Statue parlanti Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura Statue parlanti Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Statue parlanti

22

La Fontana del Facchino

In Via Lata, sul fianco del Palazzo della Banca di Roma, Palazzo De Carolis, c’è una piccola fontana con le fattezze di un uomo, piuttosto rovinate a dire il vero, che tiene in mano una botticella da cui sgorga acqua: è la Fontana del Facchino.
In origine tale fontanella era situata proprio sulla fronte del palazzo, quindi su Via del Corso, ma fu spostata di lato nel 1872, probabilmente per proteggerla dal traffico che rischiava di danneggiarla.
Secondo il Vanvitelli, che nel 1751 fece una perizia del palazzo De Carolis inventariandone tutti i beni mobili e immobili, la fontana sarebbe stata scolpita dallo stesso Michelangelo Buonarroti.
E’ più probabile però attribuire la fontanella allo scalpello di Jacopo del Conte, un pittore che abitava nei pressi della fontana e che era piuttosto famoso proprio nel periodo in cui l’acqua vergine fu portata a Via del Corso (1587-1598).
Prima dello spostamento della fontana pare ci fosse al di sopra un’iscrizione: “Ad Abbondio Rizio, nominato facchino nelle pubbliche strade, valentissimo nel legar fardelli e caricarseli sulle spalle, che trasportò quanto volle, visse quanto potè e mentre portava un barile di vino in spalla e dentro il corpo, contro sua voglia morì.” (Continua a leggere)

4

La fontana del Babuino

Roma è famosa per le sue fontane meravigliose ma ce n’è una che non brilla certo per bellezza, ed è proprio la fontana del Babuino, in Via del Babuino.
La sua storia risale al 1571 quando il commerciante ferrarere Alessandro Grandi realizzò, a sue spese, una fontana ad uso pubblico. Secondo una prassi consueta a quei tempi, in cambio della concessione, da parte di Papa Pio IV, dell’erogazione dell’acqua direttamente nel suo palazzo il Grandi fece addossare al prospetto dell’edificio una vasca in marmo africano che serviva anche da abbeveratoio per gli animali. Come decorazione delle vasca si scelse di mettere la statua di un sileno a grandezza naturale. (Continua a leggere)