Aldo Fabrizi Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Aldo Fabrizi

0

La notte di Natale

Ier sera,
a mezzanotte meno ‘n quarto,
uscenno pè la messa de Natale,
m’è capitato un fatto..
un fatto tale,
che non so come non me pija un infarto.
All’ultimo ripiano,
all’improviso,
me so’ urtato de fianco,
con un vecchio impalato addosso ar muro
e margrado in quer punto fusse scuro,
vedevo bene solamente il viso
incorniciato da un barbone bianco,
la parete scura dove stava appoggiato,
a poco a poco è diventata azzura.
-“Io so’ papà Natale”- m’ha spiegato
-“lo stesso de quann’eri regazzino,
de quanno m’aspettavi,
guardanno nella cappa der cammino,
che te portassi quello che sognavi.
Sino a quarch’anno fa, quanno arivavo io,
se respirava er bene assieme all’aria
e l’ommeni de bona volontà,
senza la malattia contestataria,
credeveno alla nascita de Dio,
mo co’ ‘sta libbertà confusionaria,
c’è tanta gioventù che stenta a crede
e mette in discusione er fonnamento de’la religione,
giocannose er conforto de’la fede,
purtroppo anno pè anno
la vita sta cambianno,
pre esempio li pupetti, mo vonno:
er mitra, e’ razzo, l’aprioggetti,
er casco d’alluminio,
l’abitacolo pè annà a scoprì un pianeta
e la stella commeta
che illuminò la notte der miracolo
per annuncià er messia,
pè ricordalla non ce sta poeta,
purtroppo hanno ammazzato la poesia.”-
Ho arzato l’occhi ar cèlo
come pè dì..”ce penserà quarcuno”..
quanno l’ho riabbassati,
avanti a me nun c’era più nesuno,
c’era solo un sacchetto, un cartoncello
co’quarche giocarello cascato giù per tera,
un cavalluccio a dondolo, un tamburo,
‘na sciabbola, ‘na tromba, ‘n bambolotto,
un sordatino cor fucile rotto
assieme a ‘no straccetto tricolore,
robbetta antica senza più valore.
Le campane de Roma in quer momento
hanno detto fra poco è mezzanotte
non fate tardi al vecchio appuntamento,
ma doppo que’ rondò de pace e bene
c’è stato ‘no scombussolo,
la notte s’è riempita de urli e de sirene
e va a capì chi fosse
o pompieri o pantere o crocerosse,
mentre stavo così,
c’è stata pè guastamme la nottata,
un’antra novità, la messa bitte
difatti da ‘na chiesa quà vicino
me arivato un fracasso indiavolato
de batterie, sassofoni, chitare,
che avrà fatto tremà Gesù bambino
e tutte le fiammele de’l’artare,
entranno a casa,
ho messo er catenaccio dicenno
-“Mo che faccio..”- poi ho detto
-“..perdoneme Gesù, si pregherò quàssù”-
e pensanno l’armonium effatato,
sentivo er sono più scommunicato
e mentre che a’la radio
parlava er Santo Padre,
io me so’ inginocchiato
davanti all’artarino
de mi madre…

Aldo Fabrizi

Leone 7

Un giorno da leone

Quanno la cinquantina è superata,
s’ammonisce la massima attenzione,
leggero a cena, niente a colazione
e l’ottantina è quasi assicurata.

Ma oggi che se campa a la giornata,
chi la rispetta più st’ammonizione?
E’ mejo a vive un giorno da leone
che trent’anni da pecora affamata.

Chi conta li bocconi e le bevute
e se controlla da matina a sera,
finisce pe’ fregasse la salute.

E poi je po’ succede, sarvognuno,
che, nun sia mai, rischioppa n’antra guera,
arischia pure de morì a digiuno.

Aldo Fabrizi

Le regioni d'Italia 9

Le Regioni

In Toscana ce so’ le Pappardelle,
ner Veneto – Polenta co’ l’uccelli,
in Campania e Lucania – Vermicelli,
in Emilia e Romagna – Tajatelle.

Ne le Puglie – Fusilli e Recchietelle,
In Abbruzzo – Crespelle e Gamberelli,
in Lombardia – Risotto (poverelli)1
in Liguria – Trenette e Reginelle.

Gireno le forchette a tutta bira
pe’ vince la battaja Nazionale
contro lo sbragamento de la lira.

Perfino ne le zone poverette,
doppo la spartizione Regionale
è tutto quanto un giro de forchette.


1 – Si fa per dire – ma non è mica vero, anzi…

Aldo Fabrizi

Pasta asciutta 0

Pasta Capute Mundi

La Pastasciutta porta la bandiera
su tutti quanti li menù der giorno,
e all’Estero, che annava pe’ contorno,
mo batte la cucina forestiera.

A Roma, è rispettata a ‘na maniera,
che spareno er cannone a mezzogiorno,
e a lo squillìo de le campane attorno,
risponne l’eco d’ogni insalatiera.

Da tutti li cammini sorte er fumo
che se sparpaja in aria come un velo
e porta ne lo spazio quer profumo.

Poi cala ‘na nebbietta fina fina,
so’ tutti quanti l’Angeli der cielo
che in quer momento cìanno l’acquolina

Aldo Fabrizi

43

Er Pandorato

ER PANDORATO
Aldo Fabrizi)

Le fette de pagnotte un po’ rifatte
vanno tajate inerte, no’ a sfojetta
com’er pane che chiameno a cassetta,
quelle nun pònno mai rimane intatte.

E mò ve spiego come vanno fatte:
s’hanno da mette in una terinetta
a mollo a ‘no sbattuto d’òva e latte
e ce se fanno sta ‘na mezzoretta.

Quanno ch’er Pane è bene imbeverato
s’indora fritto all’ojo o a tutto buro
p’ave’ diritto ar nome “Pandorato”.

Certo chi soffre de colesterina
e nun se vo’ aggravà, rinunci puro,
e vada a letto co’ la minestrina.

4

Er pane e’ bono co’…

Senza cita’ Bruschetta e Panzanella,
e’ bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia’ dar classico crostino
fatto co’ buro, alice e mozzarella.

E’ bono cor guanciale a Panontella,(1)
co’ le noce, co’ l’uva, intinto ar vino,
cor miele, co’ la fava e ‘r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

107

L’acqua cotta

L’ACQUA COTTA
Aldo Fabrizi

Un piatto che non costa quasi gnente,
e c’è un proverbio c’è, su l’acqua cotta,
che dice: “Pane sprega e trippa abbotta”,
ecco la cena de la pòra gente!

Fette de pane e acqua solamente:
‘sta zuppa nun s’abbrucia e nun viè scotta,
e si ce sta appetito è più che jotta
perchè la fame è ‘r massimo ingrediente.

Eccheve la ricetta: “Fate bolle
nell’acqua, co’ l’odori de stagione,
carote, ajo, sellero e cipolle.

Poi, sopr’ar pane già ne la scudella,
versate “l’acqua”, l’ojo in proporzione,
e ve suffumigate le budella”.

0

Sur portone der Paradiso

Un tale viè fermato da San Pietro.
“A giovenò, ando’ vai? Quanno se mòre
se riconsegna l’anima ar Signore,
sinnò me tocca romanatte indietro”

“Scusi San Piè, ma Lei è rimasto addietro:
laggiù nun c’è più anima nè core,
gireno gnudi e offenneno er pudore,
senza più mano avanti e l’antra dietro.”

“E allora dico, puro a te te manca”
“No io ce l’ho, perchè er mestiere mio
fu onorato da Cristo. E’ larte bianca! (l’arte di fare il pane)

Defatti ho sempre inteso dì che un giorno
mortipricò li pani….” “E allora fìo,
che aspetti? Passa! Vamm’ accenn’ er forno!”

Aldo Fabrizi
da Nonno Pane, ricette e considerazioni in versi, Mondadori editore

52

La Panzanella

LA PANZANELLA
Aldo Fabrizi

E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori.