Ville e Palazzi Archives - Roma Sparita | Visite culturali Ville e Palazzi Archives - Roma Sparita | Visite culturali

Category: Ville e Palazzi

0

Villa d’Este – Tivoli

Uno dei luoghi più belli del mondo: Villa d’Este. Splendido palazzo rinascimentale, e capolavoro del giardino italiano, Villa d’Este è inserita nella lista UNESCO del patrimonio dell’Umanità, ed è famosa in tutto il mondo...

0

Casa dei Cavalieri di Rodi

Sull’esedra settentrionale del Foro di Augusto sorge l’edificio noto come “Casa dei Cavalieri di Rodi”. Si tratta in realtà di una struttura romana della fine del I sec. a.C. e modificata con la costruzione...

0

Il Casino Massimo Lancellotti

In Via Boiardo, a due passi dalla Scala Santa e dalla Basilica di San Giovanni, quasi nascosta ai passanti, c’è quello che rimane della villa Giustiniani Massimo. L’area, così come noi la vediamo oggi, è frutto delle costruzioni post unitarie che hanno cambiato completamente l’aspetto della città. Dove c’erano orti, vigneti e ville sono sorti i nuovi quartieri della Roma Capitale ma alcuni frammenti di questo passato, fatto di verde e pace, sono sopravvissuti e uno di questi è proprio il Casino di caccia di Villa Massimo, unico pezzo rimasto della vasta villa che si estendeva tra le attuali Via Merulana, Viale Manzoni, Via Tasso e Piazza San Giovanni in Laterano. La villa, fatta costruire dal Marchese Giustiniani, principe di Bassano e depositario della Camera Apostolica, nei terreni che aveva cominciato ad acquistare a partire dal 1605, era stata pensata e progettata come la classica villa suburbana, un luogo di riposo dalla vita aristocratica e diplomatica della famiglia Giustiniani, dove potersi dedicare ad attività di svago e caccia senza allontanarsi troppo dalla città.
(Continua a leggere)

2

Villa Farnesina

VILLA FARNESINA
Edificata ai primi del Cinquecento per volere di Agostino Chigi, ricco banchiere di origine senese, la Villa Farnesina a Roma, di proprietà dell’Accademia Nazionale dei Lincei, è una delle più nobili e armoniose realizzazioni del Rinascimento italiano, un’opera in cui il progetto architettonico e la decorazione pittorica si fondono in un’unica, mirabile sintesi. Nella sobria articolazione volumetrica e spaziale della Villa, concepita dall’architetto Baldassarre Peruzzi, si inserisce infatti alla perfezione il ricco programma decorativo dell’interno, realizzato ad affresco da sommi maestri come Raffaello, Sebastiano del Piombo, Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma e lo stesso Peruzzi. (continua a leggere)

Ambasciata del Brasile 0

Palazzo Pamphilj

L’edificio originale fu costruito nel 1630 al posto di una serie di immobili di proprietà della potente famiglia Pamphilj, in forme tardo rinascimentali. Quando il committente Giovanni Battista Pamphilj divenne papa nel 1644 con il nome di Innocenzo X, la famiglia ritenne che il palazzo non fosse sufficiente per il nuovo prestigio e iniziò una nuova e più imponente costruzione. Ne fu incaricato Girolamo Rainaldi. Il nuovo progetto inglobò edifici contigui, compreso il precedente palazzo dei Pamphilj, le cui decorazioni di Agostino Tassi furono almeno in parte mantenute, ed il Palazzo Cybo.

Villa Celimontana 1

Villa Celimontana

Villa Celimontana si trova sulla sommità occidentale del colle Celio e ha il suo ingresso monumentale sulla via della Navicella. All’interno della villa si conservano numerosi reperti di varie epoche e origini, fra i quali l’obelisco egizio donato nel 1582 alla famiglia Mattei, alla quale si devono molti dei lavori di ristrutturazione dell’area

0

Villa Gregoriana (Tivoli)

Situato in posizione panoramica ai piedi dell’acropoli romana di Tivoli, questo suggestivo Parco vanta un ingente patrimonio naturalistico, storico e archeologico.
L’opera incessante della natura e dell’uomo ha contribuito a creare un ambiente di assoluto valore naturalistico, in cui coesistono cascate naturali ed artificiali, anfratti, orridi – fonte di ispirazione per poeti ed artisti – e affascinanti passeggiate immerse nella rigogliosa vegetazione.

0

Villa Ada

Villa Ada Savoia è uno dei parchi più ampi di Roma, con una estensione di circa 160 ettari. Residenza sabauda dal 1872, è diventata nel 1946, con la proclamazione della Repubblica, quasi integralmente patrimonio pubblico. Il grande parco, adorno di numerosi edifici neoclassici ed eclettici quali il Tempio di Flora, la Villa Polissena, le Scuderie Reali, lo Chalet svizzero, la Torre Gotica è caratterizzato da boschi di lecci, querce da sughero, pinete e prati, secondo la tradizionale configurazione irregolare del giardino all’inglese.