Roma Sparita - Borgo Vecchio Roma Sparita - Borgo Vecchio

Borgo Vecchio

Borgo Vecchio
Descrizione: Borgo Vecchio
Anno: 1936
Fotografo: (?)
Fonte: BNCR Biblioteca Nazionale Centrale di Roma
Aggiunta da Fabrizio Antonelli

10 Responses

  1. Questo quartiere era abitato già dal sesto-settimo secolo d.c. da genti germaniche(franchi, germani, longobardi) e a questo si deve il nome germanico di “burg” – borgo.

  2. Grazie al fascismo oggi possiamo sfrecciare con la macchina tra camion bar, abusivi e quant’altro vedendo il cupolone. Hanno abbattuto secoli di storia, ma vuoi mette’?

  3. Gabriele, grazie al Fascismo che ha spianato il quartiere.
    Grazie al finto-buonismo-post-comunista che permette a chiunque di venire da dovunque al mondo e deturpare impunemente le nostre opere d’arte.

  4. Giuliana Serafini, si vede casa tua?

    • forse potrebbe anche essere,anche se mi sembra più sulla sinistra.Il palazzo Spinetti dove sono nata è vicino a S.Maria in Traspontina che guardando S.Pietro si trova a destra forse sarà stata su Borgo Nuovo .Ma non ho presente quale sia il Vecchio e il Nuovo.Dato che la foto riprende i tetti ed è difficile dire quale sia la prospettiva.Comunque la parte abbattuta è conosciuta come la “spina di Borgo e le due strade erano chiamate Borgo Vecchio e Borgo Nuovo .Poi quasi a metà di dette strade si apriva una piazza chiamata Piazza di Scossacavalli al centro della quale c’era la fontana che oggi è di fronte alla Chiesa di S.Andrea della Valle .Alla fine delle due stradine prima del colonnato di S.Pietro c’era Piazza Rusticucci dove nacque mia madre, più o meno dove oggi ci sono i due palazzi che vengono chiamati Propilei .Certamente l’abbattimento della spina h devstato quello che era nell’intenzione del Bernini quando ha fatto il colonnato!La scenografia stupenda della piazza oggi è completamente falsata perchè appunto visibile già dallla fine di Via Conciliazione!Ma tant’è!Recriminare non porta a niente!Del resto la via è stata fatta negli anni 50 e per tanto tempo c’era un marciapiede che gli abitanti di borgo chiamavano di”terra” e con il vento entrava nelle case.la via non è granchè tanto che i lampioni noi borghiciani li chiamiamo “supposte”ciao e ti aspetto a Roma sempre con grande piacere e salutami Ezio

  5. Avatar Giorgio Franceschetti ha detto:

    Questa era Roma vera. La via di adesso sembra Buenos Aires. Uno dei più grandi scempi dell’urbanistica e dell’architettura mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *