Roma Sparita - Li soprani der monno vecchio

Li soprani der monno vecchio

Il Marchese del Grillo

C’era una vorta un Re che dar palazzo
mannò fora a li popoli st’editto:
“ Io sò io, e voi nun zete un cazzo,
sori vassalli buggiaroni, e zitto.

Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a tutti a un tant’er mazzo:
io, si ve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o de Papa, o de Re, o d’Imperatore,
quello nun pò avé mai voce in capitolo”.

Co st’editto annò er boja pe curiero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: E’ vero, è vero.

Giuseppe Gioacchino Belli

18 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *