Roma Sparita - Campo de' Fiori

Campo de’ Fiori

Il mercato di Campo de' Fiori
Descrizione: Il mercato di Campo de’ Fiori con il Palazzo della Cancelleria sullo sfondo
Anno: 1900
Fotografo: NPG
Fonte: Tratta da ebay archivio sconosciuto
Aggiunta da Carlo Galeazzi

6 Responses

  1. …il bello di questi mercati era …che non c’è una cartaccia per terra ; oggi sono un mondezzaio!

  2. la vera “Campo de’fiori”…come era bella!!!!!Adesso la chiamano “movida”..io la chiamerei scia di merda!!!!!

  3. e’ vero la vera campo de’ fiori ,era 30 anni fa ora e’ solo turistica,prima nella piazza c’era il richiamo delle verduraie che offrivano le loro primizie al miglior prezzo,e se non eri del posto venivi preso di mira tra risa e scherzi dagli allegri venditori un caro ricordo di CANDIDA,MARIA,MARIETTINA,che con i loro banchi sono state protagoniste della famosa piazza.

  4. CAMPO DE’ FIORI

    In de ‘sta Roma nostra, che s’avanta
    d’avecce tante glorie e tante mura,
    ce stà ‘na vecchia piazza che t’incanta,
    piena de sole e de bellezza pura.

    Intorno co so’ strade e palazzetti,
    un teatrino vecchio, rinomato,
    su piazza Grotta Pinta, e vicoletti,
    dove trovavi un po’ d’antiquariato.

    Campo de’ Fiori è lì, più luminosa,
    pare ‘no strillo gonfio d’allegria,
    e quanno er sole scegne e s’ariposa,
    ‘sta piazza, ner tramonto, è ‘na maggìa.

    Quann’ero regazzino, nun lo scordo,
    mi’ nonno, co’la voce affievolita,
    parlava de quer Bruno, me ricordo,
    che ‘nde la piazza ce lassò la vita.

    «Allora se bruciava l’eresia!
    Lo vedi ─ me diceva ─ er monumento?…
    Giordano t’affrontò quell’agonia,
    ma nun smorzò la fede cor lamento!».

    E poi… me strascinava all’osteria,
    contento me pagava la «palletta»
    e ricordava, co’ malinconia,
    li tempi der bastone e la pajetta.

    E ritrovanno er sito de ‘na vorta,
    vedevo girà nonna p’er mercato,
    e sverta sverta, rinfilà la porta
    der palazzetto rosso affumicato.
    ………………………………

    Ma so’ passati l’anni… su’la piazza,
    cor tempo è trapassata la violenza,
    nonnetto lì co’ me nun se spupazza,
    e Roma è evoluzzione e inteliggenza.

    E giro solo, come un forestiero,
    che cerca de gustà, cor ponentino,
    un quarche cosa antico, un po’ de vero,
    che je compensi er sogno ner cammino.
    ………………………………

    ‘Na frotta de regazzi gioca e strilla,
    Giordano Bruno fa la sentinella,
    in fonno, la funtana che zampilla,
    me dice che la piazza… è sempre bella.

    [Armando Ceretti – Poesia premiata con la medaglia d’oro al Concorso Campo de’ Fiori 1971]

    :)

  5. ora devi fare una rapina per comperare a campo de fiori,è carissima e turistica!per chi ha scritto che una volta era pulita e che non c’èrano cartacce non condivido!la gente sporca è sempre esistita!se girate per il centro storico ancora ci sono le targhe sui palazzi dove c’è scritto che le vie non so mondezzari e chi sporcava c’erano multe salate!ora siamo di piu c’è tanto turismo che sporca e noi non ci facciamo rispettare!ogni tanto ci provo a dire agli zozzoni di non buttare cose per le nostre strade ed ho rischiato di brutto e nessuno mi ha difesa!siamo un popolo di coglioni tante parole ma niente i fatti!scusate i termini e lo sfogo ma amo roma !

  6. Avatar Nadia Puglielli ha detto:

    C’era ‘na vorta Campo de fiori,
    le strilla de li Romani te vennevano de tutto
    a prezzi boni!
    Mo nu’ ce sò manco l’Itajani ,
    C’è arimasto Giordano Bruno
    pe’ facce aricordà er sacrificio,
    ce vado de rado in ‘sta piazza de’ ricordi,
    che da regazzina me divertivo co’ mi’ nonno!
    Lui abbuscava la frutta co’ poche lire,
    nu’ ariconosco più er Rione che me dava l’emozzione
    de sentimme a casa mia!
    Preferisco vive ner ricordo co’ vissuto
    e me lo tengo stretto come un tesoro sotto tera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *