Roma Sparita - Venditrice di immagini sacre

Venditrice di immagini sacre

Venditrice
Descrizione: Suggestiva scena in un mercato romano, venditrice di immagini sacre
Anno: 1890
Fotografo: Collezione Primoli
Fonte: Roma dalla Belle Epoque al Regime Gemika International
Aggiunta da Sandro Bardaro

1 Response

  1. ER SANTARO

    Era un venditore d’immaggini sacre che, ar tempo de checchennina,
    sostava fori da le chiese, tutt’er giorno da la sera a la mattina,
    offrenno a li fedeli santini, cannele, reliquari e artre cose religgiose come
    corone de rosario, medajette e artro de cui nun m’aricordo er nome.
    “Nun se frega er santaro” era allora frase proverbiale
    che stava a significà de chi stà in guardia, vale
    cioè pe’ chi è circospetto a quello che dice e a quello che fà,
    insomma de chi difficirmente ne li guai se fà trovà!
    Questo perché, durante er pontificato de settimo Pio,
    un santaro sulla porta de la chiesa de Sant’Agostino
    gridava: “A un bajocco la Madonna che me pijo io
    e ar Papa auffa!” Arrestato pe’ ortraggio, da libbertino,
    doppo avè scontato la pena, modificò er suo richiamo: “Nun so’ somaro!
    A un bajocco er Papa e a la Madonna auffa! Nun se frega er santaro!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *