Via delle Medaglie d'Oro

Via delle Medaglie d’Oro


Descrizione: Monte Mario – Via delle Medaglie d’Oro
Anno: 1928
Fonte: albo promozionale dell’ Anonima Monte Mario
Aggiunta da Adriano Carafa

2 Responses

  1. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Adriano Candali
    Fantastica

    Adriano Carafa
    pensate a com’è oggi Viale delle Medaglie d’Oro… questo è il punto in cui inizia Viale Tito Livio, oggi è tutto tappezzato di palazzine,l’altura è quella che sale verso via Cadlolo dove è stato poi costruito l’albergo Hilton

    Sara Vespri
    ‎…DOVEVA ESSERE COSI’ SILENZIOSO!!!

    Mare Maggio
    ma esiste ancora la villa in primo piano ?..

    Marco Valerio
    penso proprio di sì…la strada l’hanno aperta nel 1920,la foto deve essere di poco posteriore vista la selvaggia urbanizzazione….

  2. Avatar Adriano Rossi ha detto:

    Questo dovrebbe essere il punto di sbocco dell’attuale via C. Nepote sul viale, non quello di T.Livio: i due sbocchi e gli andamenti delle due strade suddette, compresa la curva a gomito nel tratto più alto visibile, sono molto simili. Tuttavia ci sono elementi nella foto per ritenere che si tratti del villino immediatamente a valle del villino Tassoni ossia quello al semaforo-incrocio dove si gira a sinistra per la chiesa di Santa Paola: 1) l’aspetto del villino Pucher che ricorda per certe caratteristiche l’attuale all’angolo detto (e benchè modificato nel tempo, come accaduto per altri villini lungo il viale)… e non ne risulta uno come il Pucher allo sbocco di di V.le T.L. 2) allo sbocco di Viale Tito Livio c’è un altro villino ad angolo (vedi altre foto qui archiviate, in specie quella dell’albo promozionale dell’Anonima) che ha altre caratteristiche e , tra l’altro, pare il primo edificato a bordo viale 3) al margine destro della foto si nota uno scorcio di panorama su Roma – pare – così come visibile da Via Nepote più che dalla curva a gomito di T.Livio, più interna 4) altro elemento è, poi, la presenza di un edificio che sembra di piccole dimensioni, in basso nella foto, distante ma davanti al villino Pucher… e come posizione e distanze tra i due sembra proprio si possa trattare della chiesetta della Madonna del Pozzo, dislocata più o meno all’altezza dello sbocco di Via Nepote – Via Duccio Galimberti che non a quello di Viale Tito Livio. Siamo nel 1928 e le costruzioni erano ancora poche e magari qui in foto anche coperte dalla vegetazione e dagli alberi che si notano in basso nella foto. Si vede anche una strada passare dietro la (presunta) chiesetta… e in altra foto qui archiviata che ritrae la stessa chiesetta della M. del P. nel 1926 si vede una strada disposta proprio così, a destra, guardando dal lato anteriore la piccola chiesa. Valgono tuttavia lo stesso concetto e stupore espressi si tratti dello sbocco del Viale T. Livio: in ogni caso si nota l’assenza del tappezzamento di palazzi attuale ed entrambe le vie , se risalite, portano verso la zona di Via Cadlolo… da via Nepote oggi si arriva a P,le Socrate e da qui tramite via Fedro a V. Cadlolo… se fosse lo sbocco di via C. Nepote allora questa via sarebbe una delle più antiche tra quelle create nel nuovo quartiere di M.M., forse per servire proprio l’altra villa menzionata nel titolo, di proprietà della Società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *