Santa Maria in Aracoeli


Descrizione: Santa Maria in Aracoeli. L’obelisco visibile all’estrema destra vicino al lato sud della Basilica si trova dal 1817 a Villa Celimontana, al tempo proprietà della famiglia Mattei
Anno: 1532
Autore: Van Heemskerck
Aggiunta da Loredana Diana

12 Responses

  1. su Facebook ha detto:

    E si narra che un operaio ci lasciò sotto una mano,incastratasi durante i lavori di re-innalzamento.

  2. su Facebook ha detto:

    Rispetto a questo disegno una parte della chiesa credo non esista più…o sbaglio ?!

    • su Facebook ha detto:

      Si mi sembra il chiostro per lasciare spazio al brutto altare della patria..

    • su Facebook ha detto:

      Grazie

    • su Facebook ha detto:

      Il convento (che aveva tre chiostri, tutti demoliti insieme alla torre di Paolo III e al quartiere sottostante per fare il cassone savoiardo) stava dall’altro lato. Questo disegno è antecedente a piazza del Campidoglio che sta da questa parte. Cmq il vittoriano lo toglieremo da li, e ricostruiremo tutto com’era! Ce la faremo! Roma riavrà il suo colle

    • su Facebook ha detto:

      Carlo Simotti grazie

    • su Facebook ha detto:

      Italo Cianca brutto lo dice chi non lo conosce.

    • su Facebook ha detto:

      Carlo Simotti sei messo male a cultura architettonica e Storia…

    • su Facebook ha detto:

      Italo Cianca il Vittoriano si trova dalla parte opposta della basilica. Quello che vediamo era al posto del Palazzo Nuovo, ancora da costruire alla data, che ora ospita tra l’altro, la statua di Marforio.

  3. su Facebook ha detto:

    Beh … prima che Michelangelo riprogettasse l’assetto del Campidoglio, e poi fino a quando non fu completamente realizzato, lí ci pascolavano le pecore.
    Carlo Grossi : la fontana del Marforio ( da “Mare dal Foro” perchè trovata nel Foro con una enorme vasca in granito) fu addossata alla parete del cortile di Palazzo Nuovo dopo aver arretrato il terrapieno. L’Ara Coeli nn fu toccata.
    La progettazione di quello spazio è ritenuta il primo atto di destinazione a museo pubblico di un edificio. Fino ad allora le “gallerie” erano solo private ( erano quelle cinquecentesche dei palazzi nobiliari )
    L’Ara Coeli è stata sacrificata dal regime, mai da Michelangelo. Lui quando progettava pensava anche al contesto. ?

  4. carlo alberto cicione ha detto:

    CHI AMA ROMA, LEGGE E ACCETTA TUTTO QUELLO CHE NON HA MAI VISTO MA NEL SUO CUORE VORREBBE AVERLO VISSUTO DI PERSONA. POI, OGNI DISCUSSIONE è BELLA PERCHE’ AUMENTA LA VOGLIA DI SAPERE.

    GRAZIE A TUTTI VOI, ANCHE SE SCONOSCIUTI.

    CARLO ALBERTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.