Roma Sparita - Porta Capena

Porta Capena

Porta Capena
Descrizione: Tram ATAC MRS 2085 nei pressi di Porta Capena a due passi dal Colosseo e dall’obelisco di Axum
Anno: Anni ’70
Fotografo: Collezione G. Fiorentino
Fonte: Tratta da tram di Roma
Aggiunta da Maurizio Fiorini

34 Responses

  1. Avatar Roberto Giovannetti ha detto:

    Il tram MRS 2085 in esercizio sulla linea 13 non è della STEFER bensì dell’ATAC

  2. Il tram era ATAC non STEFER allora erano divise.

  3. Avatar claudio ha detto:

    Il tram era ATAC e non STEFER allora erano divise.L’ATAC serviva la città ,la STEFER dalla stazione Termini arrivava a CINECITTA’ con una lineaa e l’altra faceva il giro dei Castelli Romani salendo per la via Appia e scendendo dalla Tuscolana.

  4. E le MRS della STEFER (gruppo 300) non avevano l’archetto a lira, bensì il pantografo.

  5. Avatar luigi ciani ha detto:

    Il tram della foto non e’ STEFER ma ATAC linea 13 proveniente dalla Garbatella la stefer non mai passata in quella zona

  6. ….Mitico 13…..attraversava tutta Roma……

  7. be!!!!!!!!!!!!!!! nn è poi cambiato molto….. il tram c’è sempre nn più 13 …. ma 3 l’unica cosa ke manca è l’obelisco di axum….

  8. che bellooo.
    con i comandi che facevano un rumore e un odore tipici!

  9. Il tram 13 partiva da Largo Preneste e faceva capolinea a Monteverde,Piazza S. Giovanni di Dio. Chiamato la “nave” perchè andava piano e impiegava un sacco di tempo per fare il tragitto.
    Comunque negli anni ’70 era l’ATAC che gestiva il tram e no la STEFER.

  10. sulla vettura è scritto L. PRENESTE / MONTEVERDE e il numero sinceramente non si capisce ma sembra un 5 o un 15 ma non posso esserne certo

  11. E’il 13. In questa foto credo stia scendendo dal Celio, direzione Piramide. La strada alberata sulla sinistra credo sia via di San Gregorio.:
    Largo Preneste, Prenestina, Porta Maggiore, San Giovanni, via Labicana, Colosseo, Celio, Viale Aventino, Piramide, via Marmorata, ponte, Porta Portese, viale Trastevere, credo. Poi non ricordo, non era zona mia.
    Le linee più lunghe negli anni Ottanta credo fossero il 13 e il 19, da Piazza dei Gerani a Piazza Risorgimento. E poi il 30, che da Porta Maggiore faceva lo stesso tragitto del 19, mi pare.
    Il 517 aveva i sedili di legno, affrontati, per metà vettura e la scritta “vietato sputare”. Fino a fine anni Ottanta almeno.

    • Sul 517 (ex 12 barrato) venivano impiegate le MRS di prima serie, le più vecchie, quelle con le ruote a razze, che quando venivano lanciate (si fa per dire…) in velocità facevano un tipico gron-gron che ho ancora nelle orecchie. E ricordo gli improperi dei conducenti di qualche “ottomila” (le belle PCC all-electric, macchine dalla notevole ripresa allo spunto) che capitava in coda alle povere, vecchie MRS, che arrancavano dignitosamente ma lentamente, specie nei tratti in lieve salita, mentre le PCC dietro erano costrette a mordere il freno…

    • non sono esperto come te, ma ricordo anche io, comprese le ruote.
      Era una linea superflua, alla fine, il 517. Partiva dalla Prenestina all’altezza di viale della Serenissima e faceva il tragitto di 516 e 14.
      Mi piaceva molto.

      Grazie per tutti i dettagli approfonditi.

  12. STEFER? Non mi risulta che operasse anche in quella zona. Mi sembra di piu’ la CD (o CS) dell’ ATAG. Posso sbagliare!

  13. Ma è il 13. Andava da largo Preneste a Monteverde !

  14. Rigidi da paura ,na tacca e leva è un colpo de campana.

  15. Avatar Stefano Bosmani ha detto:

    Lo prendevo per andare a scuola da Monteverde a Trastevere. Mi ricordo che ogni tanto, anzi raramente, ne capitavano alcune, sicuramente di prima serie, che avevano ancora gli interni originali: tutte le sedute in legno scuro scricchiolante, dietro avevano delle panche orientate nello stesso verso del tram e non semplici sedili, avevano le lampadine a incandescenza e c’erano un po’ ovunque dei cartelli con messaggi tipo: “vietato sporgersi”, “lasciare il posto agli invalidi”, “chiedere al conducente prima di aprire il finestrino”, “vietato sputare”… (di memoria mussoliniana, forse). Erano uno spettacolo, praticamente un museo come mezzo di trasporto pubblico. Peccato averle demolite

  16. Il tram nº13 io l’ho preso molte volte. Solo che il governo di sx ha restituito l’obelisco (al legittimo proprietario) però la Gioconda che si trova a Parigi al Louvre noi siamo i legittimi propretari non ce la rendono indietro. Eppure è stato accertato il furto in Italia.

  17. sono stato ad axum nel 2001 beh l’obelisco è steso in terra bella fine

  18. Oh Madonnina bella! Il 13 faceva un giro lunghissimo: da Largo Preneste a Piazza S. Giovanni di Dio a Gianicolense. Ma i commenti precedenti non c’entrano un emerito cetriolo!

  19. uhhhh il signore in piedi leggeva il cellulre

  20. Ma all’epoca non chiamava ancora STEFER? O mi sbaglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *