Roma Sparita - Monteverde

Monteverde


Descrizione: Scoppio della polveriera di Monteverde, 23 aprile 1891, un aspetto del luogo della spaventosa esplosione
Anno: 1891
Fotografo: G. Primoli
Fonte: Archivio Primoli – da Lando Bortolotti “Roma fuori le mura – L’ Agro romano da palude a metropoli” Editori Laterza 1988
Aggiunta da Carlo Galeazzi

2 Responses

  1. Avatar Carlo Galeazzi ha detto:

    23 aprile 1891: scoppio della polveriera di Vigna Pia con un bilancio di 4 morti e 240 feriti. Vengono anche gravemente danneggiate opere d’arte all’interno della città: in particolare viene squarciata la finta cupola della chiesa di Sant’Ignazio e vengono distrutte le vetrate della basilica di San Paolo.

  2. Avatar Alessandro ha detto:

    La polveriera ad esplodere non era a monteverde ma in una area adiacente la collina di Santa Passera (Via dei Grottoni) tra Portuense e Magliana. Era la polveriera di Forte Portuense posizionata nella attuale Piazza Puricelli. (bisogna riposizionare la foto in altro municipio). Oltre i 4 morti ed i tanti feriti vengono irrimediabilmente danneggiate centinaia di case coloniche. E migliaia sono gli sfollati. Delle case coloniche restano visibile ed abitate quelle su Via della Magliana tra Piazza Meucci e la Chiesa di Santa Passera dinanzi all’Almacri. Un tempo lì c’era il porto fluviale Alessandrino. Gli sfollati vanno lungo il fiume Tiradiavoli antico affluente del tevere che scendeva dal Gianicolo (San pancrazio) attraversava le aree della ex purfina e si intersecava al tevere a Piazza Meucci . Li contribuiscono all’aumento demografico della esistente Borgata che costellava la ferrovia Roma Civitavecchia che esisteva dove oggi c’è Via majorana e il Crematorio dell’Ospedale San Camillo. In opera di censimento e ricollocazione degli abitanti delle Antiche borgate in un’altra sistemazione, durante il fascismo, la Borgata viene smantellata ed i suoi abitanti ricollocati, anche, nelle Case Popolari di via di Donna Olimpia 30, costruite, per caso, proprio dove scorreva il Tiradiavoli, oramai interrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *