Checco Durante Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Checco Durante

5

La befana

Guardi – dice er commesso – che carina
‘sta bamboletta qua:
move la testa quanno che cammina,
dice papà e mammà,
chiude I’occhietti si la mette a letto,
ciò er vestito de seta cor merletto…
La pupa s’è convinta: – Mamma, è bella!
Dì a la Befana che me porti quella,
e che me porti puro la cucina,
la cammera da letto, er salottino…
Ma qui s’azzitta; dietro a la vetrina
ha visto ‘na pupetta cor nasino
appiccicato, sfranto sur cristallo,
che j’ha fatto impressione ner guardallo.

[continua…]

Checco Durante

3

E’ ritornata la Befana

Oggi, ch’è aritornata la Befana,
ripenso a quanno ch’ero regazzino:
vedo Piazza Navona, la buriana,
rìsento er concertino fatto co’ le trombette
dentro l’orecchio de le regazzette
che a forza de risate e de strilletti
e facenno vedé de scappa via,
pareveno ‘no stormo d’ucelletti.
Quanta semplicità! Quanta allegria.
E me rivedo puro que la sera
che nonna me se mise accosto al letto
e, doppo detta assieme la prejera,
me fece un discorsetto.
Dice: – Stanotte ariva la Befana…
Va in giro pe’ li tetti
ìnfagottata in una palandrana,
e cià un sacco co’ tanti regaletti
pe’ le creature bone
pe’ vedelle contente,
e un antro co’ la cenere e er carbone
pe’ quelle più cattive e impertinente.
E gira… gira sempre, poverettal
Se ferma solamente a ‘gni cammino
pe’ poté mette dentro a la carzetta
quello che ha meritato er regazzìno.
Però, cocco mio bello, t’ho da dì
che la Befana nun finisce qui,
che la Befana nun è mai finita
ma t’accompagnerà tutta la vita,
pronta a premiatte si fai |’azzione bone…
si fai der male pronta gastigatte
portannote la cenere e er carbone.
Senti tu’ nonna che te dice questo:
Mantiette sempre onesto…
ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male.
So passati tant’anni…
N’ho fatto de cammino su ‘sto monno…
da la vita ciò avuto gioie e affanni…
er nipotino è diventato nonno.
Ma la voce de nonna, pora vecchia,
ancora me risona nell’orecchia:
– Ricordete che ar monno quer che vale
è fa sempre der bene e mai der male. –
E mo, come quann’ero regazzino,
me domanno co’ un po’ de commozione:
– Si metto la carzetta ner cammino
ce trovo più regali… o più carbone?

Checco Durante

13

L’elezzioni pe’ le reggioni

Pe’ via dell’elezzioni
che se devono fa pe’ le Reggioni
li candidati in massa hanno da annà
tutti a la Bocca de la Verità

indove a uno a uno, poi je tocca
de metteje la mano ne la bocca,
ch’er mascherone, peggio de ‘na cagna,
si dicheno bucie je se le magna.

6

Er seconno diluvio – Checco Durante

Er seconno diluvio – Checco Durante

Er Padreterno, ner vedè la gente,
che, invece de campà tranquillamente
co ’na vita de pace e de lavoro,
s’ammazzaveno sempre fra de loro
fece chiamà San Pietro e je fa, dice:
– L’omo è un ingrato e dà solo amarezza!
Quello che ho fatto perché sia felice,
invece de godello lo disprezza;
ma nun so’ tipo io da famme sfotte,
faje un antro diluvio e bonanotte.
Ma un diluvio completo, senza l’arca,
senza le coppie e senza er patriarca. –

      San Pietro, poveraccio, tanto bono,
cercava de carmallo: – Nu’ lo fa!
Pe’ ’sta vorta concedeje er perdono,
vedrai… se cambierà… – (continua a leggere)

17

All’anno novo

Anno che nasci: si voi avecce un vanto,
nun ce devi portà dolori e pene
devi portà soltanto
un’epoca de bene,
un’epoca de pace,
e soprattutto devi fa capace
‘sta pora umanità scema e traviata
d’apprezzà quanto ar monno c’è de bello
quanto ar monno ce stà p’esse felice.
Tant’omini de quelli cor cervello,
de quelli che se dice
che so geni, non hanno che inventato
cannoni, bombe atomiche, li gasse
e tant’altri ingredienti p’ammazzasse,
cosa che te dimostra, e fa vergogna,
che l’omo more si nun cerca rogna.
‘Sto poro mezzo secolo passato
è stato insanguinato!
Speramo armeno che da tante pene
ne scaturisca un bene!
Speramo che la gente
se scordi ogni rancore
e se possa convince finarmente
che la felicità sta nell’amore.
Volesse bene… E’ questa la ricetta
che nun se sbaia mai,
che fa trovà la via benedetta,
che sa fa superà tutti li guai.
Caro anno novo mio si ce sai fa
fallo entrà in testa tu all’umanità.
Se riuscirai a fa questo
diremo che sei stato un anno onesto,
un anno senza pene e senza guai…
e quanno moriarai
noi resteremo co’ la bocca amara
come chi perde ‘ma persona cara.

Checco Durante

3

La Guera

Poesia di Checco Durante: La Guera

Senti, sarò ignorante, nun contesto,
ma, scuseme, viè qua, famme capace,
seconno te la guera cià er pretesto
che s’ha da fa p’assicurà la pace.
Insomma pe’ sta in pace su la tera
nun c’è che un modo: s’ha da fa la guera.

5

A certi critici

Siccome pe’ parlà’ bene de uno
sete usi a aspetta’ che prima more,
io che, seconno voi, nun so’ nessuno,
me fo un augurio che vie’ su dar core.
Per evitavve de prova’ er rimorso
de perde tempo a stroligà’ la mente
pe’ potè’ mette assieme un ber discorso,
p’affermà’ ch’ero bravo e inteliggente,
pe’ favve risparmià’ tutti ‘st’affanni,
ogni giorno che passa prego Dio
che me facci campà ‘n’antro po’ d’anni,
cosí er discorso ve lo faccio io.

Checco Durante

4

Romolo e Lucullo

Er romano così focoso e bullo
se sa ch’è un discendente de Lucullo,
de quell’antico e celebbre romano
che diede er nome ar “ pranzo luculliano”
Pé questo fino dall’antichità
ha mantenuto er curto der magnà.
E figurete mo che víé Natale
Checco durante

2

Rinnovamento

Lo so che Roma nostra s’è cambiata
e s’ha da rinnovà da capo a fonno
perché ha da esse, come è sempre stata,
la città più magnifica der monno.
E’ troppo giusto che li vicoletti,
storti, anniscosti, stretti,
doveveno spari ne ‘sto momento
come cose de’ n’epoca passata…
Ma si sapessi si che accoramento
quanno che vado a fa ‘na passeggiata
e co’ la fantasia rivedo ancora
la vecchia Roma mia com’era allora.

Certo è bello er palazzo novecento
arto che pare voji sfonnà er celo,
ma a me me fa provà come un tormento,
ma a me me mette addosso come un gelo,
e ‘sto povero core da romano
ricerca ‘na casetta cor mignano.

E lo sogna un mignano: un mignanello
baciato da la luna… tutto in fiore…
e fra li fiori un grugno ciumachello
che co’ ‘no sguardo t’abbruciava er core.

E giro… e cerco… e quanno che ho veduto
tu m’hai da crede che te dico er vero:
me pare d’esse come ‘no sperduto
che a casa sua se sente forastiero.

Checco Durante da “Acquarelli, poesie romanesche”.