Via Tiburtina Via Tiburtina

Via Tiburtina


Descrizione: Via Tiburtina angolo via di Casal Bruciato (non esisteva il bar Rosati)
Anno: 1958
Fotografo: (?)
Fonte: archivio personale
aggiunta da Demetrio Gugliotti

1 Response

  1. Sim Seven ha detto:

    26 gennaio 2010 alle ore 20.26 Valeria Giordano: neve!

    8 febbraio 2010 alle ore 14.29 Maria Grazia Masciangelo: cos’é?

    10 febbraio 2010 alle ore 14.29 Marco Galdieri: ‎…e soprattutto dov’è?

    10 febbraio 2010 alle ore 23.01 Fabiana Giuliani: mi pare quel casaletto che si trova accanto a via galla placidia o sbaglio?

    17 febbraio 2010 alle ore 12.47 Serena Corrado: no credo anche se è ancora pieno de ste baracchette lunga la via collatina vecchia

    17 febbraio 2010 alle ore 18.37 Michele Martelloni: sono le baracche di pietralata…

    12 marzo 2010 alle ore 13.01 Umberto Di Nino: si infatti, le baracche di pietralata… ma a che altezza?

    28 aprile 2010 alle ore 15.07 Davide Aiello: i casali del parco prenestino

    9 giugno 2010 alle ore 0.33 Michele Abramo: a me sembrano le baracche che stavano dove ora sorge la “cacciarella”

    31 luglio 2010 alle ore 23.49 Paolo Katald: questo e il casale quintilliani oggi c’e la metro li

    19 agosto 2010 alle ore 9.28 Vincenzo Paoli: dove abitava il mitico piattoletta con l’asinello?

    15 febbraio alle ore 15.46 Demetrio Gugliotti: TIBURTINA, ANGOLO VIA CASAL BRUCIATO 1958 ANCORA” NON ESISTEVA” IL BAR ROSATI

    15 febbraio alle ore 17.18 ROMA SPARITA: Demetrio l’avevi aggiunta tu questa foto, vero? avevamo “perso” la didascalia…

    15 febbraio alle ore 17.59 Giovanni Funaro: Caro Demetrio non so da dove pervenga la certezza che si tratti della via Tiburtina angolo via Casal Bruciato. Io posso, se mi consenti, fornirti la mia testimonianza personale dato che sono andato ad abitare poco più in là, alle case popolari dell’INA-CASA proprio sulla via Tiburtina all’angolo con via Diego Angeli due strade più in là (é ancora là quella palazzina rosa ma ormai non vi abitiamo più noi, io personalmente mi sono spostato poco più in là procedendo però nella direzione opposta ossia verso la stazione Tiburtina). Certo non era come é oggi la via Tiburtina ma non era neppure in quelle condizioni. Io sono andato ad abitare lì a fine dicembre del 1955, avete presente “la nevicata del ’56” di cui cantava la Mia Martini in una sua canzone? Bene era appunto nel corso delle feste di capodanno ’55/’56 ed epifania 1956 ed io ero lì. Nell’anno scolastico 1959/1960 frequentavo la prima elementare in una scuola tenuta da suore di clausura in via Galla Placidia dunque, se si controlla su una piantina della zona, ci passavo davanti tutte le mattine a quell’angolo con via Casal Bruciato, a piedi ovviamente! E’ vero che non c’era ancora il bar Rosati ma neppure quelle baracche! Quelle ritengo siano le baracche dove venivano tra le altre cose anche allevati polli e galline in fondo a via dei Cluniacensi, proprio sotto la parte alta o collina se si vuole di Casal Bruciato, e vi si andava appunto ad acquistare uova e pollame. A disposizione per ulteriori contributi. Ciao. Gianni.

    27 settembre alle ore 7.24 Giovanni Gorrieri: io me le ricordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *