Torre degli Annibaldi

Torre degli Annibaldi


Descrizione: Torre degli Annibaldi in via del Fagutale
Anno: (?)
Fonte: (?)
Aggiunte da Roma Sparita

1 Response

  1. Sabrina Di Sante Sabrina Di Sante ha detto:

    TORRE DEGLI ANNIBALDI (Via del Fagutale) 
    Questa torre, a base quadrata e oggi scapitozzata, faceva parte del complesso fortificato di S. Maria in Monasterio, una specie di chiesa-castello, in maniera analoga a come possiamo ancora oggi vedere al Monastero dei SS. Quattro Coronati. Il complesso fu concesso da Onorio III (1216-1227) ai Conti di Tuscolo, che poi lo passarono agli Annibaldi. Nel sec. XVI il complesso di S. Maria in Monasterio cadde in rovina e la Torre passò ai Maroniti. La costruzione, realizzata alla base una fascia in tufelli e superiormente in laterizio e poggiante su un basamento di età romana (un ambiente forse in collegamento con il vicino Ninfeo detto appunto di via degli Annibaldi), presenta sul lato sud-occidentale un vano semicircolare utilizzato come scala di collegamento tra i vari piani. La famiglia Annibaldi è stata una di quelle che hanno fatto la storia medioevale di Roma. Emersa nell’XI secolo e divisa in quattro rami (della Molara, di Ceccano, di Montecompatri, di Zancato), conquistarono una posizione di forza ai danni dei Frangipane, che già controllavano tutta quest’area, compreso il Colosseo. Questa torre non era l’unica di proprietà degli Annibaldi: altre ne avevano presso l’attuale piazza Venezia e nella zona del Laterano (scomparsa) e fu costruita in posizione strategica proprio in contrapposizione con i Frangipane, che anzi si narra che cercarono in tutti i modi di ostacolare la costruzione della torre, anche con lanci di proiettili catapultati dal Colosseo. Nel 1240 Federico II (protettore degli Annibaldi) obbligò i Frangipane e consegnare agli Annibaldi la porzione del Colosseo che dà verso i SS. Quattro. Veri e propri baroni, gli Annibaldi cercarono in tutti i modi di ostacolare l’autonomia politica del Comune di Roma. Ma come loro scalzarono via i Frangipane, una nuova potenza aristocratica, i Caetani, scalzò via loro. I Caetani infatti, con l’elezione a papa di Bonifacio VIII (il papa del famoso primo giubileo), andranno ad accaparrarsi buona parte dei possedimenti degli Annibaldi.dal sito: www. medioevo. roma. it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *