Roma Sparita - Fiumicino

Fiumicino


Descrizione: Fiumicino zona Fiumara – Bilance in Via Passo della Sentinella, in lontananza sulla destra, dietro al tetto della casa, si intravede la statua di Sofia Loren di Peikov
Anno: Giugno 1973
Fotografo: (?)
Fonte: Archivio personale di
Aggiunta da Alberto Di Nepi

3 Responses

  1. Pino Larango ha detto:

    La statua di Peikov, autore anche del Leonardo da Vinci in aeroporto, è ormai quasi distrutta. In realtà l’opera è intitolata “La venere del mare”, ai piedi della figura giunonica ci sono infatti dei grossi pesci. Il collegamento con la Loren nasce da un servizio fotografico che l’attrice fece nei pressi della scultura. La loren è anche raffigurata in alcune immagini insieme al Peikov probabilmente nel suo studio di via Margutta a Roma.

  2. RP ha detto:

    La data è intorno al 1973, forse prima. Sullo sfondo si vede, dopo la villetta dal tetto spiovente che si vede in primo piano (proprietà all’epoca Dr. Silani) lo chalet di Peikov, ma non lo studio dove lavorava lo scultore e che crollò nel 1970 a causa dei lavori delle draghe alla riva del Tevere. I pesci con la statua erano delfini. La Loren andò con Ponti allo studio Peikov a Via Margutta per farsi fare un ritratto che non fu mai pagato, li si fece delle foto con “la Dea del Mare”, la cui parte superiore fu creata a Via Margutta, e poi si portò i giornalisti alla statua di Fiumara Grande per far dire che Peikov stava facendo la statua per lei, pura falsità. Peikov era un ritrattista e se ritraeva un volto era come una fotografia e la Dea del Mare non aveva la faccia della Loren. Nel 1970 Peikov, che ebbe un infarto (che eventualmente lo portò a morire il 25.9.1973) per il crollo dello studio, abbandonò Fiumara Grande con la morte nel cuore e la vedova vendette il piccolo chalet ad un signore di Via Cavour. Come qualcuno ha scritto, Fiumicino dovrebbe fare una petizione per risistemare il Leonardo da Vinci che è seppellito dalla pubblicità di un acqua minerale e dall’albergo. Hanno spostato la statua già due volte con tutta lo Sovrintendenza che si faceva le fotoa, ma non sono riusciti a farla tornare a risaltare come nel giugno 1960 quando fu inaugurata da Gronchi ed Andreotti. E non era in mezzo ad un laghetto come lo stesso che la vuole distrutta o spostata ha scritto e non è di marmo. E’ di bronzo alta 9 metri con 3 metri di basamento (almeno originariamente) ed era in mezzo ad un prato con una scritta in bronzo su basamento, scritta che una lettera alla volta sparì. Sic transit Gloria Mundi.

  3. Stefano ha detto:

    Io mi ricordo perche ho ancora casa li di fronte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *