Roma Sparita - Vittoriano Roma Sparita - Vittoriano

Vittoriano


Descrizione: Vittoriano
Anno: 1911
Fotografo: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Loredana Diana

18 Responses

  1. su Facebook ha detto:

    …quindi ancora non c’era il Milite Ignoto?

  2. su Facebook ha detto:

    Meglio non farlo…brutto

  3. su Facebook ha detto:

    Hanno distrutto un quartiere medievale per fare questa schifezza.

  4. su Facebook ha detto:

    Ne hanno distrutte di cose negl’anni !

  5. su Facebook ha detto:

    Da abbattere c’è solo la non conoscenza del monumento e tanta banalità di commenti triti e ritriti di chi mai ha superato il cancello di ferro

  6. su Facebook ha detto:

    Piuttosto spendeteci un pomeriggio e fateci un giro a mente aperta

  7. su Facebook ha detto:

    Per me va smontato e rimontato altrove, e ricostruita la città con materiali stile e piante catastali di prima. In Francia è stato fatto a St.Malo negli anni 50, dopo i bombardamenti della guerra che l’avevano rasa al suolo, ed è bellissima

  8. domedf ha detto:

    Quanta banalità e ignoranza. Ne abbiamo da vendere in questo paese. In piazza Venezia c’era un groviglio di strade e case con uno squallore pazzesco, la piazza era piccola 1/10 di quella di oggi, con o senza il Vittoriano quell’area andava allargata e aperta per soddisfare esigenze urbanistiche che ogni città moderna doveva avere. Parigi nell’ottocento sotto il governo di Napoleone III è stata completamente stravolta e ha dovuto sacrificare un bel po’ della suo aspetto medievale per aprire viali e strade che potessero permettere una circolazione fluida e scorrevole. Lo stesso è stato fatto anche a Roma cercando di rispettare il più possible la città. Il Vittoriano è un capolavoro dell’architettura neoclassica, un’opera valida e di grande qualità edilizia, una terrazza panoramica nel cuore della città che rompe la monotonia del suo aspetto medievale e dà continuità con il suo passato imperiale, e c’è chi piange per un quartiere che prima era una bettola e un chiostro abitato da quattro suore (come se non ce ne fossero abbastanza di chiostri e conventi in giro per roma). Ci siamo abituati alla pochezza, alla mediocrità e alla banalità di certi quartieri di periferia che non si sa apprezzare l’originalità e il coraggio di un opera unica nel suo genere. Se fosse per la mentalità di certe persone vivremmo ancora nelle tende con le canne di bambù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *