Roma Sparita - Lavoro obbligatorio Roma Sparita - Lavoro obbligatorio

Lavoro obbligatorio

Lavoro obbligatorio
Descrizione: Ebrei costretti al lavoro obbligatorio sul greto del Tevere
Anno: giugno 42
Fotografo: Archivio Alinari
Fonte: Istituto Luce
Aggiunte da Sandro Bardaro

24 Responses

  1. dove sono le fonti che lo attestano..ho visto foto dove avevano scritto campo di concentramento italiano in Etiopia , pieno di persone , ma c’erano le land inglesi; in realtà era un “campo” di prigionia dove erano tenuti circa 2000 italiani ad Alessandria in Egitto ..molte foto riportano diciture false ..ovvio

  2. È una foto dell’Istituto Luce, le didascalie sono prese dagli archivi di provenienza delle immagini

  3. il giovane che scava ha un berretto bianco..mi sembra che sia una di quelle dello sventramento di Roma.. non sono ebrei almeno non mi sembra .. hanno anche fatto errori cronologici in passato ora è meglio , archivio luce intendo

  4. Dove lo vedi che sono ebrei, e dove lo vedi che sono costretti?

  5. Anzi mi sembra abbiano facce serene, e sorridenti

  6. Ho visto foto di questo evento ,stavano sotto Castello per movimenti di terra delle rive.Fu uno degli episodi di lavoro coatto a carico degli ebrei nel 1942.Ebbe,soprattutto,significato dimostrativo nei confronti del temuto alleato tedesco.

  7. Fabrizio non e’ che lo vediamo noi, ci sono delle didascalie che lo attestano, forse giuste forse no, qui solo fedelmente riportate, ma la legge sul lavoro obbligatorio per gli ebrei c’era, da Maggio 1942

  8. Buongiorno Sig. Richard , al di là della veridicità del fatto, mi sembra che lei cerchi banalità per dimostrare la falsità della foto, come indossare o meno la Kippah… Le risulta che ebrei del passato e presente usino copricapo del genere intendi a lavorare con le alte temperature ???

  9. Che triste periodo della nostra storia è stato quello, ancora più triste è chi cerca di negarlo

  10. Meglio prima che adesso! Almeno c’era educazione ed ordine! NOBIS

  11. invece ora il PD gli schiavi li fa sbarcare dall’africa mandandoli nelle coop rosse pagandoli qualche spicciolo o nulla, il resto in sussidi pagati da noi. Trova le differenze….. e siamo nel 2014 non nel 1942….

  12. Qualcuno sa consigliarmi una fonte dove trovare una voce più approfondita su questo argomento? Non sapevo dell’esistenza dei lavori coatti per gli ebrei in Italia e mi interesserebbe approfondire. Grazie!

  13. C’è un famoso saggio di Renzo De Felice,se vuoi

  14. Bè, che dire, complimentoni ai subumani neofascisti che non sanno fare su google una ricerca per immagini, e che farneticano off-topic su immigrati e PD. Meno male che v’ammazzate fra di voi.
    A proposito di immigrati, ma sbaglio (e qui mi può dare una mano Roberto) o la comunità ebraica romana è la più antica del mondo fuori Gerusalemme?

  15. Difficile dire se la didascalia sia vera o meno sicuramente e’ verosimile. Purtroppo.

  16. Gli Ebrei, purtroppo, non era a Roma nel 1942… Basta conoscere un po’ la storia e usare un po’ di logica per capire che la didascalia e’ fortunatamente sbagliata.

  17. Pamela Giannuzzi,la didascalia è quella riportata dalla foto originale dell’Istituto Luce, potrebbe anche essere sbagliata, ma che gli ebrei di Roma furono costretti al lavoro coatto,dal maggio 1942,è un fatto storico.In questo caso sembra si tratti dei lavori lungo le rive del Tevere,ed è un fatto realmente accaduto.

  18. E cmq il lavoro coatto non è la cosa peggiore capitata agli Ebrei a Roma in quei tempi.

  19. Pamela,gli Ebrei stanno a Roma dai tempi di Cesare.

  20. Ripeto,fu una mezza sceneggiata,sicuramente sgradevole,per far vedere a Hitler che,anche in Italia,”si faceva qualcosa”.Dopo quella sfacchinata,comunque, tornarono liberi a casa.Hitler,che nel 1942 stava mettendo in opera la Soluzione Finale,rinfacciò sempre,all’Italia,di essere troppo morbida e di essere meta di molti ebrei emigrati dall’Europa nazista.Dopo l’otto settembre 1943,ebbe,tragicamente,mano libera.

  21. Roberto Pagani credo che tu debba imparare l’Italiano molto bene. Il mio purtroppo sta a indicare che gli Ebrei purtroppo non erano a Roma perche’ erano stati deportati. Lo so benissimo che gli Ebrei stanno a Roma dai tempi di Cesare.

  22. Gentile signora,dubito che lei abbia titoli di studio superiori ai miei. Comunque,transeat.Nel 1942,comunque,di Ebrei deportati,in Italia,non ce n’era nessuno.Non faccia attacchi personali,perchè c’è sempre da imparare,invece di scrivere inesattezze,come lei ha fatto.

  23. signora Giannuzzi evidentemente le mancano alcune importanti nozioni di storia contemporanea, non insista su fatti che dimostra di non conoscere;nel 1942 gli ebrei a Roma c’erano tutti,anche se già sottoposti fin dal 1938 alle leggi razziali, e ad episodi come quello della foto.Il rastrellamento degli ebrei è successivo all’8 settembre del ’43,ed episodio tristemente noto è quello del 16 ottobre 1943, quando vennero sequestrati e deportati in massa più di 1200 persone (ne tornarono solo 16).

  24. Pagani sei tu che hai fatto un attacco personale scrivendo “Pamela gli Ebrei stanno a Roma dai tempi di Cesare”. Per chi mi hai preso? Gli Ebrei sono Italiani come qualsiasi altro Italiano. Ti assicuro che mi innervosiscono gli Ebrei che si sentono erranti in Italia e non i razzisti che li trattano da invasori. E’ piu’ Romano un Ebreo che un Cattolico quasi sempre. Roma Sparita hai ragione ho dimenticato che il rastrellamento e’ del 1943 e non di qualche anno prima. Mi scuso per questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *