Castello di Lunghezza

Castello di Lunghezza


Descrizione: Castello di Lunghezza
Anno: 1940
Fotografo: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Roma Sparita

4 Responses

  1. Avatar Fabio Schiavetta ha detto:

    eccezionale,m mai saputo che a Lunghezza c’era un castello

  2. Avatar Lucia Prandi ha detto:

    c’è ancora !! si vede sulla sinistra, percorrendo la Roma-L’Aquila, all’altezza dell’uscita Ponte di Nona…ed è pure aperto al pubblico, ci fanno attività a tema per bambini

  3. Avatar Loredana Diana ha detto:

    Maj-Britt Andersson ‎:-)

    Valentina Angarano 
    questo castello porta con se tanti ricordi della mia infanzia….

    Giordano Sabatino 
    Se lo vede Caltagirone ci infila subito un bel centro commerciale dentro…

    Giovanni Luca Ciampaglia 
    O accanto ;-)

    Daniele Mattioni
     Ora è un castello adibito alle feste e ai giochi di ruolo..pensate…

    Felice Altarocca ‎
    @Giordano sì infatti Io ce vedrei bene Decathlon su sta torre. Caltagirone dovrebbe essere denunciato ar tribunale de l’Aia

    Fra’ Pino
     ci sono nato dentro il castello di lunghezza prima era troppo bello, ora………..

    Claudia Scerbo 
    Quando sono andata con mio figlio e marito mi incantai di questo castello. Come se quasi percepissi il suo passato, le sensazioni del vissuto.

    Arcangela Martini 
    X D. Mattioni….: meglio che essere abbandonato edeteriorato!!!come quello di Torrenova!

    Carlo Grossi
     Il castello appartiene alla Fondazione Axel Munthe, famoso scrittore Norvegese che visse ad Anacapri nella Villa San Michele che ha una vista incantevole sul golgo di Napoli.
    Munte scrisse ”San Michele”.

    Claudio Marchionni r
    agazzi,io sono di lunghezza e credetemi,non è bello vedere un pezzo di storia e di arte venire usato per dei teatrini per bambini…per carità da piccolo ci sono stato a vedere gli spettacoli e mi sono molto divertito ci tornerei anche adesso,ma avere un pezzo di storia così e non farlo conoscere è davvero un reato artistico… ♥ ROMA ♥

    Annarita Cocciolo 
    beh Claudio sai che ti dico : meglio vedere il “tuo” castello adibito a “teatrino” che il “mio” nel degrado, nell’abbandono e nell’incuria piu totale !!!!!!!Ps. mi riferisco al castello di torrenova……..

    Genio Castello
    Lunghezza Tho.. casa miaaaaaaaaaa!!!! :)

    Vittorio Pavoncello 
    Purtroppo in quel periodo era il quartier generale dei nazisti.

    Dominga Cimei
     lunghezza…il castello stupendo…

    Acy Dona 
    ciao a tutti!avete anche foto dell’altro lato del castello il lato che si affaccia sull’aniene. ringrazio anticipatamente chi riuscirà ad aiutarmi in questa ricerca!graziee

  4. Avatar Pierluigi Rizzo ha detto:

    Nelle sale che stanno sotto il ponte, all’inzio, dove sta la scritta “Hilde” v’erano numerosi graffiti, fatti a carboncino.
    Risultarono visibili per via di una raschiatura dello strato di pittura, robusto ma non ben penetrato, quindi come gallegiante sulla parete.
    Sicuramente ve ne sono rimasti altri, perchè queste raschiature erano parziali.
    Alcune erano praticamente caricature.
    In una finestra si vedevano, nella parte sopra essa, v’ eranoa ncora delle decorazioni floreali.
    Su una parete, c’ era un ritratto poco visibile che però si intuiva non fosse una caricatura, forse, chissà, l’ autore degli altri disegni.
    Una scritta sotto esso, incomprensibile perchè il tutto molto consumato, portava la data del 1589.
    Visto questo uso della sale, altri disegni presenti anche in altre, fatti in modo casuale, direi amatoriale, con soggetti della vita comune, come una dama dall’ espressione altezzosa con sotto la scritta “Madonna fregala” (o fregola) , un soldato cavaliere che frena il cavallo anch’ esso come lui con espressione di stupore in vista di una nave vestito di armatura ed elmo a navetta, un soggetto relifgioso con un copricapo tipo zuccotto, non saprei se da vescovo o da giudeo, un fiore in un vaso, un guerriero cn armatura tra galline e di fronte una nave, presuppone che in quella data il castello fosse usato per un uso utilitario e non abitativo.
    Mi risulta che, non ricordo in quale epoca fu adibito a semplice granaio.
    Purtroppo tutto questo è perduto perchè ormai ricoperto da pittura al quarzo, sicuramente più aderente di quella che li coprì inizialmente, forse calce.
    Seppi comunque che questi graffiti furono fotografati cosa che volevo fare anche io, ma non feci in tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *