Roma Sparita - Borghetto Prenestino

Borghetto Prenestino

Borghetto Prenestino
Descrizione: Borghetto Prenestino
Anno: (?)
Fotografo: (?)
Fonte: archivio sconosciuto
Aggiunta da Loredana Diana

8 Responses

  1. Baracche sopravvissute a Roma, sulla via Prenestina all’altezza di Tor de Schiavi, fino al 1975; quando con la prima giunta organica di centro sinistra PSI PCI furono abbattute per sempre ! Grazie Giulio Carlo Argan e sopratutto Grazie Sindaco Petroselli !

  2. Avatar Andrea Civitani ha detto:

    Finalmente trovo qui su Roma Sparita una foto di questo Borghetto Prenestino, tante volte citato nei commenti delle foto qui inserite, che si estendeva adiacente all attuale Via Rocca D Arce dalla via Prenestina fino credo alla stazione Prenestina. Mi sto meravigliando, infatti, dell’assenza di commenti viste le disquisizioni lette nei commenti di altre foto di cui si è parlato proprio di questo agglomerato di casette creatosi spontaneamente evidentemente per l’assenza di immobili ccdd popolari utili al soddisfacimento della consistente richiesta di gente che andava popolando la città. Anche se mal messe, però, mi sembra che non siano baracche fatte con materiali di risulta, come invece ho letto essere state quelle delle Borgata Gordiani (che mi pare di aver capito stesse tra via dei Gordiani e Via Tor de Schiavi e Via Casilina. Non sembrano, però, neanche fatte con un certo criterio di un piano regolatore dato che ho letto qui testimonianze di chi appunto citava la differenza tra quelle baracche della Borgata Gordiani (fatte con materiali di risulta, appunto) e queste che ho letto fatte fare addirittura dal Duce per spostare gente espropriata dal centro città. A detta di mia madre queste sono case fatte spesso nottetempo da immigrati dal sud in cerca di una casa che non si trovava. Spero che ci sia qualcuno che possa fornire dei contributi certi, se ci fu in questa zona e su dove e come sia avvenuto il popolamento ‘ufficiale’ e delle informazioni sulla vita di questo Borghetto o sempre anche della Borgata Gordiani (dei tempi in cui entrambi si sono formati e quando demoliti).

    • Avatar Fabio Angelini ha detto:

      Posso assicurarti che il borghetto era fatto per la quasi totalità da baracche anche fatte con materiali di risulta sianella parte adiacente la Prenestina verso la stazione prenestina sia nella parte di via dei Gordiani.. Quando ero ragazzo ricordo distintamente che i ragazzi del borghetto zona stazione prenestina erano guidati da un certo Bechecche (non so se soprannome o cognome) e si scontravano a pietrate in villa Gordiani con i ragazzi delle case popolari di via Olevano Romano 241 e via Anagni… Se ti interessa qualche testimonianza cinematografica puoi vedere “Il tetto” (in cui si da anche la spiegazione perchè si facevano le case di notte..

  3. Avatar Andrea ha detto:

    Grazie Fabio Angelino per il contributo. In effetti sono stato impreciso io parlando di materiale di risulta quando invece indendevo sottolineare quelle che io chiamo baracche fatte di materiale vario improvvisato come pannelli, lamiere o quant’altro, come le baracche che ho visto e letto in alcune foto della borgata Gordiani e quelle che sebbene con materiali di risulta ma comunque in muratura come tutte quelle che si vedono in questa foto del borghetto Prenestino. Ma devo dire che nel frattempo ho avuto modo di vedere altre foto anche della borgata Gordiani che mi hanno fatto capire che anche li di case comunque in murature ve ne erano. Anzi colgo l’occasione per chiedere se anche le case in via dei gordiani erano della borgata Gordiani dove se ne vedono anche costruite in maniera ordinata in linea a differenza di queste. Mi chiedo ancora da dove a dove precisamente si estendeva la borgata Gordiani.

  4. Avatar Andrea ha detto:

    Fabio Angelini pardon

  5. Avatar Carlo ha detto:

    Precisazioine doverosa:
    Il borghetto Prenestino si estendeva tra via Prenestina ed era adicente alla Stazione Prenestina . Era formato da baracche tutte costruite con materiali di risulta,abitato da immigrati del sud italia e senza alcuna forma di urbanizzazione. Solo un presidio di Croce Rossa e le suore missionarie.i Qui trovate tutti i rifermenti storico-sociali relativi: https://www.rerumromanarum.com/2015/04/borghetto-prenestino.html. Fu eliminato nel 1985. La Borgata Gordiani era cosi chiamata in quanto costruita su via dei Gordiani ( di fronte la chiesa S.Maria della Misericordia, sull’area dell’attuale struttura cantieristica della Metro C ) e limitrofa a via Anagni e prospicente le case popolari di Via Tor de Schiavi. Da non confondere quindi con l’area delle case popolari di Villa Gordiani ( lato Prenestina/Via Dignano d’Istria ) con cui non ha niente a vedere. Qui trovate (https://www.romasparita.eu/foto-roma-sparita/28309/borghetto#comment-7870) commenti appropriati sull’argomento. Anche questo e’ scomparerso nei primi anni 80. Bechecche era una famiglia ( numerosa ….) abitante nella borgata Gordiani e non nel borghetto Prenestino ….

  6. Avatar cinzia paolino ha detto:

    Questa foto è stata scattata da Ennio Molinari negli anni 70 , la foto fa parte dell’archivio di Aglast

  7. Avatar mario ha detto:

    sono andato ad abitare in via prenestina 307 e precisamente nel palazzo dei tranvieri il 21 agosto 1957, avevo 12 anni e mi ricordo che il borghetto prenestino si estendeva da L.go Preneste -via di Portonaccio, stazione Prenestina ,e tutta via Prenestina da l.go Preneste a via Giorgio Pitacco. Dietro il mio palazzo forse ce ne erano altri due e poi tutti campi e prati fino alla Tiburtina. mi ricordo le sassaiole giornaliere con i ragazzini del borghetto per la predominanza dei vari prati. quante teste rotte !! La borgata gordiani invece si estendeva da via dell’acqua bullicante, via Teano , fino all’attuale via della Primavera e arrivava alla Casilina ,tramite la via dei Gordiani in prossimita’ del ex cinema Due Allori, era composta da casupole,baracche, ma anche alcuni villini ancora oggi visibili su via Labico, via Cori, contigui al convento delle monache. Credo che il borghetto prenestino fosse venuto su, in concomitanza dell’arrivo di popolazioni ciociare o campane che scappavano per l’arrivo dei tedeschi che si ritiravano in Germania. La borgata Gordiani invece era cresciuta per l’arrivo di gente sfollata dalle case che andavano distrutte per costruire l’attuale percorso di via dei fori imperiali.Comunque erano due entita’ diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *