Trilussa Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Trilussa

29

Adamo e er Gatto

ADAMO E ER GATTO
Trilussa

Appena Adamo vidde er primo Gatto
je propose un contratto.
— Senti: — je disse — se m’ubbidirai
in tutto quello che me pare e piace,
te garantisco subbito una pace
come nessuno l’ha goduta mai.
Però bisognerà che fin d’adesso
me tratti co’ li debbiti rispetti
e rimani fedele e sottomesso…
Accetti o nun accetti?

— Grazzie, ne faccio senza:
la pace nun se compra, — disse er Micio —
ma se guadagna co’ l’indipennenza
a costo de qualunque sacrificio.
A me nun m’ingarbuji come er Cane
che, per un po’ de pane,
s’accuccia e t’ubbidisce a la parola.
Vojo la pace mia senza controllo,
senza frustate, senza musarola,
senza catene ar collo!
Dar modo come parli ho già capito
che in fonno ciai l’istinto d’un tedesco… —
E ner di’ questo er Gatto, insospettito,
arzò la coda e lo guardò in cagnesco.

13

Trilussa

21 Dicembre 1950 – muore Trilussa pochi giorni dopo essere stato nominato Senatore … a morte, come diceva lui. Qui a casa sua nel 1933.

2

Er reggistratore de cassa

Parla un commesso

Anticamente, quarche sordarello
su quello che spenneva l’avventore
se poteva rubbà, senza er timore
ch’er padrone scoprisse er macchiavello.

0

La mosca invidiosa

La Mosca era gelosa Dio sa come
d’una Farfalla piena de colori.
— Tu — je diceva — te sei fatta un nome
perché te la svolazzi tra li fiori:
ma ogni vorta che vedo l’ale tue
co’ tutto quer velluto e quer ricamo
nun me posso scordà quann’eravamo
poveri verminetti tutt’e due…
— Già, — disse la Farfalla — ma bisogna
che t’aricordi pure un’antra cosa:
io nacqui tra le foje d’una rosa
e tu su ‘na carogna.

Trilussa

5

La previdenza

Un Gatto s’incontrò con un amico:
– Come va? – Se campicchia…. – E indove stai? –
Dice: – Lavoro in quer palazzo antico.
Uh! li sorci ch’acchiappo! Nun te dico!
Nun finischeno mai!
Che stragge! che macello!
Fa piacere a vedello!
Però, ne la soffitta der palazzo,
c’è la moje der sorcio co’ la fija
e quelle, poveracce, nu’ l’ammazzo:
prima per un riguardo a la famija
eppoi perchè me fanno
trecento sorci all’anno…
In certe circostanze è necessario
un po’ de sentimento umanitario…

30 ottobre 1916
Trilussa

26

La ninna nanna de la guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
che se regge co le zeppe,
co le zeppe d’un impero
mezzo giallo e mezzo nero.
Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili
Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
[…]

2

La strada mia

La strada è lunga, ma er deppiù l’ho fatto:
so dov’arrivo e nun me pijo pena.
Ciò er core in pace e l’anima serena
der savio che s’ammaschera da matto.

Se me frulla un pensiero che me scoccia
me fermo a beve e chiedo aiuto ar vino:
poi me la canto e seguito er cammino
cor destino in saccoccia.

Trilussa

Natività di Gesù 3

Er presepio

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente,
pé ‘sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa? Si poi v’odiate,
si de st’amore non capite gnente…
Pé st’amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto, senza ascolto.
[…]

1

Core de Tigre

CORE DE TIGRE
Trilussa

‘Na Tigre der serajo de Nummava,
come vidde tra er pubbrico ‘na donna
che la guardava tanto, la guardava,
disse ar Leone: — S’io incontrassi quella
in mezzo d’un deserto, e avessi fame,
mica la magnerebbe: è troppo bella!
Io, invece, bona bona,
j’annerebbe vicino
come fa er cagnolino
quanno va a spasseggià co’ la padrona. —
La bella donna, intanto,
pensanno che cór manto
ce sarebbe venuto un ber tappeto,
disse ar marito che ciaveva accanto:
— Io me la magno a furia de guardalla:
che pelo! che colori! com’è bella!
Quanto me piacerebbe a scorticalla!

10

La verità

LA VERITA’
Trilussa

La Verità che stava in fonno ar pozzo
Una vorta strillò: – Correte, gente,
Chè l’acqua m’è arivata ar gargarozzo! –
La folla corse subbito
Co’ le corde e le scale: ma un Pretozzo
Trovò ch’era un affare sconveniente.
– Prima de falla uscì – dice – bisogna
Che je mettemo quarche cosa addosso
Perchè senza camicia è ‘na vergogna!
Coprimola un po’ tutti: io, come prete,
Je posso dà’ er treppizzi, ar resto poi
Ce penserete voi…

– M’assoccio volentieri a la proposta
– Disse un Ministro ch’approvò l’idea. –
Pe’ conto mio je cedo la livrea
Che Dio lo sa l’inchini che me costa;
Ma ormai solo la giacca
È l’abbito ch’attacca. –

Bastò la mossa; ognuno,
Chi più chi meno, je buttò una cosa
Pe’ vedè’ de coprilla un po’ per uno;
E er pozzo in un baleno se riempì:
Da la camicia bianca d’una sposa
A la corvatta rossa d’un tribbuno,
Da un fracche aristocratico a un cheppì.

Passata ‘na mezz’ora,
La Verità, che s’era già vestita,
S’arrampicò a la corda e sortì fôra:
Sortì fôra e cantò: – Fior de cicuta,
Ner modo che m’avete combinata
Purtroppo nun sarò riconosciuta!