Roma Sparita - Stazione Termini

Stazione Termini

Termini
Descrizione: Vecchia Stazione Termini in un’immagine a colori
Anno: Fine ‘800
Fotografo: (?)
Fonte: “Termini – Dalle botteghe di Farfa al Dinosauro” di Gianfranco Angeleri e Umberto Mariotti Bianchi
Aggiunta da Carlo Galeazzi

3 Responses

  1. Avatar carlo grossi ha detto:

    In effetti si tratta di fotografia B/N colorata successivamente alla stampa.
    La fotografia a colori iniziò nel 1935.

  2. Avatar carlo grossi ha detto:

    A Sinistra si nota l’obelisco di Dogali, così chiamato perché, nel giardinetto tra Termini e piazza Esedra, sormonta il monumento ai 500 caduti di Dogali, città eritrea della conquista imperiale italiana in Africa.
    Questo obelischetto, tra i più piccoli dei tredici di Roma, appartiene a un quartetto, quello di Piazza della Minerva,l’elefantino, di villa Mattei Celimontana, Piazza della Rotonda e tutti e quattro ornavano il Tempio di Iside a Campo Marzio.
    Quello di Dogali fu ritrovato per caso a via di S. Ignazio, durante una ristrutturazione.

  3. Avatar Francesco Apice ha detto:

    Esatto. E tutti e quattro non sono originali egizi prelevati dai romani (come i fratelli maggiori a p. Popolo, S. Giovanni e Vaticano) , ma soltanto imitazioni romane di obelischi egizi: i geroglifici infatti furono scritti da mani romane … e contengono errori ! Lo stesso vale anche x obelisco di Navona , scritto da Domiziano x ricordare il restauro del Tempio di Iside rifatto a sue spese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *