerveteri, il bar Ferruccio che esponeva la bandiera della ROMA quando vincevamo o pareggiavamo. Poi ,in occasione di ROMA Napoli mio padre mi portava a vedere i napoletani che passavano in pullman (con fischi e pernacchie) , la Standa davanti alla chiesa di ognisanti con la prima scala mobile di Roma ( credo), la bottega di maniscalco di mio nonno e mio padre alla fine di via vercelli, il mercato a via cerveteri , i cui banchi venivano smontati e portati nel grande spiazzo dove c’e’ adesso gaming hall, per la festa di San Giovanni le cene in terrazzo con gli altri inquilini e mio padre che preparava le lumache ( una volta non aveva bloccato bene la pila dove stavano per farle spurgare e la mattina dopo trovammo le lumache sparse in tutta la cucina , soffitto compreso),le visite alla tecnostampa a via albalonga , perche’ mia madre lavorava alla dear film e andava a visionare i film che poi sarebbero usciti in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *