Ponte Vittorio Emanuele II Ponte Vittorio Emanuele II

Ponte Vittorio Emanuele II


Descrizione: Ponte Vittorio Emanuele II
Anno: (?)
Fotografo: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Roma Sparita

2 Responses

  1. Roberto Pagani ha detto:

    Agli occhi del moderno osservatore manca qualcosa…l’Ospedale S.Spirito!Che fu,in parte,ricostruito nei primi anni trenta.La foto,quindi,dovrebbe essere collocata al massimo,nel 1932-33

  2. Loredana Diana ha detto:

    Stefano Pozzi Ponte Vittorio.
    15 gennaio 2010 alle ore 23.15 · Mi piace

    Giorgio Lai stupendo!!!
    26 gennaio 2010 alle ore 23.40 · Mi piace

    Antonella Crisciotti che meraviglia!!!!!
    15 febbraio 2010 alle ore 20.40 · Mi piace

    Sergio Indrio
    Le statue messe sopra i ponti, soprattutto all’inizio di essi, derivano da un’antichissima credenza, quella di placare la natura in collera per essere stata violata. L’uomo decideva un passaggio (tramite un ponte) là dove la natura aveva detto che non bisognava passare. Le statue venivano poste in funzione “apotropaica” cioè per scacciare gli spiriti maligni. Poi è rimasta la funzione residuale, quella estetica. :)

    Fabrizio Mancini
    grande Sergio un pozzo di cultura

    Alessandro Zanin
    un ponte meraviglioso, ma oggi c’è un gran traffico e non in molti si soffermano ad ammirare la bellezza delle sculture.

    Daniele Pietrini Ma i platani quando li hanno piantati?

    Gianalberto Porro
    APOTROPAICA…..wow !
    19 marzo 2010 alle ore 15.58 · Mi piace

    Dario Biselli
    grande Sergio!

    Roberto Cottini
    I platani dei lungotevere hanno circa 100 anni! Quale più quale meno. Quando ero ragazzino, alcuni rami arrivavano fino a terra dalla parte delle sponde e noi ci calavamo fino a giù, con gran pericolo e spesso fermati dai vigili!

    Elisabetta Elly Cesarini
    che meraviglia questo ponte…….

    Lucilla Montanucci
    a proposito del ponte e del traffico che c’è oggi, qualche mese fa una macchina ha buttato giù parte della balaustra di marmo :( e purtroppo solo in questi giorni ci hanno messo mano per ristrutturarla. Sempre lo stesso discorso, trascuratezza e poco rispetto per il nostro patrimonio storico e artistico…

    Dan Tenguchan
    Dall’epoca Latina i ponti a Roma sono sempre stati terribilmente sfigati, ponte rotto in primis che e’ sempre durato poco; tale che si e’ preferito costruirne un altro che ripararne uno nato jellato… ;)
    2 luglio 2010 alle ore 8.28 · Mi piace

    Francesco Rizzo
    ‎@Sergio: chiamarla “residuale” la funzione mi sembra riduttivo, visto lo splendore di quelle statue
    Sergio Indrio
    ‎@Francesco: ehehe…certo! Intendevo residuale solo rispetto alla funzione originaria, non certo per quella estetica che appartiene comunque, occorre rilevarlo, ad una immagine della città con pretesa di competere, anche nella contemporaneità di allora, con le maggiori capitali europee (avete presente certe piazze di Parigi del barone Haussmann?), un’idea conservata fino all’ultima guerra.
    Oggi invece Roma, tranne episodici e comunque non organici interventi, vive di rendita sul suo passato e da questo punto di vista è già una città morta, purtroppo. Per le città vale infatti quello che è vero per i monumenti: se si musealizza un edificio senza utilizzarlo a nuovi scopi (compatibili) se ne decreta la rovina! Roma sta diventando tutta uno spartitraffico intorno alle sue rovine…Nemmeno si è riuscito a bloccare la pedonalizzazione del centro storico, presente invece in altre città assai meno ricche artisticamente! Con una scusa o con un’altra: ma gli altri… come fanno??
    @Daniele + Roberto: per quanto riguarda i platani forse non tutti sanno che fin dal tempo dei Romani furono importati dal Libano e credo che gli attuali derivino dalle stesse terre (mi pare di averlo letto da qualche parte ma al momento non riesco a ricordare dove) :)

    Massimiliano Ricci
    Complimenti Sergio è un piacere leggere le cose che scrivi su Roma …

    Alvise Bompensa
    Faccio notare che le statue del ponte hanno una figurazione opposta, derivante, secondo me, dalla polemica in corso al tempo tra lo Stato e il Vaticano: le statue sul versante italiano sono due vittorie con le corone di alloro, quelle verso il vaticano portano lo scudo o hanno la spada sguainata. Sembra quasi che queste ultime siano state messe a guarda di un Italia giovane che doveva guardarsi dall’ingerenza del Papa. Rifletteteci quando ci passate.

    Sergio Indrio
    ‎…pozzo di cultura, dicevate? Ma va! Continuo ad imparare: grazie Alvise! :)

    Alvise Bompensa
    Cultura da traffico… a furia di passare e ripassare, in attesa al semaforo, si imparano tante cose :) grazie.

    Roby Silla
    x 4 anni..quel ponte l’ho varcato..a piedi..e ogni volta.mi soffermavo a guardare e immaginare come era un tempo…stupendo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *