Roma Sparita - Largo Trionfale

Largo Trionfale


Descrizione: Processione per la festa di San Giuseppe passa a Largo Trionfale
Anno: 1956
Fotografo: Gianni Letizia
Fonte: Archivio personale
Aggiunta da Gianni Letizia

7 Responses

  1. Preghiera a San Giuseppe Frittellaro

    di Checco Durante

    San Giuseppe frittellaro
    tanto bbono e ttanto caro,
    tu cche ssei così ppotente
    da ajutà la pora ggente,
    tutti pieni de speranza
    te spedimo quest’istanza:

    fa sparì dda su la tera
    chi ddesidera la guera.

    Fa vvenì l’era bbeata
    che la ggente affratellata
    da la pace e dar llavoro
    non ze scannino tra lloro.

    Fa ch’er popolo italiano
    ciabbia er pane quotidiano
    fatto solo de farina
    senza ceci né saggina.

    Fa cche ccalino le tasse
    e la luce, er tranve e’r gasse;
    che ar ttelefono er gettone
    nu’ lo mettano un mijone,
    che a ppotè legge er ggiornale
    nun ce serva ‘n capitale.

    Fa che tutto a Campidojo
    vadi liscio come ll’ojo:
    che a li ricchi troppo ingordi
    je se levino li sordi
    pe’ ccurà quer gran mmalato
    che sarebbe l’impiegato,
    che così l’avrebbe vinta
    p’allargasse’n po’ la cinta.
    Mo quer povero infelice
    fa la cura dell’alice

    e la panza è ttanto fina
    che se ’ncolla co’ la schina.

    O mmio caro San Giuseppe
    famme fa ‘n ber par de peppe (scarpe),
    ma fa ppure che er pecione (carzolaro)
    nun le facci cor cartone
    che sinnò li stivaletti
    doppo ‘n mese che li metti
    te li trovi co li spacchi
    ssenza sola e ssenza tacchi.

    E fa ppure che’r norcino
    er zalame e er cotichino
    ce lo facci onestamente
    cor maiale solamente
    che ssinnò lì drento c’è
    tutta l’arca de Noè.

    Manna er ffreddo e mmanna er zole,
    tutto quello che cce vole
    pe’ ffa bbene a la campagna
    che ssinnò qqua nun ze magna.

    Manna l’acqua che ricrea
    che sinnò la Sora ACEA
    ogni vorta che nun piove
    se’mpressiona e ffa le prove
    pe’ ppoté facce annà a lletto
    cor lumino e’r mmoccoletto.

    O ggran santo bbenedetto
    fa che ognuno ciabbia un tetto,
    la lumaca affortunata
    cià la casa assicurata
    cha la porta sempre appresso…
    fa ppe’ noi puro lo stesso:
    facce cresce su la schina
    una cammera e ccucina.

    Fa che l’oste, bbontà ssua,
    pe’ fa er vino addopri l’uva,
    che ssinnò, quanno lo bbevi,
    manni ggiù l’acqua de Trevi.
    Così er vino fatto bbene
    fa scordà tutte le pene
    e tte mette l’allegria.
    Grazie tante….
    …………..Accusì ssia !!!!!!

  2. La festa di San Giuseppe, bei ricordi della mia infanzia. Prima di tutto, quel giorno non si andava a scuola. Poi tutta la preparazione dei giorni prima . Le bancarelle con le friggitorie dei bigne’ di San Giuseppe lungo via della Giuliana . I cappelli e le pallette di stoffa con elastico , ripiene di sabbia , (gialloressi della Roma , bianocelesti della Lazio). Che battaglie per le strade dei quartieri Prati e Trionfale. Una felicita’ pazzesca. La mia strada era via Riccardo Grazioli Lante. Era una via piena di famiglie con tanti, tanti bambini , educatissimi a casa (per paura dei genitori) ma scalmanati all’inverosimile fuori per strada. I marciapiedi erano molto larghi, e si poteva giocare con tranquillita’, transitava un’ auto ogni tanto e comunque non c’erano pericoli. I soprannomi : er corazziere, er palletta, er marziano, maciste, spartaco, er cinese. Io ero cannolicchio, perche’ avevo tutti i capelli diritti in testa , e mi dicevano appunto che se piovevano cannolicchi si infilavano tutti sui miei capelli.

  3. Quella Roma per noi che l’abbiamo vissuta rimane solo un bel ricordo 😔

  4. La festa c’è ancora, anche se in tono molto minore…

  5. Abitavo in via Candia e ,per me,quella era la festa di quartiere che attraeva tantissima gente da tutta Roma.Il caratteristico odore delle frittelle permeava tutte le vie limitrofe,da via Andrea Doria a via LeoneIV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *