Roma Sparita - Via Davila

Via Davila


Descrizione: Via Davila, tratto finale
Anno: Novembre 1981
Fotografo: (?)
Fonte: Archivio personale
Aggiunta da Gaetano Trovalusci

3 Responses

  1. Loredana Diana ha detto:

    Annalisa Silvestri
    http://maps.google.it/maps?f=q&source=s_q&hl=it&geocode&q=Via+A.+Davila+Roma&sll=41.917656%2C12.415121&sspn=0.000703%2C0.0012&g=Via+Federico+Borromeo%2C+00168+Roma%2C+Lazio&ie=UTF8&hq&hnear=Via+Arrigo+Davila%2C+00179+Roma%2C+Lazio&ll=41.867657%2C12.528858&spn=0.000678%2C0.0012&t=h&z=20&layer=c&cbll=41.867743%2C12.528795&panoid=URx2ieRUa4S6kCvoKz_A3A&cbp=13%2C149.72%2C%2C0%2C-2.54

    Amenofi Tibere
    cosa era quell’enorme casone da decenni abbandonato?

    Gaetano Trovalusci
    quell’edificio faceva parte di una famosa fonderia di statue

    Amenofi Tibere
    ‎@trovalusci sai il nome della fonderia?vorrei fare una ricerca,essendo un “cultore” della zona (IX municipio)

    Marco Mecozzi
    io ho abitato a Via Davila (il palazzo della posta) dal 1970 dino al 2003…zona splendida,milioni di ricordi ed un mare di amici…questo pezzo l’ho fatto a piedi non so quante migliaia di volte per andare alla scuola media Lewis Carroll in fondo a Via Latina dove al tempo c’erano ancora le baracche(zona Carlo Cipolla)…

    Gaetano Trovalusci
    gentile Amenofi purtroppo no. Non conosco il nome della fonderia ma posso provare a chiedere a qualcuno che conoscevo ….ma di tempo ne è passato veramente tanto…..proverò. Un caro saluto

    Riccardo La Bella
    Era la fonderia “Bruni”, la più importante fonderia d’arte in Italia e una delle più note al mondo, produttrice di numerose e famose opere in bronzo. Sorse nel 1880 presso piazza del Popolo, successivamente fu trasferita sulla via Tiburtina, nell’area ora occupata dalla città universitariaa, quindi sull’attuale via dei Cessati Spiriti (vecchio tratto di via Appia Nuova) e infine fuori Roma, sempre sulla via Appia Nuova.

    Amenofi Tibere
    ‎@La Bella grazie per le preziose informazioni,voglio vedere se si trova qulacosa,@Trovalusci grazie per l’interessamento e per le belle foto di questa zona.

    Spizzichino Angelo ‎
    @ Riccardo la bella . Verissimo . Mi ricordo anche che dal tram Capanelle all’altezza della fermata velodromo , di fronte al laltro lato si vedeva la fabbrica di statue . In via cessati spiriti .

    Gaetano Trovalusci
    ci si passava accanto per andare da Via Appia al capolinea dell’87 che stava a Largo Pietro tacchi Venturi oppure alla Chiesetta di S. Giuda taddeo a Via Mario Menghini…..dove ho fatto la 1 comunione nel 1965…….

    Mauro Merelli
    La fornace è sempre lì, dopo anni ed anni… anche se lì di fianco hanno costruito una palazzina. Chissà quanti anni ancora resterà così senza che venga abbattuta. Memoria storica ma anche degrado urbano.

    Dori Blu Naturale
    ci ho abitato fino ai 20 anni

    Adriano Calandrini
    MI RICORDO, DI UNA ENORME STATUA EQUESTRE IN BRONZO E NON ULTIMATA, BEN VISIBILE A CHI PASSAVA LUNGO LA VIA CESSATI SPIRITI.

    Lidia Fiorbello
    ma è dietro la mia vecchia casa, dove c’è ancora mia madre….io la chiamavo la vecchia fonderia…

    Fabio Signorelli
    in fondo a questa strada abitavano dei miei amici, uno di questi non c’è piu ,dedico a lui questo commento il grande SANDRO DURO detto RIGATONE. un saluto affettuoso a che te sei passato a miglior vita .

  2. su Facebook ha detto:

    Giulia

  3. su Facebook ha detto:

    La casupola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *