Roma Sparita - Piazza Scossacavalli

Piazza Scossacavalli

romasparita_sds2976
Descrizione: Squadra di operai al lavoro sul cumulo di macerie dello storico palazzo dei Convertendi sull’ex-piazza Scossacavalli, dove oggi c’è Via della Conciliazione. In primo piano a sinistra la fontana del Maderno (oggi in piazza S. Andrea della Valle). Gruppo di curiosi assiste ai lavori. Sullo sfondo la basilica di San Pietro
Anno: 1937
Fonte: Archivio Luce
Aggiunta da Roma Sparita

38 Responses

  1. Scempio storico-urbanistico…almeno la fontana fu salvata..!

  2. Mi hanno detto che gli abitanti della Spina di Borgo furono trasferiti a Primavalle; possibile?

  3. Poi i miei nonni sono veniti a Testaccio dove io da ultoma vivo

  4. Non dimentichiamo che la quasi totalità delle case – molto popolari – erano senza acqua e servizi. Per molti – pur traslocando in piena campagna – avere avuto per la prima volta l’acqua corrente e il bagno in casa fu definito un lusso e ringraziarono (ahime) il regime. (così mi ha sempre raccontato mio zio) ….poi che oggi si gridi allo scempio per un mondo che non c’è più è un’altra storia…..se fossero state risparmiate quelle case oggi sarebbero come quelle in centro…peccato….

    • Moltissime case del centro storico , Trastevere,e del restante Borgo Pio, erano senza acqua e servizi,non mi sembra una buona giustificazione per approvare la loro demolizione….

    • Non ho approvato la demolizione, ho solo detto che all’epoca – come in tutte le città e paesi italiani – molte di quelle case erano così malsane che pochi si sono resi conto della perdita paesaggistica e storica del centro città e con il pensiero che nuovo è meglio che vecchio sono state fatte scelte che a noi contemporanei sembrano totalmente assurde. Oggi sarebbe impensabile (anche per un Mussolini) abbattere case antiche in centro…

    • PS Viale Trastevere che porta alla stazione trastevere è stato realizzato proprio abbattendo case e casupole del quartiere.

  5. Racconta il Piale nella sua Descrizione di Roma to. 2. pag. 414. che dovendosi trasportare due grosse pietre alla Basilica di s. Pietro in Vaticano, e giunto in questo luogo il carro, i cavalli si fermarono; ma non essendo stato possibile farli andare più innanzi si dovette scaricare il carro medesimo, e le due pietre vennero depositate nella prossima Chiesa di s. Giacomo. Gli autori che parlano delle cose di Roma soggiungono che ciò avvenisse perchè in quel tempo il suddetto sito era si ripido e scosceso, che per quanto si durasse fatica a violentare i cavalli tuttavia non lo poterono transitare, e perciò fu detto scossa cavalli. Tale è l’origine del nome della presente piazza.
    [A.Rufini – 1847]
    ;)

  6. Racconta il Piale nella sua Descrizione di Roma to. 2. pag. 414. che dovendosi trasportare due grosse pietre alla Basilica di s. Pietro in Vaticano, e giunto in questo luogo il carro, i cavalli si fermarono; ma non essendo stato possibile farli andare più innanzi si dovette scaricare il carro medesimo, e le due pietre vennero depositate nella prossima Chiesa di s. Giacomo. Gli autori che parlano delle cose di Roma soggiungono che ciò avvenisse perchè in quel tempo il suddetto sito era si ripido e scosceso, che per quanto si durasse fatica a violentare i cavalli tuttavia non lo poterono transitare, e perciò fu detto scossa cavalli. Tale è l’origine del nome della presente piazza.
    [A.Rufini – 1847]
    ;)

  7. Racconta il Piale nella sua Descrizione di Roma to. 2. pag. 414. che dovendosi trasportare due grosse pietre alla Basilica di s. Pietro in Vaticano, e giunto in questo luogo il carro, i cavalli si fermarono; ma non essendo stato possibile farli andare più innanzi si dovette scaricare il carro medesimo, e le due pietre vennero depositate nella prossima Chiesa di s. Giacomo. Gli autori che parlano delle cose di Roma soggiungono che ciò avvenisse perchè in quel tempo il suddetto sito era si ripido e scosceso, che per quanto si durasse fatica a violentare i cavalli tuttavia non lo poterono transitare, e perciò fu detto scossa cavalli. Tale è l’origine del nome della presente piazza.
    [A.Rufini – 1847]
    ;)

  8. Si girare da lungotevere e vedere tutta la maestosità di San Pietro è bellissimo, però togliere la spina di borgo che possedeva opere anch’esse stupende, è stato uno scempio.

  9. La fontana venne ricostruita davanti alla chiesa di S . Andrea della Valle .

  10. La fontana venne ricostruita davanti alla chiesa di S . Andrea della Valle .

  11. Ne ho ricordo come un sogno ,avevo 4 o 5 anni !

  12. Ne ho ricordo come un sogno ,avevo 4 o 5 anni !

  13. Avatar Maria Paola Paracini ha detto:

    come per via dei fori, ogni volta mi viene il nervoso per le opere di quell’intelligentone :-)

  14. Avatar fulvio ha detto:

    I miei avevano una trattoria in vicolo del Villano (ora non più esistente). Il problema è che Roma dal 1870 in poi è quasi sempre stata amministrata da non romani che capiscono poco o nulla di questa città. Bene ha fatto l’attuale sindaco (romana) a non volere le olimpiadi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *