Canzone popolare Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura Canzone popolare Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Canzone popolare

11

La società de’ li magnaccioni

Canto popolare di fine ottocento

Fatece largo che passamo noi,
Li giovanotti de ‘sta Roma bella.
Semo ragazzi fatti cor pennello,
E le ragazze famo innamorà.
E le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce ‘mporta,
Se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua:
E noi je dimo, e noi je famo,
“C’hai messo l’acqua, e nun te pagamo!” ma però,
Noi semo quelli, che j’arisponnemo ‘n’coro:
“È mejo er vino de li Castelli
Che questa zozza società”.

[…] Continua a leggere…

6

Le ferovie

Le Ferovie appartengheno a lo Stato
È bello assai er servizio che te fanno!
Si monti drento ar treno, dopp’un anno
Si nun mori acciaccato, sei arivato.
Si voi fà quarche viaggetto
E pià te voi er diretto,
Poco ce manca
Che arivi vecchi e co’ la barba bianca.
Poco ce manca
Che arivi vecchio e co’ la barba bianca.

Sor Capanna, Stornelli Romani

5

Core de mamma

S’anninna quanno è sera er pupo bello
e mamma se lo strigne sopra ar core
je brilla drento l’occhi tanto amore
come na fiamma de felicità
ce sta la vita sua in quell’antra vita
che già conosce mamma e vo’ parlà

Su dormi tranquillo boccuccia de rosa
che mamma è la cosa piu’ santa che c’e’
dorcezza de mamma passione der core
sei gioia e dolore sei tutto pe’ mme

19

Alla renella

Alla Renella…
più cresce er fiume e più legna vie’ a galla
io più ve guardo e più ve fate bella…

A ttocchi a ttocchi la campana sona,
li turchi so’ rivati alla marina.
Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola,
io me l’ho risolate stammatina.

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli
quarchduno l’ha da pagá.

Amore, amore, manneme un saluto,
che sto a Reggina Celi carcerato,
d’amici e da parenti abbandonato
e so’rimasto solo abbandonato.

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli
quarchduno l’ha da pagá.

S’er papa me donasse tutta Roma
e me dicesse, “Lassa star chi t’ama.”
io je direbbe, “No, sacra corona,
val più l’amore mio che tutta Roma.”

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli
quarchduno l’ha da pagá

10

Sora Menica

A Roma a Roma belle le romane
ma so’ più belle le trasteverine
l’arubbacori so’ le monticiane
l’arubbacori so’ le monticiane

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Semo trasteverine e nun tremamo
Paura nun avemo de nisuno
c’avemo bona lingua e mejo mano
c’avemo bona lingua e mejo mano.

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Sete la banderola de Castello
avete dato er core a questo e quello
‘na botta ve cercate de cortello
‘na botta ve cercate de cortello

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Er core mio l’ho dato a chi me pare
l’anno tenuto tutti come ‘n fiore
er vostro s’è appassito ner cantone
er vostro s’è appassito ner cantone

Sora Menica Sora Menica
oggi è domenica. Lassece stà.

Canzone popolare di un autore anonimo che racconta della contrapposizione tra rioni di Roma attraverso il “botta e risposta” tra le ragazze di Monti e quelle di Trastevere.